SHARE

Hatteras, USA- Tra le molte devastazioni provocate dall’uragano Sandy nella East Coast americana, ha destato particolare stupore la notizia del naufragio del Bounty, brigantino costruito nel 1962 come replica dell’omonimo vascello che portò al celebre ammutinamento contro il capitano Blight e che nel 1963 dette vita al film con Marlon Brando e Richard Harris. Il Bounty era stato poi utilizzato anche per le riprese del film Pirates of the Caribe.

Il Bounty si inabissa nell’Atlantico in tempesta. Foto US Coast Guard

Il Bounty, lungo 55 metri e con a bordo un equipaggio di 11 uomini e 5 donne, è affondato il 29 ottobre al largo delle coste del North Carolina mentre era impegnato in una navigazione dal Connecticut alla Florida. Nonostante l’arrivo annunciato di Sandy, lo skipper del Bounty, il 63enne Robin Walbridge, aveva deciso di prendere il largo cercando di precedere la tempesta. Il Bounty si è trovato in difficoltà in un mare con onde alte nove metri fino ad affondare a circa 125 miglia a sud est di Capo Hatteras, in North Carolina. La US Coast Guard sta continuando le ricerche del capitano Walbridge dopo aver recuperato già la sfortunata naufraga Claudene Christian, 42 anni, deceduta poco dopo il reupero. Gli altri 14 a bordo sono stati tratti in salvo dai mezzi della US Coast Guard.

Il Bounty naviga nella tempesta poco prima del naufragio

 

La rotta del Bounty rispetto a quella percorsa dall’uragano Sandy. In D il punto del naufragio. Courtesy US Coast Guard

www.uscgnews.com/go/doc/4007/1592319/Coast-Guard-continues-search-for-missing-captain-of-HMS-Bounty

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here