SHARE

Mondello- Un Patrizio Bertelli in gran forma ha subito riportato la Coppa a quello che è sempre stata, una sfida senza esclusione di colpi tra grandi team. Durante la conferenza stampa di presentazione di Luna Rossa Challenge conclusasi poco fa al Circolo della Vela Sicilia, il presidente di Prada e di Luna Rossa non le ha mandate a dire… a Mascalzone Latino (“ci sono rimasto molto male quando ho saputo che il primo challenger of record a essersi ritirato nella storia della Coppa era un italiano”)… a Paul Cayard (“Il nostro obiettivo è di disputare la finale della Louis Vuitton Cup contro ETNZL. Il signor Cayard si può anche accomodare…”… a Oracle (“La Coppa è così, bisogna vincerla per cambiarla e le polemiche fanno parte del gioco”).

Patrizio Bertelli, il presidente del Circolo della Vela Sicilia Agostino Randazzo e lo skipper Max Sirena. Foto Tognozzi

Luna Rossa, quindi, torna e lo fa con estrema attenzione e, arriviamo a dire, con forza. La sensazione trasmessa stamattina sotto i pini di Mondello è stata di determinazione e concretezza. Qui sotto trovate le dichiarazioni principali dei protagonisti della conferenza stampa. Max Sirena ha presentato il team, anche se poi ci ha confermato che 2-3 elementi del sailing team saranno integrati in estate e che i contatti con i due fuoriclasse spagnoli Iker Martinez e Xabi Fernandez ci sono stati e sono concreti.

Alle AC World Series di Napoli i due AC45 Luna Rossa:

Su Swordfish Paul Campbell James, Manual Modena, Max Sirena, Emanuele Marino e Alistair Richardson

Su Piranha Chris Draper, Francesco Bruni, Pierluigi De Felice, David Carr, Nick Hutton

La sfida è quella al massimo livello, e Bertelli ha tenuto a precisare che il fattore decisivo della partecipazione di Luna Rossa è stata la possibilità di stringere l’accordo con Emirates Team New Zealand. Accordo che consente, ha detto l’industriale, a noi di avere una base concreta da cui partire per un progetto che prevede sia questa Coppa sia la successiva… “Vedremo con quali barche”.

Patrizio Bertelli con il presidente del CV Sicilia Randazzo

“Come italiano e rappresentante del Made in Italy”, ha detto Bertelli riferendosi a Mascalzone Latino senza peraltro mai nominarlo, “per me l’immagine nel mondo è fondamentale e ci sono rimasto molto male quando ho saputo che il primo challenger of record a essersi ritirato nella storia della Coppa era un italiano. Devo dire che anche questo ha influito nella nostra scelta, ovvero di difendere una storia italiana in Coppa”.

Parole chiare anche sulle polemiche di questi giorni sui soli 4 AC72 in costruzione e l’idea, paventata dallo stesso Larry Ellison, di disputare la Coppa con gli AC45. Non se ne parla nemmeno, ha detto in pratica Bertelli: “Non sta a noi decidere, visto che lo devono fare il defender con il challenger of record, ma posso dire che se qualcuno decidesse di disputare la Coppa nel 2013 con gli AC45 Luna Rossa si ritirerebbe dall’evento ma non accadrà perché la Coppa si farà con gli AC72”.

Il video della presentazione:

A Mondello erano presenti: Max Sirena, Francesco Bruni, Paul Campbell-James, Stevie Erickson, Chris Draper, Manuel Modena, Matteo Plazzi per il sailing team. Roberto Biscontini per il team progettuale, l’avvocato Luis Saenz de Mariscal, Antonio Marrai (logistic manager) e Andrea Casimirri (wing).

Un progetto che rappresenta, permetteteci di scriverlo, il meglio di quel made in Italy riconoscibile nel mondo, quella stessa qualità che Prada ovviamente porta all’estero per sua natura. Rappresenta una storia nella Coppa America che prosegue dal 1997 e che ha un notevole appeal sui tifosi italiani e un innegabile fascino nel mondo. Un esempio? In dieci minuti vediamo Max Sirena sottoporsi ad almeno una mezza dozzina di foto ricordo, a telefonate con figli e nipoti che vogliono conoscere “lo skipper di Luna Rossa”. Non c’è niente da fare, agli italiani-tifosi la Coppa America piace e Luna Rossa è il suo marchio più riconoscibile e autorevole dalle nostre parti. Patrizio Bertelli ha sottolieanto più volte come la storia del suo team in Coppa, pur tra alti e bassi, abbia sempre tenuto a rappresentare le qualità del nostro paese e non le sue debolezze. Questa campagna pare quindi iniziare con il piede giusto, umiltà, determinazione, gruppo e concretezza. Non resta che seguirla con la massima attenzione. I nostri complimenti, come abbiamo già scritto nei giorni scorsi, infine per la sponsorizzazione Prada della squadra olimpica azzurra, apprezzata da tutti i veri amanti della vela, come senza dubbio è anche Patrizio Bertelli.

Bertelli, Randazzo e Sirena con il team presente a Mondello

Intervista video allo skipper Max Sirena:

Intervista video al tattico Francesco Bruni:

Intervista video al timoniere Paul Campbell-James

 

Patrizio Bertelli con i due timonieri designati degli AC45 a Napoli (a sinistra Paul Campbell-James, a destra Chris Draper). Foto Borlenghi

 

I due AC45 Piranha e Swordfish di Luna Rossa in allenamento a Gaeta. Foto Borlenghi

Le dichiarazioni più significative:

Ore 12:42 Bertelli “Il nostro obiettivo è di disputare la finale della Louis Vuitton Cup contro ETNZL. Il signor Cayard si può anche accomodare…”

Ore 12:40 Bertelli “Nessuno di noi non velisti salirà mai su un AC72, troppo rischioso, sono riservati a questi super velisti”.

Ore 12:35 Luis Saenz “Il formato concreto della Louis Vuitton Cup è ancora in discussione”

Ore 12:30 “La Coppa è così, bisogna vincere per cambiarla. Le polemiche fanno parte del gioco. Il nostro budget è di 40 milioni di euro, costruiremo un solo AC72 e il nostro progetto prevede anche a Coppa successiva. Non sarebbe stato così ovvio rientrare in gioco se non avessimo partecipato a questa. Poi vedremo chi vincerà e quali barche ci saranno”.

Ore 12:35 “Mi ha molto offeso il fatto che l’unico challenger of record che si sia ritirato sia stato un italiano. Per noi l’immagine dell’Italia nel mondo è importante”.

Ore 12:30 Bertelli “Saremo in acqua con gli AC72 verso ottobre 2012 in Nuova Zelanda. Per il momento non abbiamo idea di come sarà davvero questa barca, per ora sappiamo che è un cat lungo 72 piedi con un’ala nel mezzo”.

Ore 12:20 Sirena: “L’unica possibilità per noi era quella di appoggiarci a un team forte, per noi la sinergia con ETNZL era l’unico modo. I primi mesi passati in NZL sono stati molto positivi, ci hanno permesso di allenarci con gli AC45. Il protocollo è restrittivo e non possiamo avere scambi di dati in acqua e ci possiamo basare solo sulle osservazioni visive”.

Ore 12:15 Bertelli: “vedremo come sarà la manifestazione con gli AC72, dopo di che valuteremo come proseguire”

Ore 12:10 Bertelli: “Le scelte dipendono dal defender, noi pensiamo che dopo questo grande cambiamento mi sembra impossibile tornare indietro sul 45, se il regolamento dovesse cambiare e tornare indetro dai 72 ai 45 noi non parteciperemmo, ormai la strada è aperta e si avanti così. Se pensavano di tornare ai 45 ci dovevamo pensare prima. Si regaterà con i 72”.

Ore 12:00 Max Sirena presenta i due equipaggi per Napoli:

Su Swordfish Paul Campbell James, Manual Modena, Max Sirena, Emanuele Marino e Alistair Richardson

Su Piranha Chris Draper, Francesco Bruni, Pierluigi De Felice, David Carr, Nick Hutton

Ore 11:55 Parla Agostino Randazzo, presidente del CV Sicilia che consegna il guidone del CV Sicilia allo skipper Max Sirena. Parla ora Patrizio Bertelli: “Venendo giù da Milano, mi sono posto alcune domande su questa partecipazione. L’accordo con New Zealand ci ha dato il modo di partecipare a questa edizione”. “La sfida alla Coppa è in qualche modo itinerante, prima lo YC Punta Ala, poi lo YC Italiano e ora con un club storico di una città bellissima come Palermo, il Circolo della Vela Sicilia”.

Prospettive? Cercheremo di essere vincenti anche se siamo partiti tardi. Il team è tutto nuovo, a parte 5-6 senatori. I catamarani sono un po’ diversi dagli sloop e cercheremo di fare il meglio”

Aggiornamento ore 11:45 Sta per iniziare la conferenza stampa di presentazione qui al Circolo della Vela Sicilia di Mondello. Presente tutta la stampa italiana di settore e generalista, il presidente FIV Carlo Croce, Bruno Troublé di Louis Vuitton e il team al completo. Patrizio Bertelli è appena arrivato in compagnia dello skipper Max Sirena.

2 COMMENTS

    • Ciao Tommaso,
      nella conferenza stampa Bertelli ha usato il termine sloop per riferirsi agli ACC, che appunto hanno un solo albero. Ero presente e nel contesto non mi è sembrata scorretto l’uso di tale termine.
      Un saluto e grazie per il tuo commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here