SHARE

Genova– E’ arrivata oggi l’attesa sentenza del Tribunale Federale FIV sul caso che riguarda la Fraglia Vela Riva del Garda e il suo allenatore Santiago Lopez, in riferimento al caso di spiaggiamento dell’Optimist e della mancata sorveglianza a una velista minorenne tesserata nell’ottobre 2016 per la stessa FV Riva. Si tratta del primo pronunciamento sui casi di diferimento portati avanti dal Procuratore Federale, ne seguirà un secondo relativo ai casi di presunto bullismo nei confronti della minore, indotta secondo quanto ipotizzato dalle indagini e coinfermato dalla madre, Barbara Della Valle, a lasciare il circolo trentino e ad avere non pochi problemi per un nuovo tesseramento.

Il Tribunale Federale presieduto dall’Avvocato Alessandro Ghibellini ha riconosciuto le responsabilità ascritte e ha condannato la FV Riva presieduta da Giancarlo Mirandola alla sanzione pecuniaria di 4.000 euro e ha sospeso l’allenatore Santiago Lopez per venti giorni con dieci giorni di sospensione dall’attività di tecnico.

Clicca qui per il PDF della sentenza. rpni_8_16_-_dispositivo

Vista aerea della Fraglia Vela Riva durante il Meeting Optimist del Garda. Foto FV Riva
Vista aerea della Fraglia Vela Riva durante il Meeting Optimist del Garda. Foto FV Riva

Una sentenza lieve per il tecnico e più pesante per la FV Riva, di cui è stata riconosciuta la responsabilità oggettiva. Un caso che, arrivato sulle colonne della Gazzetta dello Sport ha fatto parlare mezza Italia.

La Fraglia Vela Riva ha successivamente inviato ai media una nota in cui “prende atto della decisione del Tribunale Federale presieduto dall’avv. Ghibellini in relazione al caso di spiaggiamento di una propria atleta avvenuto lo scorso mese di ottobre”.

La Fraglia Vela Riva affida ai propri legali una nota formale di commento alla decisione N. 2/2017 del tribunale di Federvela: “Abbiamo suggerito alla Fraglia Vela Riva e all’allenatore Santiago Lopez di non commentare in alcun modo la decisione N. 2/2017 del Tribunale F.I.V. Riteniamo di dover impugnare una decisione che non si può condividere assolutamente. Parleremo esclusivamente attraverso atti formali, che siamo chiamati a proporre, nella convinzione che il tecnico e la Fraglia Vela Riva siano stati ingiustamente sanzionati”.
La nota è firmata dagli Avvocati Alessandro Malossini e Francesco Zarbo.

La FV Riva pare decisa quindi a ricorrere in appello sulla sentenza. Le motivazioni della sentenza saranno disponibili tra dieci giorni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here