SHARE

Lorient, Francia- Prosegue la preparazione di Giancarlo Pedote, il velista fiorentino che sarà uno dei protagonisti della prossima stagione Mini 650 dopo l’acquisto della barca “senza prua” vincitrici con David Raison della Transat 650 2011. Sono terminati a Lorient i lavori di manutenzione e ottimizzazione per Prysmian ITA 747. Giancarlo Pedote e David Raison hanno lavorato per oltre un mese nel cantiere di Hennebont per perfezionare il prototipo.

Prysmian ITA 747 dopo il varo a Lorient. Quella che vedete è la prua...

“Un lavoro minuzioso in cui non si smette mai di cercare di migliorare le cose”, ha dichiarato Giancarlo Pedote, “Ogni intervento è studiato con attenzione prima, durante e dopo la sua attuazione. La scelta dei materiali e della tecnica di realizzazione di un pezzo, per esempio, viene fatta sempre per ottenere le migliori prestazioni da un punto di vista globale, per cui vengono valutati il peso e la resistenza dei materiali, la sicurezza e la precisione della tecnica, senza mai guardare al tempo necessario. E’ anche nei dettagli, che si fa la differenza”.

Martedì 28 febbraioè stato effettuato il varo. Prysmian ITA 747 è stata ormeggiata ai pontili del porto di Lorient, presso la struttura di AOS a cui Giancarlo Pedote si affida già dal 2009.  Mercoledì 29 la prima navigazione di Pedote e Raison con Prysmian ITA 747, per realizzare quella che è conosciuta come “la presa in mano”, la reale consegna dell’imbarcazione al nuovo proprietario.

“Un prototipo è assai differente da una barca di serie: tutti i pezzi sono custom e i carichi a cui i materiali vengono sottoposti sono piuttosto considerevoli. Il pericolo di deteriorare qualcosa è sempre in agguato. Tra un mese e mezzo regateremo già insieme: devo cercare di fondermi alla svelta”.

www.giancarlopedote.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here