SHARE

Genova– Ottimismo e affari. Questa la sintesi del Salone Nautico Internazionale che si è chiuso oggi a Genova. Il dato finale dell’affluenza fa registrare un più sedici per cento di visitatori rispetto all’edizione 2016. Il dato finale comunicato da UCINA è di 147.868 visitatori, di cui 34.122 stranieri. L’incremento rispetto al 2016 è stato del 16,26 per cento.

Un momento della conferenza stampa di chiusura

“Il successo di questa 57ima edizione del Salone Nautico”, ha detto il presidente di UCINA Carla Demaria, “è certificato dal dato dei visitatori che, ieri sera, si attestava a 137.427 con una crescita dell’8% rispetto al dato finale del 2016. I dati giornalieri parlano di una forbice tra il +10 e il +14% di presenze con una stima di chiusura complessiva che potrà variare tra il 15 e il 18% di incremento, quindi con un numero finale che si attesterà tra 145.000 e 150.000 visitatori”.

Il clima di ottimismo è stato condiviso un po’ da tutti gli operatori, che hanno registrato sensazioni simili: fiducia, richieste concrete dei clienti, interesse. “Al di là degli affari che si concretizzeranno come al solito in autunno, si nota davvero un clima positivo. Le sensazioni sono state buone”, dice Mario Sassi di Mylius Yachts. Simile la dichiarazione di Alessio Razeto di North Sails: “C’è molto interesse e gli armatori ci propongono la loro voglia di crescere come barche e vele. La sensazione è che l’ottimismo prevalga”. Così la pensa anche Raffaele Di Russo di Ubi Maior, azienda fiorentina di attrezzature fornitrice tra l’altro di ETNZ nella vittoria all’America’s Cup: “Abbiamo avuto moltissime visite allo stand e si respira un buon clima”.

Questa mattina si è svolta la conferenza stampa di chiusura, a cui erano presenti il Sindaco di Genova Marco Bucci, il presidente di Camera di Commercio di Genova Paolo Odone, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e il presidente di UCINA Carla Demaria.

Il Sindaco Bucci ha aperto la conferenza ricordando: “E’ stato un Salone Nautico bellissimo. Voglio parlarvi di cosa ha fatto Genova e di cosa farà in futuro per tornare ad essere la prima città del Mediterraneo. Il Salone era, è e sarà una pietra miliare per la città di Genova. I dati che abbiamo sono la testimonianza del successo di questa edizione: +14% ricavo per camera, +4% occupazione, quasi saturazione degli alberghi. Significativi i dati di affluenza agli Uffici di informazione ed accoglienza turistica (IAT): i turisti accolti sono stati +49,39% rispetto al 2016 (con una crescita del 63% di presenze italiane e del 44% di stranieri). Anche le visite ai musei hanno registrato un incremento: +23% di vendite delle card musei, +17% di visite guidate”.

Giovanni Toti, Presidente della Regione Liguria, ha aggiunto: “A Genova c’è un clima diverso. La politica, le Istituzioni, le imprese e l’Associazione di categoria hanno fatto quello che era giusto fosse fatto e che dovrebbe essere d’esempio per tutta l’Italia: in occasione del Salone Nautico si è messo in atto un modello virtuoso di sinergia tra le parti il cui successo si vede al di là dei numeri. Il Salone Nautico è un’eccellenza fondamentale per la Liguria e per tutto il Paese. Chiudiamo bene, chiudiamo felici, già pensando all’edizione 2018”.

“Il Salone Nautico è ripartito – ha proseguito Paolo Odone, Presidente di Camera di Commercio -. Anche i dati che ci arrivano dall’Aeroporto di Genova lo confermano: nel weekend sono state 123 le toccate di aerei privati, 2.500 i passeggeri in più rispetto allo scorso anno. Un’altra indicazione ci arriva dalla crescita dell’export genovese nel primo semestre: +32,% di crescita e +38,3% verso l’estero, trainato dalla Blue Economy”.

Odone ha poi concluso: “Un ringraziamento particolare va ai CIV (i centri integrati di via, che a Genova sono oltre 100) che hanno contribuito alla realizzazione di un programma di più di 50 eventi in città durante il Salone Nautico”.

Ha chiuso gli interventi Carla Demaria, Presidente di UCINA Confindustria Nautica: “Non solo abbiamo mantenuto le promesse fatte lo scorso 10 aprile nel corso della conferenza stampa di anteprima di questa edizione del Salone Nautico ma, anzi, ci siamo superati. Abbiamo tenuto duro ed abbiamo lavorato perché credevamo che questo Salone fosse lo strumento giusto per il mercato. Abbiamo lavorato seriamente accanto alle Istituzioni ed il fatto di firmare oggi il Protocollo d’intesa è un aspetto indubbiamente molto importante.”

La firma del Protocollo d’Intesa tra Istituzioni e UCINA Confindustria Nautica rappresenta un momento storico per il Salone Nautico e ha l’obiettivo di consolidare il Salone per gli anni a venire, promuovere sul territorio il settore della nautica e delle attività diportistiche e sportive, convenendo sull’imprescindibile necessità di confermare le modalità di organizzazione della manifestazione organizzata da UCINA Confindustria Nautica, in considerazione dei risultati, apprezzati da Istituzioni e Territorio, che ne testimoniano il ruolo di punto di riferimento per l’intero settore della nautica da diporto in Europa e nel Mediterraneo.

In merito agli affari, Carla Demaria ha sottolineato: “Siamo venuti al Salone Nautico di Genova per vendere ed abbiamo venduto tutti. Ogni segmento ha dati di vendita positivi. Questo Salone è lo specchio del dato di crescita del mercato che, con un +18,6%, conferma la ripresa del settore. Abbiamo ritrovato i valori di vendita del passato ed abbiamo richieste già per l’edizione 2018”.

A margine della conferenza stampa, il Presidente Carla Demaria, ha consegnato al Sindaco di Genova, Marco Bucci la targa che suggella la Piazza del Vento quale dono di UCINA Confindustria Nautica alla Città di Genova.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY