SHARE

Sanya, Cina- Sono Groupama e Camper i più veloci nella ripartenza della Leg 4, le 5.220 miglia da Sanya ad Auckland che si annunciano piene di insidie. Telefonica, che era stata la prima a partire alla mezzanotte italiana, è stata subito rallentata dal pochissimo vento presente lungo la costa meridionale di Hainan. Stessa sorte per Groupama, Azzam, Sanya e Camper, che sono partiti nell’arco di 9 minuti. Puma, partito alle 00:39, ha subito la stessa sorte ma è riuscito comunque a restare a portata degli altri.

Condizioni dure a bordo di Camper. Foto Hooper

Una volta usciti dal ridosso dell’isola, però, il Monsone si è fatto subito sentire con venti sui 25 nodi e onde di 5 metri, affrontate in bolina larga con J4 e una mano di terzaroli che hanno comunque portato a punte di 20 nodi di velocità, in condizioni definite “brutali” dagli equipaggi, che in alcuni casi hanno sofferto anche il mal di mare (capita anche ai più tosti…). Man mano che la flotta prosegue verso est, il vento si va via attenuando come da previsione e Groupama, posizionatasi al centro della flotta, è riuscita a prendere la testa.

Nick Dana, mediaman su Azzam, ha detto che “Lo stato del mare è così confuso e i colpi della barca sulle onde così violenti che sembra che la barca debba spaccarsi in ogni momento”.

Roberto Bermudez De Castro al grinder e ben legato durante la dura bolina di questa mattina su Camper. Foto Hooper

Il video:

Alle 9UTC Groupama ha 1,5 miglia di vantaggio su Camper, Telefonica ì a 2,1, Abu Dhabi a 3,8, Sanya (posizionata più a sud di tutti) è a 7,9 mentre Puma chiude a 12,9.

Link al video livestream di Camper, con il passaggio di stamani dalla bonaccia e mare piatto a 25 nodi e 4 metri d’onda:

new.livestream.com/camperemiratesteamnz/leg4/videos/1

www.volvooceanrace.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here