SHARE

Auckland, Nuova Zelanda- Passata l’emozione del varo, il team Luna Rossa si è ritrovato questa mattina per effettuare i test dei carichi in acqua dell’AC72. Dopo il cielo azzurro di ieri, che è sembrato destinare il meglio di sé al Team Prada, anche oggi qui ad Auckland si è avuta un’altra giornata splendida, il che in Nuova Zelanda non è proprio una costante. Sicura, invece, è l’accoglienza di questa nazione al team italiano, trattato benissimo e considerato quasi come uno di casa. Lo hanno ripetuto anche oggi lo skipper Max Sirena e il patròn Patrizio Bertelli, davvero felice di poter offrire alla vela italiana questa nuova campagna. Con Bertelli abbiamo avuto anche un piacevole incontro a pranzo, dove è stato ribadito quanto questo progetto, oltre ad avere sane ambizioni sportive e positive conseguenze di marketing, voglia anche contribuire a ridare il piacere dell’impegno e della partecipazione a un Paese un po’ stanco.

Il Team Luna Rossa al completo con il nuovo AC72. Foto Borlenghi

Il messaggio di Luna Rossa passa quindi attraverso un team dove la parola “gruppo” è alla voce numero uno e una barca in cui ci si può specchiare. Un’immagine riflessa nel grigio argento di tutto ciò che le passerà vicino, dal mare, alla skyline di Auckland, dagli avversari alla gente che la ammirerà per sostenerla. La livrea della nuova Luna Rossa appare geniale e promette un risultato mediatico e di effetto sul pubblico eccezionale. Davvero bella e insolita, “innovativa” tanto per usare una di quelle parole care a Patrizio Bertelli. Una pellicola a specchio che riflette tutto ciò che le passa davanti in una tonalità di grigio argento avvolgente ed elegante. Davvero, dopo averla vista non si poteva desiderare di meglio per una barca che rappresenta un brand ma anche tutta l’Italia.

“Adesso tocca a noi dare un po’ di emozioni agli italiani”, ci ha detto lo skipper Max Sirena nell’intervista video che segue, “il modo migliore per far innamorare i nostri tifosi è di andare forte in acqua, di farlo attraverso i risultati. Per cui seguiteci tutti, perché daremo il massimo per questo”.

L’intervista a Max Sirena:

Abbiamo poi parlato con Francesco Bruni, uno dei candidati al ruolo di timoniere (di partenza?) o tattico insieme a Chris Draper, Iker Martinez e Paul Campbell-James. Il palermitano ci ha spiegato le valutazioni sulla sicurezza che si stanno facendo all’interno dei team e i principi base della regolazione degli AC72. Non manca la bomboletta d’aria da 2 minuti, che ogni velista a bordo avrà in dotazione in caso di emergenza in una scuffia…

Questo, invece, è il video ufficiale del varo di Luna Rossa AC72:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here