SHARE

Auckland, Nuova Zelanda- Sulla nuova livrea di Luna Rossa si è già scritto molto. Mai si era vista una barca dipinta così, con uno specchio colo argento su cui si riflette qualunque colore, atmosfera o situazione del contesto in cui l’AC72 del Team Prada si trova. Vedremo se la velocità sarà parti alla bellezza dei suoi scafi. Certo è che tale barca è un’ispirazione continua per Carlo Borlenghi, il miglior fotografo di vela al mondo e fotografo ufficiale del Team italiano in America’s Cup, che ad Auckland ci ha confessato il tuo entusiasmo creativo per la nuova nata, già oggetto di sperimentazioni e nuova creatività.

Luna Rossa AC72. Foto Carlo Borlenghi

In attesa di vedere la prima uscita di Luna Rossa, prevista per le prossime ore, Carlo Borlenghi ci invia questa gallery relativa proprio agli scafi dell’AC72 e alle sedute di allenamento del sailing team.

A questo link, il video di Martin Tasker di TVNZL a bordo dell’AC72 kiwi:

http://tvnz.co.nz/close-up/ultra-fast-catamaran-hits-water-video-5181761

13 COMMENTS

  1. Dimenticate Clandesteam, il Classe Libera Gardesano, che è quasi dieci anni che ha un colore simile a Luna Rossa AC72…

  2. Come si fa a scrivere “mai si era vista una barca dipinta così”? a parte il fatto che lo stesso Stp 65 Luna Rossa era dipinto “a specchio”, ma poi, insomma, chiunque frequenti le regate d’altura di barche così ne ha già viste parecchie. Qualche esempio? http://www.blur.se/2007/10/17/chrome-is-so-so-disco/ Capisco che davanti a Luna Rossa la genuflessione sia obbligatoria e che vi abbiano pagato il viaggio per Auckland, ma cercate di non esagerare, su.

    • Caro Renzo, non c’è nessuna genuflessione. Se nel Team Luna Rossa avessimo visto qualcosa di non convincente lo avremmo scritto tranquillamente, nonostante l’invito ricevuto per volare ad Auckland. Che poi vi siano stati altri esempi di barche dipinte così è vero, e lo stesso libera gardesano Clandesteam, come ci ha giustamente fatto notare un lettore, era di questo filone. Sarà d’accordo con noi, però, che la visibilità di un AC72 in America’s Cup, che viene visto dal grande pubblico e non solo da noi addetti ai lavori, è ben maggiore di quella di una qualsiasi barca d’altura. Ciò che abbiamo visto ad Auckland è un Team che lavora unito, con serenità e con buone prospettive, anche per la qualità degli uomini arrivati a comporlo. Decisamente meglio di passate esperienze, dove non mancavano i “gruppi” di potere, come lo stesso Bertelli ha onestamente osservato.
      Sull’Stp65 Luna Rossa, dissentiamo, era a specchio ma non raggiungeva quella tonalità riflettente che dà la pellicola argento dell’AC72, lo diciamo dopo averli visti entrambi.
      Crediamo anche che l’investimento di Patrizio Bertelli nell’invitare un gruppo di giornalisti internazionali ad Auckland sia stato un fatto positivo, non solo per l’azienda Prada, ma anche per la visibilità della vela italiana. Le faccio anche notare che, se non ci fosse Luna Rossa, l’Italia sarebbe assente da tutte le competizioni veliche internazionali che davvero contano (non senza aver citato anche il caparbio Alessandro Di benedetto, tra pochi giorni al via del Vendee Globe ma con sponsor francese). Forse sarebbe il caso di pensarci. Un saluto.

      • Scusi eh, ma perché questa filippica non richiesta? ho solo scritto che non è vero che “mai si era vista una barca dipinta così” e la visibilità con questo c’entra poco. Inoltre ogni barca ha la sua dignità, non è che perché LR è una barca di Coppa America allora le altre non vanno prese in considerazione. Ma che ragionamenti sono? Io tra l’altro non sono un addetto ai lavori, sono un semplice regatante e di barche a specchio ne ho viste altre, a partire dall’Stp 65 LR a Porto Cervo. Lasciamo perdere il paragrafo finale, può farmi notare quello che vuole, ma credo che ogni ulteriore commento sia superfluo….

  3. Fatemi capire… se Di Benedetto sta partecipando al Vendée Globe lo deve a Luna Rossa? E poi, se non fosse per Luna Rossa, l’Italia sarebbe assente da tutte le regate internazionali??!! Perché, invece è presente? A quali? Altro che genuflessione!

    • Mi scusi, ma per caso lei ce l’ha per qualche motivo con Luna Rossa? Per rispondere alle sue domande: Di Benedetto partecipa al Vendee Globe con uno sponsor francese. L’Italia è assente dalla Volvo Ocean Race, non ha vinto nessuna medaglia olimpica a Londra 2012 ed è presente in Coppa America con Luna Rossa. Questi tre sono gli eventi di punta della vela mondiale, visibile anche dall’esterno, non crede?

      • Behh no, le competizioni veliche internazionali che davvero contano, ringraziando il cielo, sono anche altre, e se fossero solo olimpiadi, coppaamerica e volvooceanrace la vela sarebbe messa veramente male, visto lo scarso numero di partecipanti alla coppa e alla volvooceanrace. scusi eh, ma quanto scritto è molto offensivo nei confronti di tutti i velisti italiani (esclusi quelli di LR)!!

        • Caro Renzo, proprio questo e’ il punto, provi a guardare le cose dal punto di vista dello sport internazionale e della grande vela, ma e’ proprio sicuro che al di fuori del nostro mondo si conoscano eventi velici che non siano i citati?

          • beh, se le cose le guardo dal punto di vista dello sport internazionale e della grande vela, di competizioni veliche internazionali che davvero contano ce ne sono tante! Il tour de france, la settimana di kiel, il giro della gran bretagna, la ostar, il trofeo jules verne, la routedurhum… vado avanti? se le guardo dal pubnto di vista italiano, c’è solo la coppa america, ma questo, scusi eh, non dipende dal valore delle regate, ma dal fatto che agli italiani di vela frega poco o nulla. se lei va per strada e chiede cos’è una volvooceanrace o una vende globe, voglio vedere in quanti le rispondono. E’ più facile che qualcuno conosca la barcolana, allora. Lo ripeto, quello che lei ha scritto, secondo me, è offensivo per i tanti velisti che non sono velisti di coppaamerica, ma hanno una loro dignità e magari vincono regate internazionali all’estero. comunque stiamo divagando. Lei ha scritto: “mai si era vista una barca dipinta così”. Io le dico che non è vero, ci sono delle foto a testimoniarlo, c’era anche il classe libera del garda come hanno scritto altri attenti lettori. E lei, pur di non ammettere con serenità che quanto è stato scritto non corrisponde al vero, mi dice (anzi, afferma che io dovrei essere d’accordo con lei), che la visibilità di un ac72 è “ben maggiore di quella di una qualsiasi barca d’altura”. ma che vuol dire? io pensavo di dare un contributo alla crescita di questo sito, anche perché internet è interazione, ma se non è benvoluto ci rinuncio.

          • Caro Renzo, vediamo di capirci bene. Che Luna Rossa AC72 sia dipinta a specchio con tonalita’ d’argento e’ evidente ed e’ una bella immagine per una barca che rappresenta l’Italia. Che non sia la prima dipinta cosi’ e’ vero, ma sara’ anche d’accordo sul fatto che la sua visibilita’ sia maggiore e che, alla fine, sia anche un enorme spot per la vela, per di più gratuito per tutti noi. Il suo contributo e’ benvenuto e importante, come quello di tutti i lettori che ci scrivono (veda il caso Concordia).
            Noi avevamo scritto che la Coppa ha una visibilita’ presso il grande pubblico (quindi non presso di noi, che ci appassionamo giustamente per qualunque cosa galleggi e abbia una vela) maggiore di altri tipi di vela. Siamo i primi a lamentarcene e a cercare di migliorare, dando visibilità a chiunque lavori e si impegni, dai ministi a Nannini, dai ragazzi delle classi olimpiche a chi fa la middle sea o altre regate importanti. Cio’ pero’ non farci evitare di osservare come viene vista la nostra vela da chi non e’ appassionato come noi. Abbiamo provato più volte a chiedere le risposte sono sempre le stesse: Soldini, Sensini, coppa America, alcuni pelaschier e de angelis e basta così.
            Visto dall’estero il nostro buon movimento velico, come numeri non siamo affatto messi male, e’ purtroppo assente da quelli che sono riconosciuti come i grandi eventi, che sono la Coppa, le Olimpiadi, la Volvo, i grandi giri oceanici, tra cui appunto il Vendee che parte sabato prossimo, con il tenace Di Benedetto, e alcune grandi prove d’Altura come Fastnet, Hobart, middlesea e Giraglia. La Barcolana funziona benissimo per merito di Trieste e dei triestini. Il resto ha grande valore per noi ma, da quello che osserviamo, resta spesso sonosciuto ai più, salvo tempeste o cose simili. Noi avevamo osservato che, in tale vela, siamo presenti con Luna Rossa in Coppa, con Di Benedetto al VG, con alche singole barche ad altri eventi e poco più. Nessun Mod70, nessun Extreme. Nei grandi circuiti pro, insomma, ci manca qualche progetto, dovuto certamente alla crisi ma forse anche
            a una scarsa capacita’ di fare sistema. Ovviamente siamo i primi a sognare barche italiane nei grandi eventi. Tutto qui, la saluto e grazie per i suoi contributi.

          • guardi che non c’è bisogno di alterarsi!!! rileggendo questa discussione, fatico a trovare il senso di quanto dice, ma non c’è problema, sarò io che non capisco. D’altronde il suo esordio “vediamo di capirci bene” la dice lunga sulla considerazione che lei ha delle opinioni altrui e forse ha ragione, è chiaro che sono duro a capire.
            Sono certo che vorrà pubblicare questo mio messaggio con cui mi congedo e le auguro un buon vento. Occhio a non scuffiare però!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here