SHARE

Newport Beach, USA- Un’altro grave incidente nella vela americana, che segue quello assai tragico del 14 aprile scorso della perdita di cinque velisti dal Low Speed Chase in una regata a San Francisco. Questa volta si tratta di una probabile collisione tra una barca a vela, l’Hunter 376 Aegean di Theo Mavromatis, partecipante nella classe crociera alla regata d’altura di 125 miglia da Newport Beach, in California, a Ensenada, in Messico. Nell’incidente hanno perso la vita tre velisti, di cui la Guardia Costiera ha recuperato i corpi, ma non è ancora chiaro quante fossero le persone a bordo, dato che una lista equipaggio non è stata subito resa disponibile dagli organizzatori della 65esima edizione della classica Lexus Newport to Ensenada Yacht Race. Da altre fonti si è appreso che i velisti a bordo avrebbero potuto essere quattro: lo skipper  Theo Mavromatis, Joseph Stewart, Michael Pattonm e Kevin Rudolph, anche se su questo punto resta l’incertezza. Vi sarebbe quindi almeno una persona dispersa.

L'Hunter 376 Aegean, distrutto da una collisione o da un'esplosione?

L’allarme è scattato alle 01:30 della notte di sabato 28 aprile, quando il segnale di Aegean è sparito dal sistema tracking che seguiva la regata. Le ricerche della Guardia Costiera hanno portato al rinvenimento di parti dello scafo, tra cui lo specchio di poppa con il nome della barca, e poi di tre corpi senza vita, di cui uno recuperato da un elicottero e altri due da imbarcazioni civili. Altre barche in regata (213 quelle ufficialmente iscritte) hanno riferito di aver avvistato resti dell’imbarcazione subito dopo il confine con il Messico.

Si è parlato anche di un’esplosione anche se l’ipotesi di una collisione con una nave appare la più probabile. Le ricerche della US Coas Guard continuano. Decisiva potrebbe essere l’analisi dei tracciati AIS del naviglio lungo le coste della California e del tracking della regata.

La rotta di 125 miglia della Newport to Ensenada Yacht Race con il punto del ritrovamento dei resti dell'Aegean

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here