SHARE

Porto Rotondo- E’ di nuovo Unica, a firmare il successo nella Solaris Cup che si è conclusa oggi sotto l’egida dello Yacht Club Porto Rotondo, con la partecipazione record di trentaquattro esemplari tra i 32’ e i 72’ di lunghezza, giunti in Sardegna da sei nazioni (Italia, Germania, Svizzera, Austria, Gran Bretagna e Spagna) per il consueto raduno annuale e per sfidarsi in due regate, molto tecniche e avvincenti.

Solaris in regata a Porto Rotondo

Il Solaris 42 maltese, già vincitore un anno fa sempre nella acque di Porto Rotondo dell’edizione 2016 ha ottimizzato il terzo posto nella regata costiera corsa oggi con vento da maestrale fino a 20 nodi e vinta sul tempo reale ancora da Anka e in compensato dall’austriaca Windspiel.

Il nuovo piazzamento da podio, sommato alla vittoria di sabato, gli ha permesso di confermare il primato provvisorio. Sul podio altri due Solaris 42, a conferma dell’animo competitivo del modello di punta tra i Solaris medio piccoli: Swiss Nautic Two, barca svizzera condotta per l’occasione dal velaio Marco Holn, e Windspiel.

Convince anche il primo nato tra i Solaris 55, Stay Away dell’italiano Clerici, settimo in classifica generale.

“E’ stato un evento di successo, con la partecipazione di 250 persone al giorno, tra armatori, potenziali clienti, equipaggi e team Solaris”, il bilancio dell’ AD del cantiere friulano, Michele Ricci, “lo spirito della due giorni, basato sulla condivisione per la vela nella magnifica cornice della Costa Smeralda, ha riconfermato la quarta edizione dei Solaris Days”

“Siamo orgogliosi di aver ospitato di nuovo il cantiere Solaris e le sue magnifiche imbarcazioni”, ha dichiarato il presidente dello Yacht Club Porto Rotondo, Roberto Azzi, “non potevamo inaugurare nel modo migliore il nostro calendario sportivo 2017, ricco di eventi di grande spessore e varietà”.

Il prossimo sarà un ritorno al passato, con la classica tappa sarda del Trofeo Bailli de Suffren di vela d’epoca, dal 26 al 28 giugno.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY