SHARE

Siracusa- Il Bad 37 I Am Bad ha vinto la Regata Velica Internazionale Malta–Siracusa, organizzata dal Royal Malta Yacht Club e dalla Lega Navale Italiana di Siracusa. L’equipaggio guidato dallo skipper Giovanni Calandrino ha vinto “in over all” la 52 edizione della storica regata che ha visto la partecipazione di un centinaio di imbarcazioni delle classi “ORC”,  “IRC”, “Classiche” ed “Open”.

Una regata, partita alle ore 10 di sabato 14 luglio dal porto di La Valletta, difficile per le condizioni meteomarine poco favorevoli a causa di arie leggere. “I Am Bad” ha percorso le 85 miglia di mare che separano Malta da Siracusa arrivando alle ore 11.06 nel porto di Siracusa prima di altri esperti equipaggi italiani e maltesi. La cerimonia di premiazione si è tenuta domenica 15 luglio presso la Lega Navale di Siracusa.

L'equipaggio di I am Bad

Nella classifica generale I Am Bad ha preceduto Ricomincio da Tre di Antonino Miceli (Lega Navale di Siracusa) e Allegra Due di Franco Civello (Circolo Velico “Scirocco” di Ragusa) aggiudicandosi così il Trofeo Easy Perfectio”.

A guidare l’equipaggio di “I Am Bad” è stato l’armatore-skipper mazarese Giovanni Calandrino del Circolo Velico Mazara Joshua. Hanno fatto parte dell’equipaggio: i mazaresi Giuseppe Calandrino, Antonello Sanfilippo e Francesco Mezzapelle, il tattico palermitano Maurizio D’Amico, Gabriele Pecoraro, anch’egli di Palermo, e il timoniere trapanese Luigi Ciaravino, ed, infine, il giovanissimo e promettente Alex Pillitteri da Sciacca.

Il Bad 37 è progettato dallo Studio palermitano Albeggiani & Inzerillo.

 

2 COMMENTS

  1. Una leggera brezza nella prima ora; assenza di vento nelle cinque ore successive; brezza assolutamente inconsistente nella giornata e nella nottata. Circa sessanta barche su 102 ritirate. Ci sarebbe da auspicare il ritorno alle vecchie corrette abitudini sportive: sigillare i motori alla partenza, anche per fugare tentazioni diurne, ma soprattutto notturne a luci non correttamente spente. Non sorgerebbero dubbi e contestazioni, e forse verrebbe salvaguardato lo spirito sportivo della competizione.

    • Sig. Orazio, giusto per curiosità lei ha fatto parte dei 40 che hanno perseverato, o dei sessanta che nelle prime 12 ore essendosi annoiati hanno acceso i motori per tornare a Malta. La regata si è praticamente svolta dalle 02 di notte in poi del giorno successivo alla partenza. Se era tra i 40 immagino se ne sia accorto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here