SHARE

Marina di Scarlino- Tutto aperto domani nella Meda Race conclusiva che assegnerà il titolo continentale. Sono almeno cinque i velisti in grado di vincere l’Europeo Finn alla Marina di Scarlino. Oggi è stata disputata la sesta prova, con vento da Sud sui 6-8 nodi. Vittoria per il turco Alikan Kainar. Il greco Ioannis Mitakis balza in testa alla classifica dopo 6 prove davanti al croato Gaspic e allo sloveno Zbogar. I due velisti delle Fiamme Gialle Giorgio Poggi e Filippo Baldassari (oggi rispettivamente undicesimo e diciannovesimo) sono al quarto e quinto posto con ampie chance di raggiungere il podio.

La partenza della sesta prova. Foto Marina Prinzivalli

Dopo una lunga attesa si è disputata oggi a Marina di Scarlino la sesta prova del Campionato Europeo Finn. Dopo aver inseguito per circa tre ore il vento instabile sotto le nuvole del Golfo, il Comitato di Regata presieduto da Carlo Tosi è finalmente riuscito a dare il via a una prova, con vento da sud tra i 6 e gli 8 nodi d’intensità. Si è confermata così la tendenza che, contrariamente alle tradizioni della costa maremmana, ha voluto riservare vento leggero ai 69 timonieri da 28 nazioni che sono venuti a regatare in Toscana per questo importante appuntamento nell’anno olimpico. Le condizioni hanno accentuato l’equilibrio e la Medal Race di domani (ore 11) è quanto mai aperta, con i primi cinque della classifica finale in grado di aspirare alla vittoria finale.

Un giro di boa alla prova 6. Foto Marina Prinzivalli

Dopo 6 prove, infatti, in testa con 30 punti è balzato il giovane greco Ioannis Mitakis, oggi terzo. Per lui sono sei i punti di vantaggio sul croato Ivan Gaspic e sette quelli sullo sloveno Vasilij Zbogar. Giorgio Poggi (Fiamme Gialle) è quarto a 38 punti. Filippo Baldassari (Fiamme Gialle) è quinto a 41. Ricordiamo che la Medal Race vale doppio e non è scartabile, per cui tutti questi cinque atleti hanno una chance di vittoria e comunque di podio. Gli altri timonieri che disputeranno la medal race sono Jan Pieter Potsma (Olanda), Denniss Karpak (Estonia), Rafael Trujillo (Spagna), Mathias Miller (Germania) e Akif Muslubas (Turchia). “Non mi aspettavo di essere così in alto alla vigilia della medal race”, ha detto il giovane timoniere del Pireo Ioannis Mitakis, “domani cercherò di fare il meglio possibile contro avversari molto forti”.

Il lato di poppa di race 6. Foto Marina Prinzivalli

La regata di oggi è stata vinta dal turco Alican Kaynar davanti al cipriota Haris Papadopoulos e al greco Ioannis Mitakis. Giorgio Poggi ha concluso undicesimo, Marco Buglielli tredicesimo e Filippo Baldassari diciannovesimo.

Dopo che i primi dieci avranno disputato la Medal Race, il resto della flotta disputerà l’undicesima prova. Questi i piazzamenti degli italiani: 23.Buglielli; 45.Bucciarelli; 51.Tacchino; 55.Menoni; 63.Cisbani; 65.Matteucci.

Il nostro video di race 6:

L’evento è organizzato dal Club Nautico Scarlino, con il supporto di Sorgenia, Marina di Scarlino, One Sails e Camera di Commercio di Grosseto.

2 COMMENTS

  1. Ma diciamo la verità: un Comitato… li ha tenuti fuori (tra i fischi) per più di quattro ore ad aspettare per poi far loro disputare una prova con partenza scandalo sempre tra i fischi in zero vento.
    Non hanno poi nemmeno avuto la decenza di annullarla nemmeno alla fine della poppa quando era un vero carnevale…
    Il risultato è semplicemente quello di aver rovinato il Campionato e la classifica A Baldassarri e Poggi…
    E i vertici tecnici federali? non pervenuti…

    • Gentile Luca,
      ci dispiace contraddirla, ma la prova si è svolta in condizioni regolari. Il vento era di 8 nodi (misurato da chi scrive) in bolina e di 6 in poppa da 185°, poi calato a 5 nella poppa finale. L’asse del vento è sempre rimasta tra su una media di 180-185°. Il Campionato di Poggi e Baldassari non è assolutamente rovinato, in quanto hanno entrambi la concreta possibilità domani in medal race di giocarsi il podio che hanno meritato con una bella settimana. Il tecnico federale della classe Finn, Luca Devoti, è presente al campionato sin da venerdì scorso. Baldassari e Poggi hanno fatto notevoli progressi nell’ultimo inverno di allenamento a Valencia. Il vento ha girato da varie direzioni, sotto l’influenza delle nuvole e per lo scontro tra vento di gradiente da sud e termica da WNW, per buon parte della giornata fino a stabilizzarsi da 180° intorno alle 15:30, solo allora era possibile dare una partenza regolare, come d’obbligo in un Campionato Europeo Finn. In testa ci sono i migliori, tra cui le nostre due Fiamme Gialle. Unica pecca, in effetti in partenza c’era un po’ troppo buono in barca in partenza e infatti il grosso della flotta si è distribuito lì, come testimoniano le nostre foto. La prova non era assolutamente da annullare e nessuno dei velisti in acqua se ne è lamentato. Forse sarebbe meglio, invece di invocare non si sa cosa, concentrarsi sulla Medal race di sabato e tifare per Filippo e Giorgio.
      Un saluto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here