SHARE

Genova- Domani, alle ore 12, la classe Mini 6.50 scenderà in acqua in occasione della VI edizione del Gran Premio d’Italia. A contendersi il trofeo saranno 25 barche provenienti da cinque nazioni europee: Francia, Spagna, Belgio, Germania e Italia.

Il percorso del Gran Premio, nato nel 2006 per volontà della stessa classe e dello Yacht Club Italiano che da allora ospita la manifestazione, sarà lungo 530 miglia e si snoderà sulla rotta Genova- Isola della Capraia – Caletta – Giannutri – Genova. Il ritorno nel capoluogo ligure è previsto circa cinque giorni dopo la partenza.

La premiazione avverrà sabato 21 aprile alle ore 12.

Un momento della partenza del Gran Premio d'Italia Mini 6.50 del 2010

Due le categorie che si sfideranno nelle acque del Mar Tirreno: la categoria “Serie” (21 partecipanti) e la categoria “Proto” (4 barche regatanti). Occhi puntati sul vincitore della scorsa edizione del Grand Prix Mini 650 Andrea Caracci, che quest’anno sarà con Alberto Bona su Golden Apple. A dar loro filo da torcere saranno Riccardo Apolloni e Luca Sabiu su Keylog e Andrea Iacopini con Umpa Lumpa,secondo nella sua categoria nel 2011.

Nella categoria proto la battaglia sarà tutta italo-francese tra gli equipaggi Verlato-Pepe su Cimbra, Frassinetti-Masetti su GRF91, Thibon-Fialon su Elima e Zambelli–Miegge su Fontanot.

Per l’occasione Vittorio Pasquali, ricercatore presso la Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università la Sapienza di Roma, seguirà su una barca appoggio dello Yacht Club Italiano il Grand Prix Mini 6.50 per effettuare attività di ricerca sugli atleti che partecipano alla regata e studiarne le performance psico-fisiologiche.

Per seguire in tempo reale le regate, ci si può collegare ai seguenti indirizzi internet:
www.yci.it
www.gpi-mini650.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here