SHARE
Gli azzurrini sul podio ad Auckland, vincitori del Nations Trophy. Foto Sailing Energy

Auckland, Nuova Zelanda- L’Italia ha vinto la classifica per nazioni agli AON Youth Sailing World Championship di Auckland… l’importantissimo Mondiale Giovanile Under 19. L’Italia è quindi campioni del mondo (due argenti e un bronzo nelle singole classi) nella classifica tra i Paesi partecipanti. Alexandra Stalder (CN Bardolino) e Silvia Speri (FV Peschiera) sono argento nei 420 Ladies, Paolo Giargia (Varazze CN) è argento nei Laser Radial M e Carolina Albano (CV Muggia) conquista il bronzo nei Laser Radial F. Complimenti a tutti i ragazzi e al DT Alessandra Sensini

Gli azzurrini sul podio ad Auckland, vincitori del Nations Trophy. Foto Sailing Energy
Gli azzurrini sul podio ad Auckland, vincitori del Nations Trophy. Foto Sailing Energy

Così la Sensini nella notte italiana a Fare Vela: “Pooooopopopopopooooo… Campioni del Mondo… Oro come Nazione per la squadra più due argenti e un bronzo nelle singole classi. Siamo davvero molto soddisfatti”.

Paolo Giargia, argento nei Laser Radial
Paolo Giargia, argento nei Laser Radial
Carolina Albano bronzo nei Laser Radial donne
Carolina Albano bronzo nei Laser Radial donne
Alexandra Stalder e Silvia Speri argento nei 420 Ladies
Alexandra Stalder e Silvia Speri argento nei 420 Ladies
L’ottima trasferta azzurra si completa con il quarto posto di Ugolini-Giubilei nei Nacra 17, il quinto di Ferraro-Orlando nei 420 M, l’ottavo di Zampiccoli-Chiste nei 29er M, il 19esimo di Waink-Gadotti nei 29er F, il sesto di Matteo Evangelisti negli RS:X M e il sesto di Giorgia Speciale negli RS:X F.
Nel Nations Trophy (65 Paesi) l’Italia ha preceduto la Gran Bretagna e la Francia.
Gli ori sono andati a: Rogers-Parkin, USA (420 M); Szmit-Dzik, POL (420 F); Beaumont-Darling, GBR (29er M); Bryant-Wilmot, AUS (29er F); Mourniac-Dorange, FRA (Nacra 15); Finnian, AUS (Laser Radial M); Moreira Fraschini, URU (Laser Radial F); Omer, ISR (RS:X M); Wilson, GBR (RS:X F).
“È davvero bello vincere qui, nella città della vela, in questo campo di regata così difficile e in un ambiente in cui si respira vela ovunque. È stata una settimana intensa, impegnativa, e non posso che essere molto soddisfatta della squadra, che ha risposto bene fin dall’inizio, dimostrando coesione e maturità”, ha dichiarato da Auckland Alessandra Sensini, “La vittoria del Nations Trophy è merito di tutti, nessuno escluso, di una squadra forte formata da ragazzi molto uniti, che si sono aiutati sempre, sia a terra che in acqua.
Paolo Giargia. Auckland, New Zealand is hosting the Aon Youth Sailing World Championships, the 46th edition, from 14 to 20 December 2016. More than 380 sailors from 65 nations sailing in more than 260 boats across nine disciplines will compete in New Zealand.
Paolo Giargia. Auckland, New Zealand is hosting the Aon Youth Sailing World Championships, the 46th edition, from 14 to 20 December 2016. More than 380 sailors from 65 nations sailing in more than 260 boats across nine disciplines will compete in New Zealand.
È un successo che dà grande soddisfazione e questo riguarda anche tutte le persone che in questi anni hanno lavorato nel settore giovanile. Anche a livello individuale siamo andati bene, con due medaglie d’argento e un
bronzo: Stalder-Speri nel 420 e Giargia nel Radial hanno confermato il secondo posto con cui sono entrati nell’ultima giornata dimostrando carattere, mentre per Albano nel Radial la situazione era ben diversa, perché doveva recuperare diversi punti. È scesa in acqua determinata nel vincere la prova e così ha fatto. Dispiace invece per gli equipaggi del 420 Maschile e del Nacra 15, perché i ragazzi valgono molto tecnicamente e meritavano qualcosa in più, ma devono comunque essere soddisfatti di quanto hanno fatto e del contributo che hanno dato alla Squadra. Un discorso, ci tengo a sottolinearlo,
che vale per tutti gli equipaggi che hanno partecipato al Mondiale.
Voglio ringraziare i Tecnici che erano con me ad Auckland, Gigi Picciau e Mauro Covre, e quelli che pur essendo restati in Italia, sono stati
comunque sempre presenti al nostro fianco, ovvero Chicco Caricato, Luis Rocha e il Rule Advisor Luigi Bertini. Purtroppo, per questioni di accrediti limitati, non sono potuti venire in Nuova Zelanda, ma io ho la grande fortuna di poter contare su un team di persone molto valide tecnicamente e soprattutto umanamente, quindi non solo la decisione su chi portare ad Auckland mi è stata facilitata da loro stessi, ma chi è rimasto a casa è stato
sveglio intere nottate per darci un supporto totale, e fondamentale, in tutto e per tutto. Era come se fossero qui con noi e per questo voglio ringraziarli di cuore”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY