SHARE

Les Sables d’Olonne- (Mauro Giuffré) Il Vendée Globe 2012-2013 si avvia verso la conclusione, non prima di accogliere a Les Sables gli ultimi due skipper rimasti in mare, Tanguy De Lamotte su Initiative Coeur e Alessandro Di Benedetto con Team Plastique. Per il francese, che si appresta ad attraversare la Biscaglia, l’arrivo è previsto per il 17 febbraio, attualmente a 500 miglia dal traguardo con i problemi alla barca ormai stabilizzati.

Un’edizione del Globe che resterà nella storia per essere stata la più veloce da quando è iniziata, nel 1988, questa mitica regata. Non solo il distacco tra il primo, Gabart nello strabiliante tempo di 78g 2h 16m 40s, e il secondo Armel Le Cleac’h non era mai stato così breve, poco più di tre ore, ma anche quello tra il vincente e l’ultimo classificato si annuncia come un piccolo record.

Alessandro Di Benedetto su Team Plastique
Alessandro Di Benedetto su Team Plastique

Alessandro Di Benedetto, a 1600 miglia da Les Sables al momento, ha un arrivo previsto intorno al 22 febbraio: taglierebbe il traguardo così 25 giorni dietro a François Gabart, prima di lui solo Catherine Chabaud aveva fatto meglio con 34 giorni dal vincitore Cristophe Auguin nel 1996-1997. Se così fosse Alessandro Di Benedetto chiuderebbe il suo Vendée in 104 giorni, un tempo veramente notevole se si considerano i precedenti della sua barca. Team Plastique si appresta infatti a concludere il suo quarto giro del mondo: con Thomas Coville nel 2000-2001 impiegò 105 giorni, mentre Sebastien Josse nel 2004-2005 ce la fece in soli 93 conquistando il quinto posto e Arnaud Boissières nel 2008-2009 ne fece 105.

Di Benedetto da parte sua dichiara di non pensarci: “Il limite dei 105 giorni onestamente non è così importante per me, prima della partenza della regata io non pensavo affatto ai 105 giorni, speravo di completarla entro i 140. E’ solo un time reference, quello di Coville e Boissières con questa barca, proverò a farcela ma non sono ossessionato da questo.  Per me la cosa più importante è completare la regata”. Ricordiamo che Team Plastique naviga sempre senza vele per le andature portanti a causa della rottura di tutti i gennaker, che da adesso a qualche giorno potrebbero tornare molto utili per la rotta verso Les Sables.

www.vendeeglobe.org

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here