SHARE

Itajaì, Brasile- Ora è ufficiale. La Real Federaciòn Española de Vela ha ufficializzato oggi la nomina di Iker Martinez e Xabi Fernandez a rappresentanti olimpici per la classe 49er alle Olimpiadi di Londra 2012. I due campioni baschi, già vincitori in 49er dell’oro olimpico ad Atene 2004 e dell’argento a Qingdao 2008 (oltre che di tre mondiali e tre europei), concluderanno la Volvo Ocean Race, regata che stanno guidando in classifica con Telefonica, solo il 9 luglio con i Giochi che a Weymouth scatteranno appena una ventina di giorni dopo. Un impegno difficilissimo, quindi, ma che i due velisti guipuzcoani stanno già affrontando, approfittando di ogni momento libero dal giro del mondo per allenarsi con il 49er.

Iker Martinez e Xabi Fernandez sul podio di Qingdao

Da segnalare che dopo la Volvo Ocean Race e le Olimpiadi, Iker Martinez e Xavi Fernandez saliranno probabilmente ache su Luna Rossa per la campagna verso la 34America’s Cup. Visto il valore dei due, un gran ingaggio questo per Patrizio Bertelli e Max Sirena. A bordo di Telefonica c’è un altro velista, il laiorchino Jordi Calafat, che in caso di vittoria nella Volvo Ocean Race diventerebbe il primo velista della storia ad aver vinto le Olimpiadi (oro in 470 a Barcellona 1992), la Coppa America (con Alinghi nel 2007) e appunto la Volvo Ocean Race.

... e a bordo di Telefonica alla Volvo Ocean Race. Foto Fructuoso

Queste le dichiarazioni di Iker Martinez e Xabi Fernandez, direttamente da Itajaì, dove domenica prossima parte la sesta tappa della Volvo Ocean Race:

Iker
“Ovviamente siamo molto, molto felici, per noi è una cosa fantastica, una bellissima notizia. Sfortunatamente nella vela solo un team può andare ai giochi, quindi ovviamente per il nostro paese è una grande responsabilità. Lo sappiamo. Poiché andiamo noi altri non potranno farlo, ne siamo consci ed è una cosa che ci spinge ancor più a fare del nostro meglio. Adesso stiamo regatando nella Volvo Ocean Race, che finirà presto. Abbiamo cercato di allenarci il più possibile nel passato per essere al meglio, ma si deve sapere che quando finiremo il giro non saremo al 100%, faremo il possibile, di sicuro ci impegneremo per dare il 100%.”

Xabi
“E’ suonato il mio cellulare, era Santi della Federazione spagnola che ci dava la notizia. Naturalmente ci ha reso felici, stavamo seguendo l’evoluzione della situazione del 49er in Spagna e alla fine è arrivata la decisione. Per noi oggi è un giorno speciale.”

Iker
“Ce lo aspettavamo, ma eravamo in una condizione un po’ speciale. Cercavamo do fare del nostro meglio, verificando cosa facevamo gli altri. Come ho detto è un peccato che solo un equipaggio per nazione possa partecipare ai Giochi. Abbiamo avuto solo un’opportunità di provare, alle pre-Olimpiche di quest’anno e sapevamo quanto fosse importante per noi. Ma abbiamo dovuto aspettare… finché oggi non è arrivata la notizia.”

Xabi
“Se ne parla molto, naturalmente, noi pensiamo di poterci preparare in caso contrario non ci proveremmo nemmeno. Le regate di Weymouth dell’anno scorso sono state molto importanti e ci eravamo preparati più o meno nello stesso modo, avevamo fatto la Barcelona round the world race, tre mesi, 94 giorni di navigazione e ci stavamo anche preparando per la Volvo e siamo riusciti ad andare a medaglia. Abbiamo investito moltissimo nel 49er negli ultimi anni e pensiamo di potercela fare.”

Iker
“Ovviamente cercheremo di navigare tanto. Quando arriveremo in Europa non saremo molto allenati ma faremo del nostro meglio. Però dobbiamo anche rimanere concentrati per vincere questa regata, dando il 100%. Probabilmente non avremo molto tempo per la preparazione fisica che vorremmo, ma la motivazione resta intatta.”

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here