SHARE

Guadalupa- Finale entusiasmante alla Transat 650 dove Giancarlo Pedote e Benoit Marie stanno spingendo al massimo a un giorno e mezzo di mare dall’arrivo, previsto a questo punto per la tarda serata di domenica. L’inseguitore Marie è stato più veloce nelle ultime 24 ore , riuscendo a reguperare quasi 20 miglia all’italiano, che peraltro si è ben posizionato con una doppia strambata nelle prime ore di oggi, che lo ha portato proprio davanti alla rotta di Marie, collocandosi tra lui e la rotta diretta per l’arrivo.

Le posizioni (Pedote in rosso) dei due rivali alle 12 di oggi, con la previsione del vento per le 12 di domani domenica. Si nota la doppia strambata di Pedote nelle prime ore di oggi per posizionarsi davanti a Marie.
Le posizioni (Pedote in rosso) dei due rivali alle 12 di oggi, con la previsione del vento per le 12 di domani domenica. Si nota la doppia strambata di Pedote nelle prime ore di oggi per posizionarsi davanti a Marie.

Alle 12 di sabato, il vantaggio di Prysmian è di 25,5 miglia con 320 miglia ancora da percorrere. Basterà al fiorentino per cogliere uno storico successo per la vela italiana? Certamente Pedote dovrà ancora spingere al massimo, perché così sta facendo il suo rivale, anche questa mattina più veloce (11,6 nodi contro 10,8) nell’attuale andatura molto in poppa con un vento da ENE sui 18 nodi, che in prossimità della Guadalupa dovrebbe ruotare a destra fino a ESE, il che potrebbe portare a qualche strambata probabilmente decisiva nelle ultime ore di regata.

 

Prysmian in regata. Foto Vapillon
Prysmian in regata. Foto Vapillon

25 miglia di margine e ancora circa 32-34 ore di regata? Con un nodo di differenza non sarebbero un margine tranquillo, per cui sarà molto importante vedere la posizione e la veocità di Pedote nelle prossime 8 ore, quanto i due rivali stanno praticamente seguendo la stessa rotta di avvicinamento all’ortodromica finale. E’ evidente come Marie stia spingendo al massimo delle sue possibilità in queste ultime miglia, come è giusto che sia in una grande sfida sportiva arrivata al diciottesimo giorno di mare, con le energie che si riducono. Giancarlo Pedote è preparato per fare altrettanto. Questa sera, al rilevamento delle 20, avremo dettagli in più.

I due leader hanno scavato un baratro sugli altri, con il terzo, Remi Fermin, a 197 miglia. Ancora più lenti i ministi a centro flotta, rimasti come previsto prigionieri della zona di poco vento al acentro dell’Atlantico. Michele Zambelli è decimo a 900 miglia.

Tra i Serie, la cavalcata solitaria di Aymeric Belloir prosegue senza problemi, con 184 miglia di vantaggio sul secondo e 669 miglia all’arrivo. Purtroppo Alberto Bona è rimasto praticamente fermo nella fiornata di ieri e solo questa mattina ha ripreso un po’ di velocità dopo una rotta erratica del suo Onlinesim.it. Alle 12 è decimo a 601 miglia. 24.Fornaro a 940 miglia; 30.Cuciuc a 1.072; 33.Iacopini a 1.163 miglia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here