SHARE

Sanremo, 16 aprile- Altre due prove al Campionato Europeo Star dello Yacht Club Sanremo. Si è regatato con vento da Ponente. Vittorie rispettivamente per il tedesco Stanjek e il portoghese Domingos. Diego Negri ed Enrico Voltolini ottengono un 7-6 che li consolida al quinto posto della classifica dopo il sesto della prima prova. Ora ci vogliono gli acuti per difendere il titolo, con altre tre prove da disputare.

In testa i polacchi Kusznierewicz-Zicky (1-3-2) davanti agli svedesi Loof-Salminen (3-6-3) e ai norgevesi Melleby-Pedersen (5-5-4). Tra gli altri italiani i migliori sono: 22.Augelli-Kuhar; 26.Insom-Bortoletto; 27.Racchelli-Auguadro; 28.Coppo-Polti; 30.Falciola-Paloschi.

Sanremo, 15 aprile- Va ai polacchi Mateusz Kusznierewicz e Dominick Zycki la prima prova dell’Europeo Star di Sanremo. Vento di levante sui 20 nodi, mare formato e sole per la flotta del Campionato Europeo di Classe Star – Casinò Cup. Qualche rottura, tanti ritiri, ma anche una giornata bellissima di vela, che ha portato alla vittoria dell’equipaggio polacco. Secondo posto per i tedeschi Johannes Polgar e Markus Koy e terzo per gli svedesi Fredrik Loof e Max Salminen.

Diego Negri con Enrico Voltolini, campioni europei in carica, della sezione velica Guardia di Finanza, iniziano il Campionato con un buon sesto posto. Tra gli altri italiani i migliori sono stati: 16.Augelli-Kuhar; 25.Falciola-Paloschi; 26.Irrera-LaPorta. Diverse assenze importanti tra i top della classe olimpica a questo Europeo, a cui sono iscritti 74 equipaggi.

Un momento delle regate di oggi. Foto Littardi

Il Campionato Europeo di Classe Star – Casinò Cup è organizzato con la collaborazione del Circolo Velico Capo Verde e grazie al sostegno della Regione Liguria e del Comune di Sanremo; sono sostenitori dell’evento Banca Carige, Slam, Portosole CNIS S.p.A., Royal Hotel Sanremo e CieloGioielli Milano 1914.

Sanremo, 13 aprile- Lo Yacht Club Sanremo ospita da oggi al 19 aprile il Campionato Europeo della classe Star. Sono 78 gli iscritti da 19 nazioni. Tra queste l’equipaggipo azzurro di Diego Negri ed Enrico Voltolini (Fiamme Gialle) che con questa regata perfezionerà la preparazione in vista del Mondiale di Hyeres a maggio, decisivo per la qualificazione olimpica di questo equipaggio.

“Per me è già un onore poter rappresentare l’Italia in un campionato Europeo che si svolge nella nostra nazione”, ha detto Diego Negri, “ed è ancor di più sentito perchè andrà in scena nel braccio di mare dove sono cresciuto sportivamente. Fra l’altro l’anno scorso proprio a Sanremo abbiamo vinto la prima gara nazionale della stagione Star, che come tutti sanni è per noi culminata con il titolo continentale, conquistato in Irlanda nel mese di settembre. Per questo appuntamento, e non solo, la nostra motivazione è ovviamente forte: siamo veramente carichi e abbiamo bisogno di trovare delle conferme all’ottimo lavoro che abbiamo fatto nell’arco dell’inverno. Purtroppo le regate di Palma ci hanno dato soddisfazioni solo parziali, ma confidiamo di riuscire a raccogliere presto i frutti di tanto impegno. Non dimenticando che l’appuntamento successivo sarà il campionato mondiale, che si svolgerà a Hyeres, nel quale dovremo conquistare il diritto di rappresentare l’Italia alle prossime Olimpiadi.”

Negri-Voltolini in allenamento con il polacco Kusznierewicz. Foto Mankin

Per l’occasione Diego Negri navigherà con la stessa barca con la quale ha navigato in Irlanda lo scorso anno, regata che ha vinto conquistando il titolo continentale, ma con una novità: “Dopo aver mantenuto per sei anni il numero velico della mia prima Star (8266), ho deciso di correre con il numero della barca con cui invece navigheremo (8452). Una nuova numerazione che probabilmente ci identificherà fino alla fine della stagione”.

Ma cosa si aspetta Diego da queste regate di Sanremo? “Fare del nostro meglio, sempre. Dalle previsioni ci sarà cielo nuvoloso e comunque condizioni incerte, di brutto tempo.  Noi cercheremo di sfruttare al meglio la nostra esperienza e proveremo a difendere il titolo. Ovviamente speriamo di vedere tanto pubblico sulle rive come abbiamo visto in televisione in questi giorni per le prime regate della America’s Cup World Series a Napoli.”

Sono 21 gli equipaggi italiani iscritti. Tra i grandi della classe alcune assenze, per altri programmi in vista del Mondiale e delle Olimpiadi di Weymouth.

Palma di Maiorca, 7 aprile- Grande vittoria per Giulia Conti e Giovanna Micol (CC Aniene) al Trofeo SAR Princesa Sofia Mapfre, terza tappa della Coppa del Mondo ISAF. Le due azzurre di 470 hanno vinto la medal race decisiva e si sono portate al primo posto della classifica finale. La regata, partita alle 12.24 con vento da 260° attorno ai 25 nodi, ha visto giungere per prime sul traguardo le britanniche Mills-Clark, incappate però in un OCS in partenza., che costa loro la vittoria. Il successo va così alle due azzurre davanti alle giapponesi Kondo-Tabata e alle israeliane Cohen-Bouskila. La vittoria nella Medal Race delle italiane e il secondo posto delle giapponesi porta entrambi gli equipaggi al vertice della classifica a pari punti. Ma grazie ai migliori risultati Giulia Conti e Giovanna Micol si mettono l’oro al collo. Argento per le giapponesi Kondo-Tabata e bronzo per le tedesche Kadelbach-Belcher.

Conti-Micol in azione oggi a Palma. Foto Renedo

“Abbiamo vinto!” ha detto appena giunta a terra una felicissima Giulia Conti ai microfoni di sailrev.tv. “Siamo partite vicino alle giapponesi – ha raccontato Giulia – verso la Barca Comitato, perché era favorita la destra. Al primo incrocio loro erano davanti. Abbiamo fatto una buona bolina e le abbiamo passate. Alla prima boa abbiamo girato in seconda posizione davanti alle giapponesi. Ci siamo allungate bene sul lato di poppa – ha continuato la Conti – e nella seconda bolina abbiamo controllato la regate. Ci voleva proprio –  ha concluso il timoniere – abbiamo iniziato bene il 2012.”

L’altro equipaggio italiano iscritto nella classe 470 Femminile, Roberta Caputo – Giulia Paolillo (CC Aniene), finisce al 33° posto.

49er (76 iscritti – 8 italiani)
I danesi Warrer-Hansen conquistano la medaglia d’oro nel 49er, davanti a Dyen-Christidis (FRA) e ai tedeschi Schadewaldt-Baumann, rispettivamente argento e bronzo.
Giuseppe Angilella (CC Ruggero di Lauria) – Gianfranco Sibello (SV Guardia di Finanza) concludono la trasferta spagnola al 32° posto, mentre Jacopo Plazzi – Umberto Molineris (FV Riva) finiscono al 35°.
Al 53° posto Ruggero Tita (Compagnia della Vela) – Sebastian Nulli (AN Sebina); 56° Stefano Cherin (YC Torri) – Andrea Tesei (YC Adriaco); 61° Luca Dubbini (CV Marina Militare) – Roberto Dubbini (SC Garda Salò); 65° Federico Gaspari – Luca Tubaro (CC Aniene); 67° Andrea Savio – Alessandro Savio (Soc Triestina) e 69° David Bondì – Francesco Sabatini (CC Aniene).

Star (28 iscritti – 1 italiano)
Nella Star terminano al primo posto i brasiliani Scheidt-Prada.  Grazie all’ottima prova in Medal Race l’argento va ai britannici Percy-Simpson mentre il bronzo lo vincono i francesi Rohart-Ponsot
Diego Negri – Enrico Voltolini (SV Guardia di Finanza) chiudono al 13° posto.

470 Maschile (92 iscritti – 8 italiani)
Oro per gli australiani Belcher-Page, medaglia d’argento per gli israeliani Kliger-Sela e bronzo per i francesi Leboucher-Garos.
Questi i piazzamenti finali degli italiani iscritti nel 470 maschile: Gabrio Zandonà (CV Marina Militare) – Pietro Zucchetti (SV Guardia di Finanza) chiudono al 17° posto. Giulio Desiderato (YCI) – Nicola Pitanti (GS Polizia) terminano al 24° posto, Simon Sivitz Kosuta – Jas Farneti (YC Cupa) al 34°, Francesco Falcetelli – Gabriele Franciolini (CC Aniene) al 35° posto, 47° Matteo Capurro – Matteo Puppo (YCI), 65° Emanuele Savoini – Enzio Savoini (LNI Genova); 73° Simone Spina – Matteo Bernard (CC Aniene); 75° Andrea Barchiesi (CC Aniene) – Lorenzo Piccioni (CC Tevere).

Finn (58 iscritti – 1 italiano)
Successo finale per il fuoriclasse Ben Ainsle (GBR), secondo posto per Railey (USA) e terzo per il canadese Cook.
Filippo Baldassari (SV Guardia di Finanza) chiude al 13° posto.

Laser Radial (98 iscritte – 3 italiane)
Sul gradino più alto del podio sale la spagnola Alicia Cerbian, medaglia d’argento per la belga Evi Van Acker e medaglia di bronzo per l’olandese Marit Bouwmeester.
Francesca Clapcich (CS Aeronautica Militare) chiude al 22° posto overall. Laura Cosentino (YC Cortina) termina al 45° posto e Silvia Zennaro (Compagnia della Vela) finisce al 57° posto.

Laser Standard (148 iscritti – 3 italiani)
Nel Laser Standard ha la meglio il tedesco Grotelueschen che si aggiudica la medaglia d’oro. L’argento va  Paul Goodison (GBR) e il bronzo all’australiano Tom Burton.
Migliore degli azzurri in regata Marco Gallo (SV Guardia di Finanza) che chiude al 21° posto. Michele Regolo (SV Guardia di Finanza) è 37° e Giacomo Bottoli (CV Marina Militare) termina 54°.

Giulia Conti e Giovanna Micol durante la medal race. Foto Renedo

2.4Mr (25 iscritti – 2 italiani)
Nella classe Paraolimpica 2.4 Fabrizio Olmi (AVAS Lovere) chiude al 12° posto con i parziali 13-14-15-12-12-13-15-(16)-10-12 mentre Cristiano D’Agaro (CV Alto Adriatico) è 17°. Vince l’olandese Thierry Schmitter.

La vittoria nel Match Race Femminile va alla Tunnicliffe (USA) che ha battuto la Leroy (FRA) per 3 a 1, la finale di consolazione la vince la Price (AUS) sulla Echegoyen (ESP) per 2 a 1.

Lo staff tecnico presente a Palma di Maiorca è formato dal Direttore Tecnico FIV Luca De Pedrini (tecnico 49er e 470 maschile), Roberto Ferrarese (49er), Francesco Caricato (Laser Radial), Gigi Picciau (470 femminile e Youth maschile), Valentin Mankin (Star), Luca Devoti (Finn), Egon Vigna (Laser Standard), Giuseppe Devoti e Filippo Maretti (2.4Mr). In Spagna in qualità di assistente è presente anche Pietro Sibello.

www.trofeoprincesasofia.org/

Palma di Maiorca, Spagna, 3 aprile- Seconda giornata al Trofeo Princesa Sofia Mapfre nella Baia di Palma. Ancora vento leggero da sud a 7-9 nodi. Ottima prova di Giulia Conti-Giovanna Micol che nel 470 femminile passano dall’ 8° al 4° posto in classifica provvisoria. Bene in classe Star Diego Negri ed Enrico Voltolini al 6° posto overall e in 470 maschile Gabrio Zandonà – Pietro Zucchetti che recuperano ben nove posizioni e ora sono dodicesimi. Francesca Clapcich nel Laser Radial vince la terza prova.

Interviste a Diego Negri, Giulia Conti, Giovanna Micol, Pietro Zucchetti, Giuseppe Angiilella e altri atleti azzurri su www.sailrev.tv

Giulia Conti e Giovanna Micol in una virata con rollio a Palma. Foto Renedo

470 Femminile (53 iscritti – 2 italiani)
Ottima prova di Giulia Conti – Giovanna Micol (CC Aniene) che grazie al terzo e sesto piazzamento odierno guadagnano quattro posizioni passando dall’8° al 4° posto in classifica provvisoria (parziali 6-15-3-6 e 30 punti). Sempre in testa le britanniche Weguelin-Ainsworth (24 pt) seguite dalle polacche Skrzypulec-Ogar (28 pt) e al terzo posto dalle francesi Rol-Defrance(29 pt). Roberta Caputo – Giulia Paolillo (CC Aniene) sono al 29° posto.

Star (28 iscritti – 1 italiano)
Bene Diego Negri – Enrico Voltolini (SV Guardia di Finanza) che dopo l’ottimo secondo di ieri tagliano il traguardo in quarta posizione nella prima regata odierna per poi concludere 17esimi nella quarta prova. Negri-Voltolini sono al 6° posto in classifica provvisoria con i parziali 10-2-4-17 e 33 punti. In testa i kiwi Hamish Pepper e Jim Turner (25 pt) davanti agli spagnoli Echavarri-Rivero (28) e ai britannici Percy-Simpson (29).

470 Maschile (92 iscritti – 8 italiani)
Ottima prova di Gabrio Zandonà (CV Marina Militare) – Pietro Zucchetti (SV Guardia di Finanza) che recuperano ben nove posizioni passando dal 21° al 12° posto con i parziali 5-21-2-10 e 38 punti. In testa i francesi Leboucher-Garos (18 pt) seguiti da Kampouridis-Papadopoulos(20 pt) e al terzo posto dai portoghesi Marinho-Nunes a pari punti.
Così gli altri italiani in regata: 14. Giulio Desiderato (YCI) – Nicola Pitanti (GS Polizia) autori oggi di un quinto posto dopo il secondo di ieri; 29. Simon Sivitz Kosuta – Jas Farneti (YC Cupa); 33. Matteo Capurro – Matteo Puppo (YCI); 38. Francesco Falcetelli – Gabriele Franciolini (CC Aniene); 49. Emanuele Savoini – Enzio Savoini (LNI Genova); 74. Andrea Barchiesi (CC Aniene) – Lorenzo Piccioni (CC Tevere); 78. Simone Spina – Matteo Bernard (CC Aniene).

Finn (58 iscritti – 1 italiano)
Filippo Baldassari (SV Guardia di Finanza) è al 31° posto con i parziali BFD-11-23-32 e 124 punti. Ben Ainslie torna subito al posto che gli compete, ovvero il primo dopo l’1-2 di oggi, con 13 punti, secondo lo svedese Birgmark e terzo il danese Hoeg Christensen (23 pt).

Ben Ainslie a Palma. Torna dopo 4 mesi in regata ed è già in testa. Foto Renedo

49er (79 iscritti – 8 italiani)
Dopo sei prove ed uno scarto conducono i britannici Evans-Powys con 19 punti. Stesso punteggio ma secondo posto per i danesi Warrer-Hansen. Migliore tra gli equipaggi azzurri in regata Giuseppe Angilella (CC Ruggero di Lauria) – Gianfranco Sibello (SV Guardia di Finanza) che retrocedono al 42° posto con i parziali 6-14-29-15-(33)-21. Seguono al 44° posto Jacopo Plazzi – Umberto Molineris (FV Riva).
Così gli altri italiani: 53. Stefano Cherin (YC Torri) – Andrea Tesei (YC Adriaco); 55. Ruggero Tita (Compagnia della Vela) – Sebastian Nulli (AN Sebina); 60. Luca Dubbini (CV Marina Militare) – Roberto Dubbini (SC Garda Salò); 65. Federico Gaspari – Luca Tubaro (CC Aniene); 66. Andrea Savio – Alessandro Savio (Soc Triestina); e 71. David Bondì – Francesco Sabatini (CC Aniene).

Laser Radial (98 iscritte – 3 italiane)
Grande recupero per Francesca Clapcich (SV Aeronautica Militare) che vince la terza prova e recupera sette posizioni passando dal 18° all’11° posto in classifica provvisoria (parziali 8-12-1-27 e 48 punti). Ottima prova anche per Laura Cosentino (YC Cortina) al 16° posto (ieri 34esima). Silvia Zennaro (Compagnia della Vela) è al 51° posto.
In testa l’olandese Marit Bouwmeester (16 pt), seguita a pari punti da Alicia Cerbian (ESP) e al terzo posto dalla francese Sarah Steyaert (20 pt).

Laser Standard (148 iscritti – 3 italiani)
Dopo quattro prove passa al comando il tedesco Simon Grotelueschen. Secondo Tom Burton (AUS) e terzo Nick Thompson (GBR). Migliore degli italiani sempre Marco Gallo (SV Guardia di Finanza) stabile al 26° posto (parziali 23-5-6-18). Seguono Michele Regolo (SV Guardia di Finanza) che passa dal 41° al 48° posto e Giacomo Bottoli (CV Marina Militare) al 53° posto.

2.4Mr (25 iscritti – 2 italiani)
Nella classe Paraolimpica 2.4 Fabrizio Olmi (AVAS Lovere) e Cristiano D’Agaro (CV Alto Adriatico) sono rispettivamente 13° e 16° posto. Primo l’olandese Thierry Schmitter.

Circa 900 velisti da 53 nazioni stanno prendendo parte alla manifestazione che si concluderà il 7 aprile. In acqua nove classi olimpiche: 49er, 470 M, 470 W, Finn, Laser Standard, Laser Radial, Star, Women Match Racing and 2.4mR. Non regatano invece le classi RS:X, SKUD 18 e SONAR.

Lo staff tecnico presente a Palma di Maiorca è formato dal Direttore Tecnico FIV Luca De Pedrini (tecnico 49er e 470 maschile), Roberto Ferrarese (49er), Francesco Caricato (Laser Radial), Gigi Picciau (470 femminile e Youth maschile), Valentin Mankin (Star), Luca Devoti (Finn), Egon Vigna (Laser Standard), Giuseppe Devoti e Filippo Maretti (2.4Mr). In Spagna in qualità di assistente sarà presente anche Pietro Sibello.

http://www.trofeoprincesasofia.org/resultados7.html

Palma di Maiorca, Spagna, 2 aprile- Vento leggero a Palma per la prima giornata del Trofeo Princesa Sofia Mapfre, terza tappa della World Cup ISAF e appuntamento fondamentale nella rincorsa verso Londra 2012. Per l’Italia, che anche qui presenta i velisti con le nuove divise Prada e i loghi della fashion house sulle vele, i migliori sono Diego Negri ed Enrico Voltolini, quarti nelle Star (10-2). Tra i primi dieci anche Conti-Micol, ottave nel 470 donne (6-15). Risultati parziali interessanti anche per altri equipaggi. Nei Finn Ben Ainslie ritorna con un quarto posto parziale (8-2).

Laser in regata sullo sfondo della cattedrale. Foto Renedo

Finn Filippo Baldassari (Fiamme Gialle) fa seguire un undicesimo a una squalifica per bandiera nera nella prima prova ed è al momento 32esimo. In testa il danese Hoeg Christensen (1-5) davanti allo svedese Birgmark e all’inglese Mills.

Laser R In testa l’australiana Krystal Weir (1-4). Francesca Clapcich (Aeronautica Militare) è 18esima (8-12). Seguono: 34.Cosentino; 77.Zennaro

Laser Al comando l’inglese Nick Thompson (5-2) sul finlandese Lindfors e sul campione olimpico Goodison. Tom Slingsby, campione del mondo in carica e tattico di Oracle sugli AC45, è settimo. Ancora una volta il migliore degli italiani è Marco Gallo (Fiamme Gialle), 26esimo (24-4). Seguono: 36.Bottoli; 41.Regolo

Michele Regolo oggi a Palma. Foto Renedo

470 M Guidano i francesi Leboucher-Garos (5-1). Migliori italiani sono Capurro-Puppo (YC Italiano), 18esimi con 13-10. 19esimo il nuovo equipaggio formato da Giulio Desiderato e Nicola Pitanti (23-2). Gabrio Zandonà e Piero Zucchetti sono 21esimi (5-21) con la seconda prova compromessa da un 720° di autopenalizzazione. Così gli altri italiani: 25.Sivitz Kosuta-Farneti; 26.Falcetelli-Franciolini; 37.Savoini-Savoini; 81.Barchiesi-Piccioni; 86.Spina-Bernard

470 F Giulia Conti e Giovanna Micol (CC Aniene) sono ottave (6-15). In testa le inglesi Weguelin-Ainsworth (3-2). 24.Caputo-Paolillo

49er La nuova coppia tra Giuseppe Angilella e Gianfranco Sibello, con Pietro Sibello a Palma come consigliere tecnico e ancora qualche speranza di ricevere il nulla osta medico dal CONI, inizia con un 6-14-29 che li colloca al 24esimo posto. Seguono: 45.Plazzi-Molineris; 50.Cherin-Tesei; 59.Savio-Savio; 60.Tita-Nulli; 65.Gaspari-Tubaro; 67.Dubbini-Dubbini; 70.Bonda-Sabatini

Star In testa i kiwi Hamish Pepper e Jim Turner (5-3) davanti ai francesi Rohart-Ponsot (1-8) e ai polacchi Kusznierewicz-Zycki (9-1). Negri-Voltolini (Fiamme Gialle) sono quarti con 10-2.

Non sono in regata i windsurf RS:X che hanno appena concluso il loro mondiale.

Nella classe Paraolimpica 2.4 Fabrizio Olmi e Cristiano D’Agaro sono rispettivamente 14esimo e 15esimo.

www.trofeoprincesasofia.org/resultados6.html

Una partenza dei 49er. Foto Martinez

 

Palma di Maiorca, Spagna, 1 aprile- Edizione monstre quest’anno per il Trofeo Princesa Sofia Mapfre, preolimpica iniziata oggi a Palma con le prime regate previste per domani. Sono infatti circa 900, da ben 53 paesi, i velisti impegnati nella Baia di Palma (basi logistiche a Palma stessa e a El Arenal) negli ultimi mesi decisivi di preparazione prima di Londra 2012. Tra questi molti italiani:

In regata a Palma. Foto Renedo

Laser Radial (88 iscritte): Clapcich, Cosentino, Zennaro

Laser (138): Bottoli, Gallo, Regolo

470M (93): Zandonà-Zucchetti, Spina-Bernard, Desiderato-Pitanti, Sivitz Kosuta-Farneti, Barchiesi-Piccioni, Savoini-Savoini, Capurro-Puppo, Falcetelli-Franciolini

470F (52): Conti-Micol, Caputo-Paolillo

49er (76): Angilella-Sibello, Dubbini-Dubbini, Plazzi-Molineris, Cherin-Tesei, Tita-Nulli, Bondì-Sabatini, Savio-Savio, Gaspari-Tubaro

Finn (57): Baldassari

Star (27): Negri-Voltolini

Da segnalare il ritorno ufficiale in regata di Ben Ainslie, dopo le vicende di Perth e la piccola operazione alla schiena dello scorso gennaio.

Per l’Italia grande interesse per il nuovo equipaggio di 49er con Gianfranco Sibello che al timone avrà Giuseppe Angilella dopo la definitiva rinuncia a Londra 2012 di Pietro Sibello (forza Pietro), a cui il CONI non ha concesso il benestare medico per il noto problema fisico dello scorso settembre.

www.trofeoprincesasofia.org

 

Cadice, Spagna- Che bello rivedere la felicità negli occhi verdi di Alessandra Sensini. Eccola in questa foto con le altre due atlete che le hanno fatto compagnia sul podio del Mondiale RS:X appena conclusosi a Cadice. Purtroppo, sia ieri sia oggi, il vento a 40 nodi ha impedito di disputare le ultime tre prove e la medal race, con il risultato che la campionessa grossetana in regata per il Circolo Aniene non ha potuto migliorare il suo già ottimo terzo posto, ottenuto dopo un’epocale serie di 4 primi consecutivi in 25-30 nodi di vento.

Alessandra Sensini festeggia insieme all’israeliana Korzits e alla polacca Klepacka

La Sensini, ricordiamocelo, ha 42 anni ed è un caso eccezionale. Si trova a competere con ragazze ben più giovani, la Korzits ne ha 28 e la Klepacka 26, in una disciplina come il moderno windsurf olimpico dove la preparazione fisica è (quasi) tutto. Eppure lei ce l’ha, ancora una volta, fatta. Dopo mesi in cui la vita le aveva riservato momenti difficili. Con paure che vengono fuori. Una selezione vinta di pochi punti contro l’incalzante e brava Laura Linares. Il brutto risultato a Perth, dove per la prima volta in carriera era rimasta fuori dalle prime dieci. Una battaglia interiore anche contro se stessa, quando l’atleta dal grande passato si trova a dover fare i conti con il tempo e quel momento in cui bisogna smettere. Invece no, eccola qui, la campionessa che tutto il mondo sportivo ammira. Qualche mese di allenamenti per riconquistare la fiducia, in compagnia della squadra FIV a Cagliari e spesso da sola, come piace a lei, nella sua Maremma, quando solo il mare e il vento le fanno compagnia e le portano consiglio.

Peccato che i 40 nodi di Cadice si siano messi di mezzo, impedendoci di assistere allo spettacolo della medal race finale, dove poteva anche arrivare il risultato storico perché alla campionessa a cui tutte si inchinano i momento decisivi piacciono e alle giovani e toste rivali potevano anche tremare le gambe. Le quattro vittorie consecutive da race 7 a race 10, con vento sempre sopra i 25 nodi, resteranno una delle pagine più belle della vela azzurra. Il podio di Puerto Sherry, vede quindi prima l’israeliana Lee Korzits, già prima a Perth, poi la polacca Zofia Klepacka e terza Alessandra Sensini. Per lei sarà stato probabilmente l’ultimo mondiale. Gli score delle sue ultime prove? 1-2-3-1-1-1-1. A 42 anni. In tempi di troppe chiacchire, resteranno gli almanacchi a raccontarne la grandezza.

La Sensini è uno degli alfieri migliori del CONI (la vogliamo portabandiera a Londra, adesso ancora più di prima). Adesso c’è un’ultima montagna da scalare, Alessandra, quella di Londra. A Weymouth sarà per lei la sesta Olimpiade, dove andrà a caccia della quinta medaglia, risultato mai raggiunto prima da un’atleta donna e solo una volta da un uomo, che si chiama Torben Grael e probabilmente si chiamerà anche Ben Ainslie tra pochi mesi. I più grandi di questo sport eccezionalmente difficile e ancora puro che si chiama vela olimpica. Grazie Sensini, solo ancora una, poi basta. Forza e onore, Ale. Forza e onore.

La Sensini sul podio del Mondiale a Cadice

Il Mondiale RS:X nell’anno olimpico vede anche un ottimo sesto posto di Flavia Tartaglini (Fiamme Gialle) e il 21esimo posto di Laura Linares (Marina Militare). Tra gli uomini titolo mondiale al francese Julien Bontemps davanti all’inglese Nick Dempsey e al neozelandese JP Tobin. Così gli italiani: 49.Baglione; 63.Esposito; 96.Benedetti; 113.Guzzone

Cadice, Spagna, 27 marzo- Troppo vento al Campionato Mondiale RS:X di Cadice. Dopo l’eccezionale serie di tre primi di ieri, Alessandra Sensini non ha avuto quindi la possibilità di recuperare altri punti alle prime due della classifica e inizierà domani la medal race con dieci punti dall’israeliana Korzits e sei dalla polacca Klepacka. Dopo la straordinaria serie di quattro primi piazzamenti consecutivi Alessandra Sensini, al terzo posto , scenderà in acqua domani per la Medal Race. In regata anche l’ottima Flavia Tartaglini al 6° posto in classifica provvisoria.

La Sensini ieri a Cadice

Comunque vada per la 42enne Alessandra Sensini (CC Aniene, 12-9-8-1-2-3-1-1-1-1 e 27 punti) si tratta di una prestazione eccellente che la candida per l’ennesima volta al ruolo di una delle favorite per le medaglie a Londra 2012. Quarta, a 48 punti, Bryony Shaw (GBR). La Sensini è quindi già matematicamente medaglia di bronzo.

Laura Linares (CV Marina Militare) lunedì ha recuperato ben sette posizioni ed è al 20° posto in classifica provvisoria con i parziali 14-16-11-15-15-20-(27)-13-15-13 a 133 punti.

Nell’RS:X maschile Marcantonio Baglione (Albaria), alla sua prima esperienza in flotta Gold, è il migliore degli azzurri, al 49° posto con 325 punti (20-17-30-36-30-(50)-49-50-49-44 i parziali).

Primo il francese Julien Bontemps (24 pt), seguito da Nick Dempsey (GBR) e da JP Tobin (NZL) al terzo posto.

La flotta Silver lunedì non ha regatato a causa delle condizioni meteo Federico Esposito (GS Polizia di Stato) in flotta Silver, è al 63° posto overall (31-29-(39)-23-11-5 e 99 punti), Daniele Benedetti (LNI Civitavecchia) è 97° e Daniele Guzzone (LNI Civitavecchia) è al 113° posto.

Dopo le Medal Race sono in programma una prova per ogni flotta Gold e Silver. A seguire la cerimonia di premiazione.

In Spagna presenti i tecnici federali Paolo Ghione, Marco Iazzetta e Adriano Stella.

Cadice, Spagna, 26 marzo- Il mondo della vela sportiva si inchina oggi davanti ad Alessandra Sensini, autrice di tre primi nelle tre regate disputate a Cadice per la quinta giornata del Mondiale RS:X.Ricordiamo che la Sensini ha 42 anni e ad agosto disputerà la sua sesta Olimpiade a caccia della quinta medaglia olimpica. Vento forte anche oggi, con 20-25 nodi e raffiche oltre i 30.

Un risultato eccezionale, che porta la fuoriclasse grossetana, ad avvicinare le prime due in classifica, l’israeliana Korzits e la polacca Klepacka, ora a portata con altre tre prove prima della medal race decisiva di mercoledì.

Alessandra Sensini oggi a Cadice. Foto Baglione

Una serie straordinaria di risultati che vedono Alessandra Sensini (CC Aniene) al 3° posto in classifica provvisoria a dieci punti da Lee Korzits, prima con 17 punti e a sei dalla seconda classificata la polacca Zofia Klepacka a 21 punti. La Sensini ha ora i parziali (12-9-8-1-2-3-1-1-1-1 e 27 punti). A parte la prima giornata, non è mai uscita dalle prime tre e ha ben cinque primi su dieci prove. Un risultato importantissimo anche sotto il profilo psicologico in vista di Weymouth 2012 sia per lei sia per la pressione che mette sulle avversarie.

Alessandra Sensini in regata a Cadice

“Una bella soddisfazione tre regate tre primi. Come ai vecchi tempi! Una bellissima giornata, con meteo condizioni veramente toste, 25 nodi di vento. Sicuramente mi sono avvicinata a Korzits e Klepacka. Comunque ci sono ancora le regate di domani e poi la Medal Race di mercoledì con punteggio doppio.” ha commentato Sensini rientrata a terra

Dopo dieci prove con uno scarto molto bene anche Flavia Tartaglini (SV Guardia di Finanza) che taglia il traguardo nei primi dieci in tutte le prove del giorno. Tartaglini passa dal 9° al 6° posto con i parziali 11-11-4-3-6-7-(12)-8-9-6 a 65 punti. Anche la terza delle azzurre in regata Laura Linares (CV Marina Militare) lunedì recupera ben sette posizioni ed è al 20° posto in classifica provvisoria con i parziali 14-16-11-15-15-20-(27)-13-15-13 a 133 punti.

Le dichiarazioni della Sensini a SailRev:

worldwindsurfingchampionships2012.rsxclass.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here