SHARE

San Francisco, USA- La Giuria Internazionale della 34th America’s Cup ha ritenuto Oracle Racing colpevole di spionaggio dopo la protesta sollevata da Luna Rossa Challenge 2013 lo scorso 26 novembre contro il team americano. Come si ricorderà (clicca qui per i dettagli), un gommone con a bordo un osservatore di Oracle Racing aveva scattato foto entro il raggio di 200 metri prescritto dal Protocollo della Coppa come zona di riservatezza.

Il gommone "spia" di Oracle accanto a Luna Rossa, da qui la protesta del team italiano
Il gommone “spia” di Oracle accanto a Luna Rossa, da qui la protesta del team italiano

La Giuria presieduta da David Tillet non ha deciso sanzioni, invitando le parti a inviare al riguardo le loro ipotesi di “sanzioni consone” per in caso. La Giuria ha invece ordinato al defender di consegnare a Luna Rossa tutto il materiale fotografico scattato nell’occasione. Si noti anche che tali osservazioni, dopo la scuffia di Oracle del 16 ottobre, erano certamente utili per consentire al defender di recuperare il terreno perduto nello studio del foiling dei due AC72 in allenamento ad Auckland.

Al di là della sanzione, certamente poco influente, resta il fatto di un punto a favore di Luna Rossa nella guerra psicologica già iniziata in vista della prossima America’s Cup. Ricordiamo anche che Luna Rossa ha protestato una seconda volta Oracle Racing per la cancellazione delle ACWS previste nel 2013 a Venezia.

Per leggere il PDF della sentenza clicca qui sotto:

JN059(1)

Nel frattempo ad Auckland Emirates Team New Zealand ha già smontato il suo primo AC72 dopo i 30 giorni di uscite, come mostra questo video.

Ricordiamo che i kiwi torneranno in acqua a febbraio con il loro secondo AC72, confermandosi al momento come il team più avanti nella corsa alla prossima Coppa America.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here