SHARE

Napoli- (Antonella Panella) Una bella ma rigida giornata di sole per il settimo appuntamento del 42° Campionato Invernale della Vela d’Altura di Napoli. Poca aria e piuttosto indecisa, con continui salti di direzione e intensità. Si è svolta una sola prova, complicata per i tattici, attenti a leggere pazienti ogni capriccio del vento. La prontezza con cui il Comitato di Regata, presieduto da Afredo Ricci, ha accorciato il percorso, non è servito a salvare il lungo elenco dei DNF.

Scugnizza in una foto di repertorio. Foto Taccola
Scugnizza in una foto di repertorio. Foto Taccola

Continua la sfida tra Malafemmena di Arturo di Lorenzo e Le coq Hardie di Maurizio Pavesi, rispettivamente primo e secondo. I due sono nello stesso ordine anche nella classifica generale provvisoria, separati solo da un punto, seguiti da Raffica di Pasquale Orofino, quarto dietro a Niente Male, di Giuseppe Osci. Unici arrivati in classe 3,  Sly Fox di Roberto Fotticchia, Scugnizza di Enzo De Blasio e Mimm One di Vincenzo Santoro. In classe 4-5, Nimar II di Francesco Forte si è imposto su Cos’è Pazz di Marco Disa e Vagamondo di Raffaella Borriello. Sparviero dell’Accademia Aeronautica, Ossoduro di Liliana Dambrosio, Le IV Repubbliche della Marina Militare sono stati i primi tre della classe Minialtura.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here