SHARE

Auckland, Nuova Zelanda, 17 luglio- E’ uscito oggi dal capannone della base di Emirates Team New Zealand ad Auckland lo scafo del nuovo AC72 kiwi con l’enorme ala da 40 metri. L’AC72 sarà varato ufficialmente il 21 luglio con una cerimonia nel Viaduct Basin di Auckland.

L’ala è uscita dal cantiere verso le 7 del mattino, seguita a un’ora dai due scafi che per la prima volta sono stati uniti insieme.

Queste le prime foto dell’AC72 kiwi realizzate dagli “osservatori” AC Event Authority ed emissari del defender Oracle Racing (foto Ivor Wilkins/ACEA):

L’ala dell’AC72 viene issata per la prima volta alla base di ETNZL. Foto Wilkins
Lo scafo dell’AC72 kiwi
L’enorme ala viene sollevata

Sempre in tema 34th America’s Cup da segnalare come il defender Oracle Racing abbia cambiato programmi, decidendo di restare ad allenarsi a San Francisco il prossimo inverno, invece di andare in Nuova zelanda per l’estate australe, come era stato deciso in un primo momento.

Newport, USA, 1 luglio- Dopo tre giorni non troppo brillanti, Luna Rossa si riscatta alla grande vincendo l’ultima regata a punteggio triplo delle ACWS di Newport e conquista, con Piranha, la sua seconda vittoria dopo quella di Napoli. Bene anche Swordfish, terza nella prova finale e quinta nella classifica generale.

Luna Rossa Piranha ha vinto le ACWS di Newport. Foto Borlenghi

L’equipaggio di Luna Rossa Piranha era composto da Chris Draper (timoniere), Francesco Bruni (wing trimmer), Pierluigi de Felice (trimmer), Nick Hutton (trimmer) e Dave Carr (freestyler).
La regata ha visto i due AC 45 di Luna Rossa lottare per il podio fin dalla partenza: Luna Rossa
Swordfish ha scelto il lato del comitato, Piranha è partita in boa. Al primo disimpegno Oracle-
Coutts è risultato in testa alla flotta, poco distante da lui i due catamarani di Luna Rossa. Nella
seconda bolina Luna Rossa Piranha, grazie ad un buon controllo sull’avversario americano, è
riuscita a passare in prima posizione, guadagnando un vantaggio nel lato di poppa, che ha
mantenuto fino all’arrivo. Luna Rossa Swordfish, in rimonta, si è alternata in seconda posizione fino all’arrivo, concludendo terza a soli sette secondi da Oracle-Coutts.

“Oggi abbiamo regatato molto bene – ha dichiarato Max Sirena (skipper di Luna Rossa Challenge 2013) – non abbiamo avuto una buona settimana ma nonostante ciò il team ha saputo reagire, conquistando un ottimo risultato sia nelle regate di flotta che nel match race, dove siamo arrivati terzi.”

Oracle Racing Coutts ha vinto l’evento a match race superando in finale Oracle Spithill. Oracle Spithill ha anche vinto il circuito delle ACWS 2011-2012, serie di eventi peraltro di scarso significato tecnico vista la mancata partecipazione a quelli del 2011 delle due Luna Rossa e la reale sfida futura che si concretizzerà sugli AC72.

L’interesse generale torna ora sugli AC72, la cui stagione dei vari si è ufficialmente aperta con il primo luglio.

ACWS – Newport Fleet Racing Championship
Team (Country) R1-R2-R3-R4-R5 — Total Points
1. Luna Rossa Piranha (ITA) 3 (8) – 8 (3) – 5 (6) – 5 (6) – 1 (30) — 53
2. ORACLE TEAM USA SPITHILL (USA) 1 (10) – 1 (10) – 1 (10) – 3 (8) – 5 (10) — 48
3. Emirates Team New Zealand (NZL) 6 (5) – 2 (9) – 3 (8) – 1 (10) – 6 (8) — 40
4. Team Korea (KOR) 8 (3) – 6 (5) – 2 (9) – 4 (7) – 4 (12) — 36
5. Luna Rossa Swordfish (ITA) 7 (4) – 5 (6) – 6 (5) – 6 (5) – 3 (15) — 35
6. ORACLE TEAM USA COUTTS (USA) 2 (9) – 7 (4) – DNF (0) – DNF (0) – 2 (20) — 33
7. Artemis Racing (SWE) 4 (7) – 3 (8) – 4 (7) – 7 (4) – 7 (6) — 32
8. Energy Team (FRA) 5 (6) – 4 (7) – 7 (4) – 2 (9) – 8 (4) — 30

www.americascup.com

Newport, USA- Inizia oggi a Newport, Rhode Island, l’ultimo atto delle AC World Series 2011-2012. Si regata fino a domenica. Otto gli AC45 in regata dai sei team rimasti nel circuito propedeutico alla Coppa: il defender Oracle Racing, Artemis, Emirates Team New Zealand, Luna Rossa, Team Korea, Energy Team.

A partire dalle 12 locali (le 18 in Italia) si svolgerà una prova di flotta, seguita dai match race dei quarti di finale con gli accoppiamenti (al meglio delle due regate su tre) decisi in base alla classifica della regata di flotta.

Diretta streaming su YouTube e TV su Mediaset.

Gli AC45 a Newport. Foto Martin Raget

Queste le dichiarazioni alla conferenza stampa di oggi:

James Spithill, ORACLE TEAM USA Spithill: “Prima di salire sul palco stavo parlando con Dean Barker: è convinto di andarsene con il trofeo nella borsa, e mi ha detto che ha già spolverato la mensola sulla quale la appoggerà. Ma per quanto mi riguarda ce la metterò tutta per lasciare quella mensola vuota”.

Dean Barker, Emirates Team New Zealand: “Jimmy è senza dubbio il favorito, ma abbiamo una fantastica possibilità e non vogliamo lasciarcela scappare. Sarà un grande evento: siamo qui da qualche giorno e il campo di regata è davvero fantastico”.

Terry Hutchinson, Artemis Racing: “Il Rhode Island sta regalando condizioni davvero eccellenti e continuerà a farlo anche nei prossimi giorni: i bollettini parlano di una consistente termica. Con una situazione del genere c’è da scommettere che avremo parecchia azione”.

Loick Peyron, Energy Team: “Ogni volta che hai modo di navigare su queste barche impari qualcosa e se quando lo fai, ti confronti con i migliori, è ancor meglio”.

Nathan Outteridge, Team Korea: “Sebbene le regate della Classe 49er si disputino su percorsi brevi e siano piuttosto corte, il passaggio verso l’AC 45 non è stato dei più semplici. Fortunatamente, a darmi una mano nei momenti più duri, ci ha pensato il mio equipaggio”.

Russell Coutts, ORACLE TEAM USA Coutts (rispondendo con un sorriso a chi lo intervistava relativamente al suo essere giù di allenamento): “Tutti i ragazzi che sono seduti qui con me (ndr, rivolgendosi agli altri skipper) dovrebbero fare molta attenzione e scostarsi dalla mia rotta”.

Chris Draper, Luna Rossa Piranha: “Abbiamo navigato molto bene. Nel corso della prima giornata di allenamento è stato fantastico regolare le vele e sentire la barca accelerare con potenza. Non vediamo l’ora di regatare in queste acque, che offrono tutto ciò che un velista può desiderare. Anche la città ci ha accolto in modo fantastico”.

Max Sirena, Luna Rossa Swordfish: “Stiamo ancora imparando, ma siamo contenti dei risultati ottenuti sino ad oggi. Siamo curiosi di vedere se riusciremo a fare meglio, se riusciremo ad ottenere qualcosa di più rispetto a Venezia. L’obiettivo, comunque, resta quello di colmare il gap per essere competitivi durante l’America’s Cup del prossimo anno”.

www.americascup.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here