SHARE

Helsinki, Finlandia- (Mauro Giuffrè) Le barche italiane vincono il Mondiale ORC International disputato a Helsinki. In classe A Alberto Rossi con il Farr 40 Enfant Terrible ha preso il comando già nella seconda giornata del campionato e non l’ha più mollato. In classe B vince l’NM38s Scugnizza di Vincenzo de Blasio.

Enfant Terrible. Foto Ranchi

Il Farr 40 Enfant Terrible di Alberto Rossi, con Tommaso Chieffi alla tattica, si aggiudica la classifica del gruppo A dopo una settimana da assoluto protagonista sia con il vento forte dell’inizio, sia con la brezza leggera della fase finale del Campionato. Con l’ottima serie delle ultime tre prove, 2-1-4, con il 2-1 ottenuto nelle lunghe,  la barca italiana si è tenuta alle spalle il forte Tp52 finlandese Blixt Pro Sailing, mentre per il terzo gradino del podio è ancora Italia, con il Gp42 Airis di Cesare Bressan che va addirittura a sfiorare il secondo posto, lontano appena 3 punti. Per Alberto Rossi si tratta del secondo titolo mondiale consecutivo dopo quello conquistato nelle acque croate di Cres lo scorso anno. Il tattico Tommaso Chieffi ha evidenziato nel suo commento i risultati decisivi nelle lunghe: “Eravamo in una bella posizione, in mezzo tra le barche molto veloci e le barche più lente, così abbiamo potuto fare tranquillamente la nostra regata. Una posizione vantaggiosa questa nelle regate d’altura, dove le barche più piccole erano favorite rispetto alle barche più grandi e veloci”.

A bordo di Enfant Terrible-Finnlines regatavano Alberto Rossi (timone), Tommaso Chieffi (tattica), Giovanni Palamà (navigatore), Daniele Cassinari (randa), Gaetano Figlia di Granara (trimmer), Lars Borgstrom (trimmer), Daniele Fiaschi (drizze), Roberto Strappati (albero), Jacopo Bagnaschi (aiuto prodiere) e Alberto Fantini (prodiere). Del team fa inoltre parte il coach Marco Capitani.

In classe B il titolo dell’NM 38S Scugnizza di Vincenzo De Blasio arriva con emozioni incredibili all’ultima prova, che la barca del Circolo Canottieri Napoli vince di appena 4 secondi in tempo compensato. La classifica dice che Scugnizza e il Salona 37 Lenco, dell’olandese Eric Van Vuuren, finiscono a pari punti, ma alla luce del risultato nell’ultima prova il titolo iridato va agli italiani. Grande prova quella di Scugnizza che, dopo uno start reso difficoltoso da un’altra barca mal posizionata, si lancia nel recupero e approfitta di un’indecisione degli avversari diretti su una strambata per piazzare l’attacco decisivo. Il posto va alla barca svedese Team Aken Zoo, First 36.7 di Patrik Forsgren.

L'equipaggio di Scugnizza. Foto Ranchi

Il tattico di Scugnizza è Daniele De Tullio, il è randista Alberto Grippo, entrambi della North Sails Napoli/Bari. A bordo, oltre all’armatore Vincenzo De Blasio, erano anche Davide di Maio, Giuseppe Montella, Michele De Giovanni, Antonio Dell’omo Beneduce, Fabrizio Lisco, Giada De Blasio e Umberto Coppola.

A dare filo da torcere a Scugnizza il Salona 37 Lenco dell’olandese Erik Van Vuuren che chiude la serie al secondo posto paripunti con Scugnizza. Lenco sembrava essere il favorito all’inizio dell’ultima prova, ma una strambata non effettuata con tempestività ha lasciato acqua agli avversari. Al terzo posto la svedese Team Aken Zoo, First 36.7 di Patrik Forsgren

Ad attendere a Napoli i neo campioni del mondo ci sarà  il Gran Pavese del Circolo Canottieri Napoli, con cui corre Scugnizza, mentre per Alberto Rossi sarà particolarmente emozionante rappresentare lo Yacht Club Ancona con il titolo iridato ai prossimi mondiali che si svolgeranno nelle acque di casa .

L’anno prossimo infatti l’ ORCi World Championship si svolgerà dal 21 al 29 giugno 2013 ad Ancona.

www.orciworlds2012.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here