SHARE

Auckland, Nuova Zelanda- Incidente all’ala oggi alla base di Emirates Team New Zealand ad Auckland, a testimonianza delle difficoltà logistiche comportate dalla gestione degli AC72. L’ala alta 40 metri è andata a urtare l’edificio di tre piani che funge da base di ETNZL nel Viaduct Harbour di Auckland durante le operazioni di messa in opera sull’AC72. I danni riportati sarebbero comunque di lieve entità e l’ala dovrebbe tornare a disposizione entro un paio di giorni, secondo quanto riportano SailWorld e il NZ Herald.

Immagine da web cam dell'ala al momento dell'incidente alla base kiwi
Immagine da web cam dell’ala al momento dell’incidente, con la stessa che va a urtare la base kiwi. Sullo sfondo si intravede la bandiera italiana alla base di Luna Rossa

Ricordiamo che ETNZL ha previsto per la sua campagna al momento due ali intercambiali, ognuna del costo stimato di circa 8 milioni di dollari. Quella danneggiata oggi sarebbe la prima delle due. L’ala ha acquisito portanza mentre veniva sollevata a causa del vento a raffiche sui 22-25 nodi e instabile in direzione. Un incidente simile era occorso alcune settimane fa anche a Luna Rossa, con l’ala comunque prontamente riparata.

Il video dal NZ Herald:

Il complesso sistema di gestione dell'ala, con muletti elettrici dotati di contrappesi e winch usato da ETNZL. Foto Cameron
Il complesso sistema di gestione dell’ala, con muletti elettrici dotati di contrappesi e winch usato da ETNZL. Foto Cameron
Il particolare dei danni all'ala di Team NZL
Il particolare dei danni all’ala di Team NZL

 

E a San Francisco…

A San Francisco, intanto, ieri nuova uscita per l’AC72 Oracle Team USA. Questo il commento di Russell Coutts sull’esperienza di navigare su un AC72:

“L’esperienza di cavalcare un AC72 in foiling è incredibile. Lo paragono a stare dentro un bob dove i movimenti e il rumore è simile, specialmente se ti trovi dentro lo scafo sottovento. Seriamente… chi avrebbe mai pensato che gli AC72 avrebbero potuto fare foiling! E’ incredibile pensare a quanto lontano queste barche siano state spinte in così pochi anni. Pensavamo tutti che Alinghi 5 e il trimarano fossero macchine incredibili… e pochi anni fa lo erano veramente, ma gli AC72 hanno portato tutto questo a un livello nuovo. Tommy Slingsby mi ha detto l’altro giorno che semplicemente non vede l’ora di uscire ogni giorno – chi no lo farebbe?… Per il futuro di questa AC, vedo che anche gli AC45 avranno bisogno di fare foiling. Pare che questi ragazzi della Red Bull Youth AC siano arrivati in questo gioco proprio al momento giusto!!!”. Un accenno al fatto che, in caso di vittoria Oracle, la Coppa 35 sarà disputata con cat in foiling più piccoli e gestibili dei 72? Sembrerebbe proprio così…

L’ultimo video da Oracle:

Oracle Team USA. Foto Grenier
Oracle Team USA. Foto Grenier

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here