SHARE

Genova- Importante precisazione della Federvela a proposito delle visite mediche necessarie per prendere parte a Campionati Europei e Mondiali delle varie classi. La questione riguarda molti velisti che, in un primo momento, per partecipare a regate continentali o iridate nelle varie classi dell’Altura o dei monotipi, avrebbero dovuto produrre un certificato medico ti tipo B (agonistico).

Adesso ciò non è più richiesto, o meglio riguarda solo i velisti membri di squadre federali.

Schermata 04-2457500 alle 16.13.20

Il Consiglio Federale, infatti, in occasione della sua 457ma riunione ha ritenuto di precisare le precedenti indicazioni federali emanate sul limite di età a 60 anni e sulla obbligatorietà della certificazione medica sportiva di tipo B.

In attesa che il CONI esamini e approvi l’intera proposta federale di nuova classificazione dell’attività agonistica velica, inclusi appunto i nuovi limiti partecipativi d’età e il collegato obbligo della certificazione medica di tipo B, il Consiglio ha precisato che tali indicazioni continuano a valere unicamente per quei tesserati che fanno parte delle Squadre Federali delle Classi Olimpiche e Giovanili, ufficialmente convocati dalla FIV per la partecipazione a manifestazioni internazionali in Italia e all’estero.
Solo per questi quindi continua a valere il limite partecipativo di età, attualmente fissato a 60 anni e l’obbligo della visita medica di tipo B.

Per tutti gli altri tesserati, impegnati a titolo personale a manifestazioni nazionali e internazionali in Italia e all’estero, inclusi necessariamente i vari Campionati Europei e Mondiali di tutte le Classi diverse da quelle Olimpiche e Giovanili di interesse federale, restano confermate le indicazioni normative sin qui in vigore (nessun limite a 60 anni e conferma possesso certificazione medica di tipo A).

Ovviamente ogni velista, e il medico curante a cui viene richiesto il certificato, dovrà sapere se, visto il suo stato di forma fisica, sarà indicato sottoporsi comunque a una visita medico sportiva con ECG sotto sforzo. Visto che la fatica alle cinghie di un Laser o di un Finn è uguale, almeno in teoria, per tutti.

http://www.federvela.it/news/partecipazione-attivit%C3%A0-internazionale-italia-e-all%E2%80%99estero-limite-et%C3%A0-e-certificazione-medica

3 COMMENTS

  1. grazie al Consiglio Federale per aver comunicato già ad anno inoltrato,anzi più che inoltrato visto che siamo già a fine aprile,e la maggior parte dei velisti ha già provveduto al tesseramento con non pochi”dubbi”
    ITA1

  2. fortunatamente io non ho ancora fatto la visita medica, ma resto nel dubbio di essere escluso dalla regata. ma è una notizia che tutti i giudici di regata sanno?

    • Gentile Stefano, sì ovviamente, si tratta di una comunicazione ufficiale da parte della Federvela.

      Saluti

LEAVE A REPLY