SHARE

Genova- (Mauro Giuffrè) Il Salone Nautico di Genova ha ospitato la tradizionale premiazione dell’armatore dell’anno 2012 – Trofeo Sergio Masserotti, promossa dall’UVAI, alla presenza del Presidente FIV Carlo Croce che si è congratulato con tutti gli armatori e gli appassionati per l’altissimo livello dell’altura italiana nella stagione 2012. Come ha sottolineato il Presidente UVAI Francesco Siculiana, è stata una stagione esaltante per le nostre barche, soprattutto per la doppia vittoria al Mondiale ORC di Helsinki.

La premiazione dell’Armatore dell’Anno. Foto Giuffré

Per la classe Minialtura il premio è andato a Paolo Nava, armatore dello storico Rivetto Veruska, sempre in grande spolvero quando si regata sui laghi. Tra le “piccole” in classe 4 è stato premiato Riccardo Bergamasco dell’Elan 333 Melania, barca molto attiva in Liguria e non solo, sempre combattiva in tutte le regate. In classe 3 non poteva mancare il riconoscimento a Enzo De Blasio dell’NM38 Scugnizza che con il suo equipaggio, tattico Daniele De Tullio della North Sails, ha conseguito il titolo mondiale a Helsinki e quello italiano a Riva di Traiano. In classe 2 il premio va invece a Andrea La Corte del Salona 41 VITAMIN-A, barca presente ai principali appuntamenti dell’altura, con un’ottima performance alla 151 Miglia. Per la classe 1 è stato premiato Giovanni Sylos Labini, armatore del GS43 Exprivia Luduan Reloaded che si è imposto agli Assoluti Italiani di Riva di Traiano nel gruppo 1C.

Durante la premiazione è stato assegnato anche il titolo assoluto dell’armatore dell’anno 2012 che, alla luce dei risultati ottenuti, va ancora a Enzo De Blasio di Scugnizza la cui impresa di Helsinki è sicuramente stata determinante per questo riconoscimento.

Al TP 52 Aniene 1a Classe, armato da Giorgio Martin e dal Circolo Canottieri Aniene, è invece andato il titolo Italiano Offshore 2012, trofeo che è stato consegnato nelle mani del timoniere e socio del Cc Aniene Alessandro Maria Rinaldi, grazie alle vittorie alla Regata dei Tre Golfi e alla Giraglia Rolex Cup. Al secondo posto, staccato di neanche 2 punti, l’ottimo Scuderia 50 Altair3 di Sandro Paniccia (il premio è stato ritirato dal titolare del cantiere Maurizio Testuzza), mentre al terzo lo Swan 45 Mandolino di Martino Orombelli, altra barca sempre ai vertici delle classifiche offshore.

La premiazione è stata l’occasione anche per la presentazione della IV edizione della 151 Miglia – Trofeo Celadrin 2013, evento giovane ma già di successo dell’altura italiana, che per il prossimo anno punta, come dichiarato dagli organizzatori, a raggiungere i 150 iscritti. Formula e percorso vengono confermati, l’unica novità sarà la modalità di iscrizione: se una barca partecipa con la stazza ORC non potrà competere anche in IRC e viceversa.

Alla conferenza erano presenti Roberto Lacorte, Presidente dello Yc Repubblica
Marinara di Pisa, Alessandro Masini, vice-Presidente dello Yc Punta Ala, e Carlo Volpi,
in rappresentanza del main sponsor Celadrin by Pharmanutra, che hanno illustrato a
grandi linee le principali novità di questa 151 Miglia-Trofeo Celadrin 2013, regata
d’altura che partirà da Livorno il 30 maggio per concludersi a Punta Ala dopo 151 miglia
di navigazione tra le isole dell’Arcipelago toscano, una rotta spettacolare che l’anno
scorso ha attirato ben 114 barche sulla linea del via.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here