SHARE

Les Sables d’Olonne Cedex, Francia- J/Boats, storico cantiere americano conosciuto soprattutto per il tanto amato J24, che ancora in Italia conta una nutrita flotta di appassionati, ha annunciato di aver avviato il programma ordinazioni e consegne della novità J70, (forse) erede legittimo del 24 piedi.

La produzione europea é iniziata alla fine del luglio scorso a seguito del completamento degli stampi, realizzati con il medesimo modello “master plug” utilizzato negli Stati Uniti, costruito in alluminio, a controllo numerico. Una procedura costosa, ma voluta dal cantiere per ottenere superfici lisce, ricercando simmetria e una certa conservazione nel tempo del modello.

Le consegne sono iniziate in Europa nella prima settimana di ottobre. I primi J70 in Italia sono in consegna e i dealer italiani stanno calendarizzando una serie di appuntamenti per tastare il nuovo modello.

Il piano velico del J70 prevede una randa dall’elevato aspect ratio, un ordine di crocette acquartierate e bompresso in carbonio su cui murare potenti asimmetrici di 45 mq. Il rig è in carbonio con albero e boma della Seldén

Le vele sono state studiate dalle aziende North Sails e Quantum nei mesi di marzo e aprile. Si è così potuto testare il piano velico dei primi due prototipi e raccogliere i dati necessari alla stesura della parte del Regolamento di Classe relativa alla fabbricazione e alla forma delle vele.

Da J/Boats fanno sapere che sulle prime unità, per ordinazione di “package” completo di vele/carrello/J70, ci sarà la possibilità di presentare promozioni sull’acquisto del daysailer.

Una volta testate le prime unità, l’head quarter ha inserito nella voce “Specifiche standard” alcuni
upgrade che migliorano e rendono ancora più facile e piacevole la conduzione del J70: manovre correnti High Tech; imbottitura delle battagliole; battagliole in cavo spiroidale; contenitore solido per gennaker che si inserisce nell’apertura del tambuccio, chiudendo in modo stagno l’ingresso.

La laminazione del J70 è ottenuta per infusione sottovuoto. Le giunzioni sono realizzate con collante epossidico Plexus. Albero e boma della Seldén  sono in carbonio. La pala del timone é realizzata sottovuoto con elevata tecnologia di tipo aeronautico. La chiglia sollevabile, ha una struttura in acciaio nella parte superiore, rivestita di resine, mentre l’appendice in basso è in piombo e antimonio. L’avvolgifiocco Harken è a filo coperta.

www.jcomposites.eu

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here