SHARE

Sistiana– Sono Circolo della Vela Bari, Società Canottieri Garda Salò, Circolo Nautico e della Vela Argentario, Aeronautica Militare, Diporto Nautico Sistiana, Circolo Vela Bellano, Yacht Club Adriaco e Reale Circolo Canottieri Tevere Remo gli otto Club qualificati a Trieste per la finale nazionale della Lega Italiana Vela, che si aggiungono ai sei selezionati a Porto Cervo lo scorso maggio. Con 4 regate disputate nella tarda mattinata, complice ancora la Bora, si è chiuso ieri a Portopiccolo il programma della seconda selezione Legavela: 32 le prove andate a referto grazie a condizioni meteo eccezionali che hanno caratterizzato il Golfo di Trieste nel corso del fine settimana.

Il team del CV Bari

Organizzata da Società Velica di Barcola e Grignano con la collaborazione dello Yacht Club Portopiccolo e il supporto di Banca Aletti, la tappa di selezione LIV ha visto esordio con Bora fino a 25 nodi e quindi vento tra i 10 e i 15 nodi nelle due giornate successive: condizioni perfette per regatare a bordo dei monotipi J70 della Legavela Servizi.

La vittoria di tappa è andata al Circolo della Vela Bari, con Simone Ferrarese al timone, a suo agio in condizioni meteo rafficate e impegnative: mai peggio di un quinto posto, Bari ha collezionato cinque primi e sei secondi, chiudendo a 36 punti, con ben 14 punti di vantaggio sul secondo, Società Canottieri Garda Salò, estremamente combattivo e forte di tre primi posti che hanno garantito un meritato argento. Terza piazza per Circolo Nautico e della Vela Argentario, un podio agguantato puntando alla costanza da quattro giovanissimi atleti a proprio agio soprattutto con vento molto forte.

“Che fantastiche giornate di regata – ha commentato Simone Ferrarese, timoniere di Bari – sono entusiasta di aver qualificato il nostro Club e vinto la tappa, ora ci prepariamo per la Finale di Crotone. Queste regate ci hanno impegnato molto: il format e il vento rafficato da terra hanno reso le prove molto difficili ma estremamente divertenti, anche grazie alle barche, questi bellissimi J70 che si prestano molto a queste condizioni e a questo tipo di regate”.

Soddisfatto anche il Presidente della Lega Italiana Vela, Roberto Emanuele de Felice: “Trieste ha confermato ancora una volta, e con una inedita Bora di luglio, di essere un eccezionale stadio della vela. Non è mancato alcun ingrediente: questa seconda selezione stagionale ha visto vento forte, temporali, l’esordio della flotta della Legavela Servizi e una location unica come Portopiccolo. Ringrazio Società Velica di Barcola e Grignano e Yacht Club Portopiccolo per aver organizzato una eccezionale tappa, che resterà nella storia della Legavela, e anche la squadra del Comitato di Regata, con il suo Presidente Costanzo Villa, e il Race Officer Giuseppe d’Amico che hanno, con il loro lavoro, permesso di completare a ritmo serrato tutte le 32 regate previste”.

Portopiccolo ha accolto con grande dedizione gli equipaggi: gli eventi a terra e le regate sotto costa sono state seguite con particolare interesse dai tanti appassionati che affollano questa nuova location turistica, protagonista del glamour dell’Alto Adriatico. “Organizzare una tappa a Portopiccolo – ha spiegato Dean Bassi, direttore sportivo della Società Velica di Barcola e Grignano – è stato impegnativo ma estremamente gratificante: le strutture sono eccezionali, gli approdi sicuri e di grande fascino, e l’organizzazione a mare ha funzionato molto bene anche con Bora forte. La qualità degli equipaggi ha valorizzato l’evento, mostrando come Trieste possa candidarsi per organizzare eventi monotipo di elevato profilo”.

“Questa tappa – ha dichiarato il vicepresidente esecutivo della Legavela Alessandro Maria Rinaldi – ha messo in evidenza la grande qualità dei team schierati dai Club: ben tredici equipaggi hanno ottenuto almeno un primo posto in una prova, dimostrando come si sia elevato il livello dei regatanti e di come la formula utilizzata dalla Legavela sia ormai entrata negli schemi operativi dei velisti. Altro elemento di grande valore, il numero di equipaggi composti da giovanissimi atleti e da mix di atleti esperti e giovani promesse: un segnale importante per l’intero movimento della vela e per la Legavela stessa, che a ottobre a Crotone organizzerà anche il kick-off LIV per equipaggi Under 19”.

In vista della finale di Crotone, la Lega Italiana Vela ha annunciato di voler procedere a un repechage dedicato ai team che hanno partecipato alle selezioni di Porto Cervo e Portopiccolo e che non si sono qualificati: da quattro a sei i posti a disposizione, in un evento in programma a Crotone prima della finale nazionale.

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY