SHARE

San Francisco, Stati Uniti- C’era una volta la favola della nuova America’s Cup ideata da Larry Ellison e Russell Coutts. Un enorme affare per San Francisco, otto team coinvolti, eventi preparatori, un’estate di appassionante Louis Vuitton Cup per designare lo sfidante ufficiale e un settembre di fuoco con la battaglia finale tra il defender Oracle Team USA e il challenger. Regate in diretta, visisezionate in continui getti di adrenalina per un’audience globale con telecamere in ogni dove, a terra, in mare e a bordo dei fantasmagorici AC72.

La realtà, oggi a meno di sei mesi dall’inizio della Louis Vuitton Cup fissato per il 4 luglio, è ben diversa. La sfida stellare tecnologica resta, e sarà indubbiamente appassionante, con i tre AC72 di Luna Rossa Challenge, Emirates Team New Zealand e Artemis Racing che si sfideranno in luglio e agosto nel ristretto campo di regata racchiuso tra il Golden Gate, Alcatraz e il waterfront settentrionale di San Francisco. Ciò che pare destinato a mancare è invece quel contorno da America’s Cup che aveva fatto grandi le ultime edizioni di Auckland e Valencia.

Le dimensioni del nuovo campo di regata della 34th AC a San Francisco, più piccolo di quello comunicato in precedenza. Per avere un'idea delle distanze, la campata del Golden Gate (che vedete sulla sinistra) è lunga 1,3 km, ovvero 0,7 miglia
Le dimensioni del nuovo campo di regata della 34th AC a San Francisco, più piccolo di quello comunicato in precedenza. Per avere un’idea delle distanze, la campata del Golden Gate (che vedete sulla sinistra) è lunga 1,3 km, ovvero 0,7 miglia

E’ di oggi la notizia del “restringimento” dell’area di regata, adesso più piccola rispetto al primo annuncio, e la mancanza di interesse da parte dei team sfidanti per un villaggio ospitality. Tutti si domandano come farà la Louis Vuitton a durare dal 4 luglio al 30 agosto, con solo tre sfidanti. Tutti i team hanno mostrato zero interesse alle attività accessorie e promozionali. In questo senso è emblematica la rinuncia ad allestire aree di hospitality al molo 29, quello dell’arrivo, come confermava la stessa AC Event Authority poco prima di Natale.

Certo, immaginare i potenti, veloci ma anche rischiosi AC72 “costretti” in un campo di regata così ridotto fa impressione…

L’attenzione è tutta concentrata sulla preparazione degli AC72, con Artemis e Oracle al lavoro a San Francisco. Il defender tornerà in acqua finalmente ai primi di febbraio. Luna Rossa ed Emirates Team New Zealand sono ad Auckland. I kiwi hanno organizzato ieri un media day per la stampa kiwi che ha visionato il nuovo AC72 in allestimento.

Ecco il video:

Grande movimento, invece, per la Red Bull Youth America’s Cup, a cui partecipa come noto anche Team Italy powered by Stig.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here