SHARE

Roma- Assegnati ieri sera a Roma i premi del Velista dell’Anno Intermatica 2011 organizzato da Acciari Consulting. Dalla serata di gala di Villa Miani è uscito vincitore per la categoria maggiore, il Velista dell’Anno – Intermatica, il triestino Lorenzo Bressani, premiato per il suo terzo titolo mondiale Melges 24. Un premio ultimamente a lungo inseguito per Bressani, premiato dal presidente della Federvela Carlo Croce e da Claudio Castellani, presidente di Intermatica, che corona così anche formalmente la sua ottima carriera (con il rimpianto, considerato il suo talento, di non averlo visto più a lungo nelle classi olimpiche). Ricordiamo che per la categoria maggiore gli altri candidati erano Francesco Bruni, Diego Negri, Michele Paoletti e Susanne Beyer.

Lorenzo Bressani, vincitore del Velista dell'Anno Intermatica, e Max Sirena, con il premio per Luna Rossa Extreme 40

Per il velista under 25, il Premio intitolato a Carlo Marincovich – Azimut Wealth Management è andato alla gardesana Cecilia Zorzi vincitrice del titolo mondiale Laser 4.7.

La miglior barca, a cui è andato il premio Barca dell’anno – Marina di Loano, è stato l’Extreme 40 Luna Rossa, vincitrice delle Extreme Sailing Series 2011, uno dei più importanti circuiti di vela professionale al mondo.

Il premio Progettista dell’Anno – Feudi di San Gregorio, consegnato da Gianalberto Zapponini, Amministratore Delegato di Telesia, è andato ad Alberto Simeone, designer del tecnologico Mylius 19e95.

Cecilia Zorzi, miglior atleta Under 25 con il premio intitolato a Carlo Marincovich

 

Alberto Simeone, vincitore del premio per il miglior progettista - Feudi di San Gregorio

Tra le novità della ventesima edizione si segnala l’arrivo di tre nuovi partner: Intermatica, che da 15 anni opera nel settore delle telecomunicazioni con particolare attenzione ai prodotti e ai servizi per la telefonia mobile satellitare e della sicurezza in mare; Azimut Wealth Management,  la più grande realtà finanziaria indipendente del mercato italiano quotata alla Borsa di Milano sarà sponsor del premio “Velista Under 25”, e  Telesia (gruppo Class Editori), che, nella sua veste di media partner, diffonderà le immagini dell’evento attraverso i propri canali televisivi digitali degli Aeroporti italiani e delle Metropolitane. I tre nuovi partner affiancano Marina di Loano e Feudi di San Gregorio, entrati nella famiglia del Velista lo scorso anno.

La Giuria del Premio è formata da Raffaele Pagnozzi (Segretario Generale CONI), Carlo Croce (Presidente Federazione Italiana Vela), Alberto Acciari (ideatore del premio), Glauco Briante (Vicepresidente FIV), Claudio Castellani (presidente di Intermatica) e dai direttori delle principali riviste di vela: Vanni Galgani (Fare Vela), Luca Sonnino Sorriso (Nautica), Andrea Brambilla (Yacht & Sail), Matteo Zaccagnino (Yacht Capital).

L’America’s Cup è stato uno degli argomenti clou della serata. Il premio “Barca dell’Anno – Marina di Loano”, come detto, è andato a “Luna Rossa”, l’Extreme 40 vincitore dell’Extreme Sailing Series. A ritirare il premio, consegnato da Marco Cornacchia, direttore della Marina di Loano, c’era lo skipper Max Sirena: «La partecipazione alle Extreme Sailing Series è partita come una avventura per trasformarsi in un progetto ambizioso. Regatare in questa categoria ci ha permesso di tenere una porta aperta su una possibile partecipazione alla “Old Mug” e, alla fine, il patron Patrizio Bertelli ha deciso di lanciare il guanto di sfida. Ora inizia il lavoro duro con le prime regate nel prossimo Act di Napoli».

Sull’argomento America’s Cup è tornato anche Francesco Bruni, ieri finalista nella categoria di miglior velista del 2011 e neo membro dell’equipaggio di Luna Rossa: «Al momento, siamo a Gaeta dove ci alleneremo in vista dell’Act campano. Sono arrivate due barche molto performanti dalla Nuova Zelanda con le quali faremo delle prove di match race».

Altro sguardo al futuro lo hanno offerto i talenti della vela, con il premio “Velista Under 25 Carlo Marincovich – Azimut Wealth Management”. Il riconoscimento è andato alla 17enne Cecilia Zorzi, campionessa del Mondo nel Laser 4.7, premiata dal Dott. Paolo Marini, responsabile della divisione Wealth Management di Azimut, e Patrizia Marincovich.

«Dedico questo successo al mio allenatore – ha dichiarato la Zorzi – per me è una figura importantissima, fondamentale nei momenti difficili. Il mio sogno nel cassetto? Partecipare a un’Olimpiade».

Sul palco anche Carlo Croce che ha fatto il punto sul futuro della vela italiana: «Siamo impegnati nel progetto Rio 2016 sul quale puntiamo forte. Il nostro vivaio sta producendo tanti velisti che cercheremo di “spingere” al massimo. La vela è fatta per gente che si sacrifica e questa generazione di ragazzi conosce il significato di questa parola. Alcuni sono già dei campioni, “l’età delle medaglie” è scesa, e questo premio vuole proprio sottolineare la speranza che tutto il movimento mette in loro».

www.velistadellanno.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here