SHARE

Mademblick, Olanda- E brava Flavia… La Tartaglini dopo Palma ISAF World Cup vince anche la Delta Lloyd Regatta Eurosaf a Medemblick negli RS:X F. La velista romana, in forza alle Fiamme Gialle, si era portata in testa alla classifica dopo le regate di ieri e oggi ha ottenuto un terzo nella medal race tra le migliori sei della flotta sufficiente per garantirle il primato. Per la Tartaglini, che ha preceduto l’israeliana Davidovich e la spagnola Manchòn, si conferma quindi un ottimo inizio di quadriennio.

Flavia Tartaglini sorride dopo la vittoria alla Delta LLoyd
Flavia Tartaglini sorride dopo la vittoria alla Delta LLoyd

“Sono arrivata in medal race grazie con un primo posto. Abbiamo avuto un buon vento anche se complicato per la vicinanza a terra con salti e raffiche. Sono riuscita a fare una buona partenza e a condurre per buona parte della regata. Alla fine un terzo posto è stato abbastanza per mantenere la testa e vincere il titolo”, ha detto Flavia Tartaglini.

Il video:

Nelle altre classi Giulia Conti e Francesca Clapcich hanno concluso none tra i 49er FX. Nei 49er ottimo sesto posto finale per i ravennati Plazzi-Molineris (5-6-7-dnf nelle quattro prove Medal). Seguono: 10.Angilella-Zucchetti; 11.Dubbini-Dubbini; 12.Cherin-Tesei.

Nei Laser radial: 17.Zennaro; 30.Zorzi. Negli RS:X uomini 16.Marcantonio Baglione

deltalloydregatta.org

Medemblick, Olanda- E’ in corso a Medemblick, in Olanda, la Delta Lloyd Regatta, seconda tappa del circuito Eurosaf delle classi olimpiche. L’Italia è presente con una squadra limitata alle classi RS:X, 49er e 49er FX. Dopo la prima giornata di ieri la migliore è ancora una volta Flavia Tartaglini, terza nel windsurf donne con 1-2-11-6. Giulia Conti e Francesca Clapcich negli FX sono ottave (6-3-9-dnf). Nei 49er abbiamo quattro equipaggi: 8.Plazzi-Molineris, 15.Dubbini-Dubbini, 18.Angilella-Zucchetti, 21.Cherin-Tesei. Nelle tavole maschili 18.Baglione. Nei Laser Radial 1.Young (GBR), 2.Murphy (IRL), 20.Zennaro; 29.Zorzi

470 in regata a Medemblick

470 in regata a Medemblick

Le regate di qualificazione proseguono oggi con previsione di vento forte. Come già sul Garda si sta sperimentando il nuovo formato. Nella classe paraolimpica 2.4 regata Antonio Squizzato, 12esimo.

Gli atleti nel giro della squadra nazionale delle altre classi sono a Campione del Garda per un primo raduno agli ordini del DT Michele Marchesini.

http://www.deltalloydregatta.org/

Riva del Garda- Seconda giornata della Garda Trentino Olympic Week Eurosaf. Ancora Ora medio-leggera nel pomeriggio con tutte le classi in acqua. A Malcesine i Finn hanno disputato due prove al mattino con vento in calando (un po’ troppo) da nord, seguite da altre due nel pomeriggio con i vento da sud. Proprio dai Finn arriva il miglior risultato degli italiani, con Giorgio Poggi (Fiamme Gialle) che con un 4-10-2-2-4 di porta in testa alla flotta dopo ciqnue prove. Dietro di lui l’estone Karpak e il ceco Maier. L’altro finanziere Filippo Baldassari è buon quinto (1-9-7-15-5).

Si confermano con aria leggera Federica Salvà e Francesco Bianchi nei Nacra 17, che con la serie 1-5-4-12-2 sono ora terzi dietro Jones-Saunders e agli austriaci Zajac-Franc. Bene al quarto psoto l’equipaggio dell’Aniene Porro-banti (9-1-7-2-3). Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri sono settimi (5-ocs-10-3-10).

Tra i 102 Laser guida l’australiano Tom Burton (2-1-6-7-1-2) sul croato Tonci Stipanovic. Migliore dei nostri è Marco Gallo, risalito fino al settimo posto (SV Guardia di Finanza, 2-23-7-10-1-5). Seguono 14.Marrai, 21.Coccoluto, 23.Spadoni 19.Tocchi, 23.Strazzera, 26.Antognoli.

Nei Laser Radial dominio dell’irladese Annalise Murphy, che alle Olimpiadi di Weymouth dominò con vento forte per finire però poi quarta soffrendo i venti leggeri. Oggi ha dominato con un tris di primi che la protano in testa con 9-2-1-1-1-1. Migliore italiana è Silvia Zennaro, ottava (6-ocs-16-12-7-6), 19.Emma Giuliari, 20.Faraguna, 21.Balbi.

Bissaro-Sicouri oggi sul Nacra 17. Foto Prandini
Bissaro-Sicouri oggi sul Nacra 17. Foto Prandini

Nei 470 uomini conducono i croati Fantela-Marenic (9-1-1-1-2-16). Al settimo posto Falcetelli-Clementi (Aniene); 9.Capurro-Ramian, 11.Simon Sivitz Kosuta e Jas Farneti.

Nei dieci 470 donne conducono le slovene Mrak-Makarol, 2-1-2-4-3-3 davanti alle neozelandesi Aleh-Powrie. Komatar-Carraro (Aeronautica Militare, 5-2-3-9-4-5) sono ora quarte. Quinte Scotti-Nardeschi.

Altre quattro prove nei 49er (24 barche in acqua), dove ora conducono gli austriaci Delle Kart-Resch. Giuseppe Angilella e Piero Zucchetti (Lauria) regatano bene e salgono fino al terzo posto (10-9-8-3-2-2-6-10), 5.Plazzi-Molineris, 10.Dubbini-Dubbini.

Nelle tavole maschili stradomina l’oro olimpico olandese Dorian van Rijsselberghe (1-2-1-1-1-1-1). Marcantonio Baglione è sesto, 10.Camboni; 14.Esposito. Tra le donne l’inglese Briony Shaw (1-2-1-1-1-1) è in testa nettamente davanti alla Chan Hei (Honk Kong) e a Flavia Tartaglini (2-1-3-4-4-5). 6.Fanciulli.

Per la terza giornata di regate domani, i Nacra17 saranno sul campo di Malcesine già dalle 8:30 del mattino per regatare con il Peler. Per tutti gli altri, confermato lo start alle 12 con l’Ora.

Il Garda Trentino Olympic Week 2013 è organizzato dal Consorzio “Vela Garda Trentino”, che riunisce i Circoli velici dell’Alto Garda: Circolo Vela Arco, Fraglia Riva, Circolo Vela Torbole, Circolo Surf Torbole e Fraglia Vela Malcesine.

http://www.velagardatrentino.com

 

 

Riva del Garda- Prima giornata della Garda Trentino Olympic Week Eurosaf con Ora medio leggera. Piacevole sorpresa della giornata è il primo posto di Federica Salvà e Francesco Bianchi nei Nacra 17. La due volte azzurra di 470 ha regatato bene nelle acque del suo benaco (è di Brenzone, sponda veronese) ottenendo un 1-5-4 nelle tre prove disputate. Al secondo posto i neozelandesi Jones-Saunders e al terzo Tocchio-Degli Uberti del CV Roma. Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri sono 12esimi (5-ocs-10).

Nei Finn (ben 60 in acqua) disputata una sola prova, vinta ottimamente da Filippo Baldassari (Fiamme Gialle) davanti all’estone Karpak e al turco Kainar. Quarto Giorgio Poggi, anche lui Fiamme Gialle. Ocs il croato Ivan Gaspic.

Tra i 102 Laser guida l’australiano Tom Burton (2-1-6). Migliore dei nostri è Enrico Strazzera (YC Cagliari), decimo (5-6-19), seguito da Marco Gallo (SV Guardia di Finanza, 2-23-7). Seguono: 17.Coccoluto, 19.Tocchi, 21.Antognoli, 23.Marrai. Fa sensazione al momento il 20esimo di Robert Scheidt, il fuoriclasse brasiliano vincitore di cinque medaglie olimpiche.

Nei Laser Radial conduce la finlandese Tuula Tenkanen (3-4-2). Migliore italiana è Emma Giuliari (FV Riva, 22-8-18). 15.Floridia, 17.Faraguna, 19.Cosentino.

Sivitz Kosuta-Farneti in 470 oggi sul Garda. Foto Vuillemeur
Sivitz Kosuta-Farneti in 470 oggi sul Garda. Foto Vuilleumier

Nei 470 uomini (solo 29 in acqua) conducono i croati Fantela-Marenic (9-1-1). Simon Sivitz Kosuta e Jas Farneti sono settimi (5-10-8). 10.Falcetelli-Clementi; 11.Capurro-Ramian.

Nei dieci 470 donne conducono le slovene Mrak-Makarol, 2-1-2. Buon secondo per Komatar-Carraro (Aeronautica Militare, 5-2-3). Quarte Scotti-Nardeschi, vincitrici della terza prova. Un po’ indietro le fuoriclasse kiwi e australiane prssenti sul Garda.

Quattro prove nei 49er (24 barche in acqua), dove conducono i danesi Warren-Lang (1-1-6-1). Giuseppe Angilella e Piero Zucchetti (Lauria) sono quinti (10-9-8-3). 11.Dubbini-Dubbini; 12.Plazzi-Molineris. Non regatano i 49er FX femminili per poche iscritte.

Nelle tavole maschili in testa l’oro olimpico olandese Dorian van Rijsselberghe (1-2-1). Marcantonio Baglione è nono. 11.Camboni; 12.Esposito. Tra le donne l’inglese Briony Shaw (1-2-1) precede Flavia Tartaglini (2-1-3). 5.Fanciulli.

Un giro di boa nei Laser a Torbole. Foto Vuilleumier
Un giro di boa nei Laser a Torbole. Foto Vuilleumier

Domani si prosegue nei campi di Riva, Arco, Torbole e Malcesine.

http://www.velagardatrentino.com

 

 

Dall’8 al 12 maggio è in programma tra Riva del Garda, Torbole, Malcesine e Arco la Garda Trentino Olympic Week 2013 – Eurosaf Champions Sailing Cup, unica regata che coinvolge tutte le classi olimpiche in acqua italiane.

http://www.fragliavelariva.it/regatta/1281/view

Finali da Hyeres- Così le nostre atlete dopo le medal race disputate questa mattina a Hyeres: RS:X donne 4.Tartaglini (ocs-2 nelle Medal), 9.Linares (8-4); 49er FX 6.Conti-Clapcich (6-2-8 nelle Theatre race)

Hyeres, Francia- Sono tre gli equipaggi italiani che arrivano alle Medal Race in programma domani all’ISAF World Cup di Hyeres. Pochi, non c’è dubbio, tanto che la olimpica italiana pare proseguire con le difficoltà di Weymouth 2012. Ma ci sono quattro anni per migliorare e scopriamo in questo articolo come la vela azzurra intende procedere. Oggi a Hyeres si sono concluse le regate di finale, che hanno appunto selezionato i migliori dieci di ogni flotta per le due medal race a punteggio doppio e non scartabili previste per sabato a Hyeres. Nella classe RS:X donne entrano in medal Flavia Tartaglini, quarta, e Laura Linares, decima. Nel 49er FX si qualificano Giulia Conti e Francesca Clapcich, quarte dopo la bella vittoria nell’ultima prova.

Per il resto, discreti risultati nei Finn, 49er e nei Nacra 17, dove Vincenzo Sorrentino-Laura Pennati sono stati penalizzati da una collisione, per la quale hanno comunque ricevuto una riparazione, e Vittorio Bissaro-Silvia Sicouri hanno subito una rottura nell’ultima prova, e posizioni di rincalzo nelle altre classi. Ci sarà molto da lavorare in vista di Rio 2016, ci pare evidente, e il DT Michele Marchesini, che abbiamo raggiunto subito dopo la fine delle regate di oggi, ci spiega come la FIV intende farlo.

Laura Linares in regata a Hyeres

Laura Linares in regata a Hyeres

“Questa era la prima trasferta con convocazioni”, ci ha detto oggi il nuovo DT Michele Marchesini, “avevamo voluto dare al maggior numero possibile di equipaggi la possibilità di farsi notare. C’è senz’altro molto da lavorare. Abbiamo creato il progetto e creato l’organigramma tecnico. Questa prestazione è il frutto della preparazione invernale individuale degli equipaggi. Abbiamo convocato qui a Hyeres chi era arrivato nel primo 50 per cento a Palma. In questa settimana abbiamo analizzato le prestazioni ed è stata una settimana perfetta per farlo, visto che abbiamo avuto tutte le condizioni, vento leggero, medio e forte. , La valutazione, con Alessandar Sensini e Luca De Pedrini, continua ora con la regata Eurolymp sul Garda, dove sarà convocato chi è arrivato nel primo 50 per cento qui a Hyeres, ovviamente nell’ambito del budget di cui disponiamo.

Qui a Hyeres abbiamo fatto delle riunioni plenarie, convocando tutta la squadra, con atleti e trecnici, e parliamo di ciò che accade: occorre tener presente che ciò che vogliamo costruire è soprattutto un cambio di mentalità. Dopo il Garda, avremo identificato quelle che sono le aree su cui concentrare il lavoro e poi inizieranno i collegiali al centro di Campione. Alle regate convocheremo solo la fascia alta mma per tutti coloro che si impegneranno l’accesso alla formazione sarà aperto a tutti coloro che ne hanno realmente voglia e che saranno motivati. Siamo onesti, il livello medio deve crescere e siamo qui per lavorare e vogliamo avere una nuova generazione di atleti con l’A maiuscola. La vela è semplicemente e nulla più di uno sport che si pratica con un attrezzo, certo più complicato di un giavellotto o di un martello, ma sempre un attrezzo. E i velisti sono degli sportivi e degli atleti e come tali hanno l’obbligo di comportarsi se vogliono emergere. Attivazione, palestra, tutto serve, il lavoro psicologico, l’alimentazione. Lo staff tecnico, a cui collabora anche Valentin Mankin, ora è fatto di sportivi. L’obiettivo reale per Rio è arrivare con un livello medio diverso e percorsi chiari e definiti. Per venire ai raduni prima di tutto occorrerà l’impegno e la voglia di farcela”.

Ci auguriamo che pian piano siano superati i vizi storici della nostra vela olimpica e che si proceda con il necessario rinnovamento dei metodi, come traspare dalla parole del DT.

Nacra 17 a Hyeres. Foto Liot

Nacra 17 a Hyeres. Foto Liot

Il dettaglio delle classi:

Finn In testa alla vigilia delle medal è Giles Scott, l’erede più probabile nella classe di Ben Ainslie. Al secondo posto un altro inglese, Andrew Mills, e al terzo l’olandese Potsma. Seguono il kiwi Junior e lo sloveno Zbogar. Le due Fiamme Gialle Filippo Baldassari e Giorgio Poggi chiudono rispettivamente al 14esimo e 15esimo posto. Bene oggi Poggi (5-9). Così gli altri italiani: 44.Voltolini; 57.Vongher. Attesa per l’arrivo nella classe di Simone Ferrarese, che sarà ai primi di maggio alla Dinghy Academy di Luca Devoti a Valencia.

Nacra 17 In testa i francesi Besson-Riou davanti agli svedesi Shuwalow-Klinga e agli altri francesi Vaireaux-Audinet. Franck Cammas si è ritirato dopo le prime 4 prove di finale. Iker Martinez conclude 18esimo. Oggi Vincenzo Sorrentino e Laura Pennati vincono l’ottava prova ma posi sono vittima di una collisione con un equipaggio tedesco, che costa anche un lieve infortunio al timoniere. La conseguente riparazione nelle ultime due prove porta gli italiani al 14esimo posto, migliore dei nostri (13-13-16-12-26-17-11-1-rdg-rdg). Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri concludono 16esimi con un’avaria nell’ultima prova. 25.Salvà-Bianchi.

In questa classe si notano i maggiori margini di crescita della flotta, con ovvia sperimentazione sulle regolazioni, il peso ideale e la configurazione migliore (tra i primi 10, 6 uomini e 4 donne al timone).

470 donne In testa le brasiliane Oliveira-Barbachan. Così le italiane: 15.Komatar-Carraro con un terzo nell’ultima prova; 21.Caputo-Paolillo; 25.Berta-Sinno

470 uomini Al comando, manco a dirlo, l’oro di Weymouth, l’aussie Mathew Belcher con il nuovo prodiere Will Ryan. Migliori dei nostri sono Matteo Capurro e Matteo Ramian, 25esimi. Nella Gold hanno regatato anche Francesco Falcetelli ed Enrico Clementi, 28esimi. Nella Silver 46.Spina-Bernard; 54.Ferrari-Calabrò; 61.Sivitz Kosuta-Farneti che non hanno regatato dopo le qualificazioni.

49er La dominante vela inglese porta tre equipaggi ai primi tre posti (c’è molto da imparare qui come metodo…): Ewans-Powis, Fletcher-Sign e Morrison-Rhodes. Migliori italiani sono Luca e Roberto Dubbini (Marina Militare), seguiti da 21.Cherin-Tesei con un primo in race 9 e 22.Angilella-Zucchetti. 33.Plazzi-Molineris; 38.Savio-Savio; 47.Gaspari-Bondi

49er FX Giulia Conti (Aniene) e Francesca Clapcich (Aeronautica Militare) (5-4-6-11-1-6-9-19-3-1) vincono race 10 ed entrano nelle regate Theatre Style finali da quarte. In testa le kiwi Maloney-Meech. 17.Tezza-Bergamaschi

Laser Radial Al comando l’olandese Bouwmeester sull’inglese Young e sulla finlandese Tekkanen. Così le italiane: 22.Zennaro; 26.Cosentino; 27.Faraguna; 37.Floridia

Laser Robert Scheidt suda sette camicie ma alla fine arriva in testa alla vigilia delle medal pur senza un primo parziale nelle finali. Secondo il croato Tonci Stipanovic e terzo l’aussie Tom Burton. I nostri con vento forte scendono e la classifica li vede così: 26.Strazzera; 29.Spadoni; 30.Coccoluto; 40.Marrai; 46.Marega; 53.Meloni; 59.Gallo; 65.Antognoli; 75.Benini Marco; 87.Tocchi; 92.Benini Mario

RS:X donne Brava Flavia Tartaglini che, dopo la vittoria a Palma si conferma anche a Hyeres. La windsurfista delle Fiamme Gialle entra nelle medal da quarta (5-10-1-3-6-2-7). Laura Linares vi entra da decima (18-9-8-2-16-13-6). 17.Fanciulli. In testa la francese Picon davanti al’inglese Shaw e alla spagnola Manchòn.

RS:X uomini Lo spagnolo Ivan Pastor conduce sul francese Giard e sul polacco Myszka. Il giovane Mattia Camboni conclude con un buon 18esimo posto. Così gli altri italiani: 23.Esposito; 30.Benedetti; 32.Baglione; 42.Pochiero

http://swc.ffvoile.com/

Hyeres, Francia- La seconda tappa europea dell’ISAF World Cup, in programma a Hyeres dal 20 al 27 aprile prossimi, vedrà la partecipazione dei primi convocati ufficiali della Federazione Italiana Vela. Nell’occasione sono stati ufficializzati i nomi dei nuovi quadri tecnici suddivisi per classe, coach in parte nuovi e in parte confermati dai precedenti quadrienni, scelti dal nuovo DT Michele Marchesini.

Gianfranco Sibello, che ha consluo la sua attività agonistica dopo tre Olimpiadi in 49er a prua del fratello Pietro, sarà il tecnico della nuova classe 49er FX, Luca De Pedrini è passato dal ruolo di DT a quello di tecnico della classe 49er, Andrea Trani, già prodiere di Gabio Zandonà, sarà il tecnico dei 470 donne, Nicola Pitanti dopo un passato di prodiere del doppio maschile sarà il tecnico dei 470 uomini, Egon Vigna è stato confermato tecnico dei Laser Radial. Una delle novità è Alp Alpagut, che sarà il tecnico dei Laser Standard. Luca Modena, reduce dall’esperienza con Scheidt a Weymouth, sarà per il momento il tecnico dei Finn. Il confermato Adriano Stella sarà il tecnico degli RS:X donne, mentre l’ex atleta Riccardo Belli Dell’Isca si occuperà degli uomini. Per il nuovo cat misto Nacra 17, che a palma ha già dato spettacolo, in qualità di osservatore è stato chiamato Edoardo Bianchi, già prodiere di Marcolini sul Tornado azzurro. Confermato Guglielmo Vatteroni come Team Manager.

Conti-Micol in regata sul 470 a Hyeres 2012. Foto Liot/SOF

Conti-Micol in regata sul 470 a Hyeres 2012. Foto Liot/DPPI/FFV

Questi i convocati per Hyeres suddivisi per classe.
49er FX: Giulia Conti (CC Aniene) – Francesca Clapcich (CS Aeronautica Militare);
49er: Giuseppe Angilella (CC Roggero di Lauria) – Pietro Zucchetti (GS Guardia di Finanza). Stefano Cherin (YC Porto San Rocco) – Andrea Tesei (YC Adriaco). Luca Dubbini (CV Marina Militare) – Roberto Dubbini (SC Garda Salò). Jacopo Plazzi – Umberto Molineris (FV Riva);
470 Femminile: Roberta Caputo e Giulia Paolillo (CC Aniene). Francesca Komatar – Sveva Carraro (CS Aeronautica Militare);
470 Maschile: Matteo Capurro e Matteo Ramian (YC Italiano). Simon Sivitz Kosuta e Jas Farneti (YC Cupa);
Laser Radial: Martha Faraguna (YC Adriaco), Joyce Floridia (FV Riva), Silvia Zennaro (Compagnia della Vela Venezia);
Laser Standard: Giovanni Coccoluto (GS Guardia di Finanza), Marco Gallo (GS Guardia di Finanza), Francesco Marrai (GS Guardia di Finanza), Alessio Spadoni (CC Aniene);
RS:X Femminile: Veronica Fanciulli (LNI Civitavecchia), Laura Linares (CV Marina Militare), Flavia Tartaglini (GS Guardia di Finanza);
RS:X Maschile: Marcantonio Baglione (Albaria ASD), Mattia Camboni (LNI Civitavecchia), Federico Esposito (GS Polizia di Stato);
Finn: Filippo Baldassari (GS Guardia di Finanza), Giorgio Poggi (GS Guardia di Finanza), Enrico Voltolini (GS Guardia di Finanza).

A Hyeres saranno in regata 565 equipaggi, con altri nuovi arrivi nel quadriennio. Questo il dettaglio:

Finn 76 iscritti con gli italiani Poggi, Voltolini, Baldassari e Vongher

Nacra 17 35 iscritti, con l’atteso esordio di Franck Cammas, vincitore dell’ultima Volvo Ocean Race, che ha scelto di regatare con Sophie De Turckheim. Per l’Italia Sorrentino-Penati, l’esordio di Francesca Salvà con Francesco Bianchi, Ravagnan-Zappacosta, Porro-Banti, Degli Uberti-Tocchio

Laser 119 iscritti, con il ritorno di Robert Scheidt alla World Cup. Per l’Italia regatano Marrai, Gallo, Coccoluto, Spadoni, Antognoli, Meloni, Marega, i due Benini, Tocchi, Strazzera e Benamati.

Laser Radial 60 iscritti. In regata l’oro di Weymouth, la cinese Xu. Per l’Italia in regata Floridia, Zennaro, Cosentino, Zorzi, Faraguna.

49erFX 21 iscritti. Per l’Italia Conti-Clapcich e Tezza-Bergamaschi.

49er 56 iscritti. Per l’Italia Angilella-Zucchetti, Plazzi-Molineris, Dubbini-Dubbini, Cherin-Tesei, Bondi-Gaspari, Savio-Savio.

470 M 64 iscritti. Per l’Italia Sivitz Kosuta-Farneti, Capurro-Ramian, Alcidi-Bertola, Falcetelli-Clementi, Bernard-Spina, Calabrò-Ferrari.

470 F 29 iscritti. Per l’Italia Komatar-Carraro, Caputo-Paolillo, Berta-Sinno.

RS:X M 57 iscritti. Per l’Italia Baglione, Esposito, Benedetti, Guzzone, Camboni, Pochiero.

RS:X F 48 iscritti. Per l’Italia le convocate Linares, Tartaglini, reduce dalla vittoria a Palma, e Fanciulli.

In regata anche le classi paraolimpiche 2.4 e Sonar, ma senza italiani al via.

http://swc.ffvoile.com

Palma di Maiorca, Spagna, 6 aprile- E’ di Flavia Tartaglini il risultato migliore degli italiani al Trofep Sofia Mapfre conclusosi oggi a Palma. La windsurfista delle Fiamme Gialle ha vinto etrambe le medal race a punteggio doppio e si è aggiudicata alla grande questa tappa della World Cup negli RS:X donne. Un successo importante, che vede la romana precedere l’inglese Briony Shaw, bronzo a Qingdao 2008, e la tedesca Delle.

“Due vittorie in Medal Race! Non ho parole”, ha commentato Tartaglini al termine delle regate, “Stamani sono entrata in acqua serena; ero in quarta posizione e non avevo niente da perdere quindi ho veramente dato il meglio di me. Certo se mi aveste chiesto stamani se pensavo di vincere l’oro, avrei detto di no. E’ stata una regata lunghissima, faticosa, ma sono stata costante nei miei risultati e alla fine, nonostante il nuovo sistema sia molto complesso, questo mi ha premiato”.

Flavia Tartaglini, vincitrice a Palma. Foto Renedo
Flavia Tartaglini, vincitrice a Palma. Foto Renedo

Bene anche Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri, che concludono al nono posto negli esordienti Nacra 17 dopo aver concluso con un 9-1 le due medal di oggi. La regata nei Nacra 17 è andata alla coppia olandese Mandy Mulder e Thijs Visser.

Vittorio Bissaro ha commentato: “Nella seconda prova siamo partiti mura a sinistra, regatando sempre sulla destra del campo di regata e  alla prima boa di bolina eravamo secondi. Durante la seconda bolina abbiamo attaccato e superato l’equipaggio britannico Macgregor-Phipps tagliando per primi la linea del traguardo.”

Silvia Sicouri ha aggiunto: “L’obiettivo che ci eravamo prefissati era di qualificarci per le Medal Race e questo l’abbiamo raggiunto. Vincere l’ultima prova è stato meraviglioso. Sicuramente gli allenamenti invernali alla Compagnia della Vela di Grosseto sono stati strumentali per raggiungere il nostro scopo.”

Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri sorridono soddisfatti dopo la vittoria nella medal race conclusiva. Foto Renedo
Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri sorridono soddisfatti dopo la vittoria nella medal race conclusiva. Foto Renedo

Il terzo equipaggio italiano imegnato nelle medal race era quello di Giulia Conti e Francesca Clapcich nei 49er FX. Le due veliste non hanno sfruttato al meglio le finali stadium race tra le migliori otto e, dopo un 6-6-7-8, concludono all’ottavo posto. La vittoria è andata alle danesi Baad Nielsen-Thursgaard Olsen.

Nei Finn vittoria dell’inglese Giles Scott (3-3 nelle due medal) sull’olandese Hans Pieter Potsma (2-5) e sullo sloveno Vasilij Zbogar (5-2), punta della Dinghy Academy valenciana di Luca Devoti.

Nei 470 vittoria nettissima degli australiani Belcher-Ryan. Nei 470 donne si impongono le brasiliane Oliveira-Barbachan. Nei 49er vittoria per i tedeschi Heil-Ploessel. Tutto downunder il podio nei Laser con il neozelandese Andy Maloney che precede l’aussie Tom Burton e l’altro kiwi Sam Meech. Tra i Radial vince l’inglese Alison Young. Negli RS:X successo dello spagnolo Ivan Pastor.

Come dire, si ricomincia da dove eravamo rimasti, con inglesi e australiani già molto avanti e diverse nazioni che hanno iniziato a pieno ritmo la preparazione verso Rio. Per i nostri dovrà esserci molto lavoro e dalla prossima trasferta ISAF World Cup a Hyeres ci saranno le prime convocazioni del nuovo DT Michele Marchesini.

http://www.trofeoprincesasofia.org

Il video della prima giornata con vento forte:

Palma di Maiorca, Spagna- Dopo la fase di qualificazione iniziano le finali la 44° Trofeo SAR Princesa Sofia Mapfre a El Arenal. Secondo il nuovo formato allo studio, la prima prova (scartabile) è data dal piazzamento nelle prove di qualificazione, a cui si aggiungono i risultati parziali delle finali (oggi e domani) prima delle due medal race conclusive a punteggio doppio e non scartabili riservate ai primi dieci. Oggi si è regatato con vento a 8-10 nodi da ovest.

L'inglese Giles Scott, in testa nei Finn. Foto Renedo
L’inglese Giles Scott, in testa nei Finn. Foto Renedo

470 M
Gli australiani Belcher-Ryan continuano a dominare la classifica dopo le tre prove di finale e sono a o punti (la vittoria nel nuovo formato vale 0 punti invece del classico 1). Secondi i britannici Patience-Glanfield a 8 pt e terzi i greci Panagiotis-Kagialis a pari punti.
Migliore tra gli azzurri al 22° posto Matteo Capurro – Matteo Puppo (YC Italiano). Seguono al 42° posto Francesco Rebaudi (YC Italiano) – Matteo Ramian (YC Sanremo); 44. Francesco Falcetelli – Enrico Clementi (CC Aniene); 45. Simone Spina – Matteo Bernard (CC Aniene); 50. Niccolo Bertola (CV Mestre) – Danilo Alcidi (CS Aeronautica Militare) ; 53. Emanuele Savoini – Enzio Savoini (LNI Genova) e 53. Tommaso Tudisco – Giacomo Provinciali (YC Cala de Medici).

470 F
Classifica invariata al vertice del 470 femminile dopo tre prove di finale. Si confermano al comando le inglesi Weguelin-McIntire, seconde le brasiliane Oliveira-Barbachan e terze le croate Nincevic-Zupan.
Migliori tra le azzurre Roberta Caputo – Giulia Paolillo (CC Aniene) al 18 posto autrici oggi di un terzo. Francesca Komatar – Sveva Carraro (CS Aeronautica Militare) sono al 22° posto e Elena Berta – Alice Sinno (CC Aniene) sono al 32° posto.

49er
Anche nel 49er disputate tre prove di finale. Conducono la classifica provvisoria i tedeschi Heil-Ploessel, secondi i britannici Evans-Powys e al terzo posto i danesi Norregaard-Thomsen.
Migliori tra gli azzurri l’equipaggio formato da Giuseppe Angilella (CC Roggero di Lauria) – Pietro Zucchetti (GS Guardia di Finanza) che passa dal 15° al 9° posto. Jacopo Plazzi – Umberto Molineris (FV Riva) sono all’11° posto. Seguono 22. Luca Dubbini (CV Marina Militare) – Roberto Dubbini (SC Garda Salò); 35. Stefano Cherin (YC Porto San Rocco) – Andrea Tesei (YC Adriaco); 51. Federico Gaspari – David Bondì (CC Aniene) e 55. Andrea Savio (Triestina della Vela) – Alessandro Savio (CV Marina Militare).

49er FX
Complice l’ottavo nella prima prova del giorno (scartato), le azzurre Giulia Conti (CC Aniene) – Francesca Clapcich (CS Aeronautica Militare) perdono una posizione e sono al 4° posto in classifica provvisoria a 11 punti. A pari punti anche le brasiliane Grael-Kunze, seconde, e le britanniche Dobson-Ainsworth, terze. Sempre prime le danesi Nielsen-Olsen a 0 punti.
Lavinia Tezza – Paola Bergamaschi (SC Garda Salò) sono al 25° posto.

Finn
Giles Scott, l’erede designato di Ben Ainslie nel Finn inglese, resta saldamente al comando dopo le prime tre prove di finale, tutte vinte, secondo ora è Postma (NED) e terzo Mills (GBR).
Migliore tra gli azzurri è ora Michele Paoletti (YC Torri) al 13° posto. Giornata no per Giorgio Poggi (GS Guardia di Finanza) che passa dal 7° al 17° posto. Enrico Voltolini (GS Guardia di Finanza) è al 30° posto.

Laser Standard
Cambio al vertice della classifica provvisoria. Ora primo il croato Stipanovic, secondo Burton (AUS) e terzo il tedesco Buhl.
Gli italiani: 20. Francesco Marrai (GS Guardia di Finanza); 22. Alessio Spadoni (CC Aniene); 23. Marco Gallo (GS Guardia di Finanza); 39. Giovanni Coccoluto (GS Guardia di Finanza); 55. Giovanni Meloni (YC Cagliari); 56. Enrico Strazzera (YC Cagliari).

Laser Radial
Dopo le prime tre prove di finale passa al comando la danese Gunni, seconda la britannica Young e terza Drozdovskaya (BLR).
Silvia Zennaro (Compagnia della Vela Venezia) migliore tra le azzurre è al 13° posto,. Seguono 33. Joyce Floridia (FV Riva); 35. Laura Cosentino (Compagnia della Vela Venezia); 46. Claretta Tempesti (CN Livorno); 55. Maelle Frascari (Planet Sail Bracciano); 60. Bianca Caruso (Planet Sail Bracciano).

Nacra 17
Nella classe Nacra 17 dopo le tre prove di finale guidano sempre gli olandesi Mulder-Visser, secondi i connazionali Groenenveld-Bergemann, terzi i francesi Vaireaux-Audinet.
Migliori tra gli equipaggi azzurri Vittorio Bissaro (FV Malcesine) – Silvia Sicouri (Compagnia della Vela Grosseto) al 9° posto. Seguono al 10° in gran recupero Vincenzo Sorrentino (CC Napoli) – Laura Pennati (CN Rimini); 18. Francesco Porro – Caterina Marianna Banti (CC Aniene); 34. Ferdinando Trambaiolo – Carlotta Gianni (CC Aniene).

RS:X M
Nuovo cambio al vertice con primo lo spagnolo Lafuente, secondo il francese Bontemps, terzo il tedesco Wihelm.
Migliore degli azzurri Mattia Camboni (LNI Civitavecchia) al 17° posto seguito immediatamente da Federico Esposito (GS Polizia di Stato). Poi 26. Daniele Benedetti (LNI Civitavecchia); 30. Manolo Pochiero (LNI Civitavecchia).

RS:X F
Flavia Tartaglini (GS Guardia di Finanza) retrocede al 4° posto ed è a 11 punti. Terza la spagnola Manchon, a pari punti. Prima ora la britannica Shaw a 3 pt e seconda l’israeliana Davidovich a 8.
Veronica Fanciulli (LNI Civitavecchia) è 16°.

http://www.trofeoprincesasofia.org

 

Palma di Maiorca, Spagna, 2 aprile- Secondo giorno di regate alla 44esima edizione del Trofeo SAR Princesa Sofia Mapfre. Si è regatato con vento tra i 14 e i 20 nodi. Da segnalare una vittoria di giornata per Silvia Zennaro nella classe Laser Radial. Flavia Tartaglini (Guardia di Finanza) dopo quattro prove si conferma al secondo posto in classifica provvisoria negli RS:X donne.

I Nacra 17 danno spettacolo a Palma
I Nacra 17 danno spettacolo a Palma. Foto Martinez

470 M
Dopo quattro prove e uno scarto guidano la classifica gli austriaci Schmid- Reichstaedter, secondi gli australiani Belcher-Ryan e terzi i greci Mantis-Kagialis.

Migliore tra gli azzurri oggi al 24° posto Matteo Capurro – Matteo Puppo (YC Italiano) autori di un ottimo terzo nella terza prova. Seguono al 41° posto Francesco Falcetelli – Enrico Clementi (CC Aniene) . Poi 45. Francesco Rebaudi (YC Italiano) – Matteo Ramian (YC Sanremo); 48. Niccolo Bertola (CV Mestre) – Danilo Alcidi (CS Aeronautica Militare) ; 49. Simone Spina – Matteo Bernard (CC Aniene); 52. Tommaso Tudisco – Giacomo Provinciali (YC Cala de Medici); 58. Emanuele Savoini – Enzio Savoini (LNI Genova).

470 F
Nel 470 femminile dopo quattro prove e uno scarto sempre al comando le britanniche Weguelin-McIntire; seconde le croate Nincevic-Zupan e terze le brasiliane Oliveira-Barbachan. Migliori tra le azzurre Francesca Komatar – Sveva Carraro (CS Aeronautica Militare) al 19° posto. Seguono Roberta Caputo – Giulia Paolillo (CC Aniene) al 23° e Elena Berta – Alice Sinno (CC Aniene) al 28°.

49er
Nel 49er disputate oggi quattro prove. Conducono la classifica provvisoria i francesi D’Ortoli-Delpech, secondi Paz Blanco-Paz Blanco (ESP) e terzi i britannici Morrison-Rhodes.

Migliori tra gli azzurri all’11° posto Jacopo Plazzi – Umberto Molineris (FV Riva) con gli ottimi parziali (6-5-(15)-5). Al 18° posto l’equipaggio formato da Giuseppe Angilella (CC Roggero di Lauria) – Pietro Zucchetti (GS Guardia di Finanza). Seguono 26. Luca Dubbini (CV Marina Militare) – Roberto Dubbini (SC Garda Salò); 38. Andrea Savio (Triestina della Vela) – Alessandro Savio (CV Marina Militare); 40. Stefano Cherin (YC Porto San Rocco) – Andrea Tesei (YC Adriaco); 55. Federico Gaspari – David Bondì (CC Aniene);

49er FX
La classe 49er FX, oggi al debutto, ha disputato quattro prove. Prime le danesi Nielsen-Olsen con tre primi e un terzo posto, scartato. Seconde Maloney-Meech (NZL) e terze Hasen-Iversen (DEN).
Le azzurre Giulia Conti (CC Aniene) – Francesca Clapcich (CS Aeronautica Militare) sono al 10° posto in classifica provvisoria con i parziali (5-(20)-16-4).Lavinia Tezza – Paola Bergamaschi (SC Garda Salò) sono al 24° posto.

Finn
Dopo quattro prove e uno scarto continua a guidare la classifica il francese Lobert seguito dall’inglese Scott (GBR) e al terzo posto dllo sloveno Zbogar. Ottima prova, con due noni, di Giorgio Poggi (Guardia di Finanza) che guadagna posizioni passando dall’11° all’8° posto. Seguono Michele Paoletti (YC Torri) al 16° e Enrico Voltolini (GS Guardia di Finanza) al 27° posto.

Laser Standard
Sempre primo dopo quattro prove e uno scarto il tedesco Buhl. Secondo Burton (AUS) e al terzo posto il connazionale Wearn.
Molti gli azzurri in regata nella classe standard. Tra i migliori: 26. Francesco Marrai (GS Guardia di Finanza); 28. Alessio Spadoni (CC Aniene); 37. Enrico Strazzera (YC Cagliari); 38. Marco Gallo (GS Guardia di Finanza); 54. Giovanni Meloni (YC Cagliari); 62. Giovanni Coccoluto (GS Guardia di Finanza).

Laser Radial
Dopo quattro prove e uno scarto Silvia Zennaro (Compagnia della Vela Venezia) balza al 4° posto dall’11° grazie alla vittoria della terza prova. Prima la britannica Young, seconda la danese Rindom e terza la francese Riou.
Seguono 28. Joyce Floridia (FV Riva); 35. Laura Cosentino (Compagnia della Vela Venezia); 48. Claretta Tempesti (CN Livorno); 54. Maelle Frascari (Planet Sail Bracciano); 61. Bianca Caruso (Planet Sail Bracciano).

Nacra 17
Nella classe Nacra 17 disputate tre prove oggi. Guidano gli olandesi Mulder-Visser, secondi gli austriaci Zajac-Frank e terzi Groenenveld-Begemann (NED).
Migliori tra gli equipaggi azzurri sono Vittorio Bissaro (FV Malcesine) – Silvia Sicouri (Compagnia della Vela Grosseto) all’11° posto con 22-4-14. Seguono al 21° Francesco Porro – Caterina Marianna Banti (CC Aniene); 29. Vincenzo Sorrentino (CC Napoli) – Laura Pennati (CN Rimini); 33. Ferdinando Trambaiolo – Carlotta Gianni (CC Aniene).

RS:X M
Il tedesco Wihelm continua a dominare la classifica provvisoria dopo quattro prove e uno scarto. Passa in seconda posizione lo spagnolo Lafuente e terzo ora il francese Bontemps.
Federico Esposito (GS Polizia di Stato), migliore tra gli azzurri, è al 12° posto. Seguono 15. Mattia Camboni (LNI Civitavecchia); 22. Daniele Benedetti (LNI Civitavecchia); 29. Manolo Pochiero (LNI Civitavecchia).

RS:X F
Flavia Tartaglini (GS Guardia di Finanza) dopo quattro prove e uno scarto si conferma al 2° posto in classifica provvisoria con i parziali (1-2-4-4). Sempre prima l’israeliana Davidovich e terza ora la britannica Shaw. Veronica Fanciulli (LNI Civitavecchia) è 14°.

http://www.trofeoprincesasofia.org

Palma di Maiorca, Spagna, 1 aprile- Prima giornata con il botto a Palma per il Trofeo Sofia Mapfre, prima tappa della ISAF World Cup. Vento di 20-25 nodi e mare formato. La migliore degli italiani è Flavia Tartaglini nell’ RS:XF al 2° posto in classifica. Niente regate per i 49erFX, Nacra 17, 2.4Mr e la flotta blu dei 49er.

470 M
Dopo due prove guidano la classifica a pari punti gli australiani Belcher-Ryan e gli austriaci Schmid- Reichstaedter. Terzi i britannici Patience-Glanfield.

Migliore tra gli azzurri al 36° posto Francesco Rebaudi (YC Italiano) – Matteo Ramian (YC Sanremo). Seguono Matteo Capurro – Matteo Puppo (YC Italiano) al 37°, Francesco Falcetelli – Enrico Clementi (CC Aniene) al 40°, Niccolo Bertola (CV Mestre) – Danilo Alcidi (CS Aeronautica Militare) al 47°, Tommaso Tudisco – Giacomo Provinciali (YC Cala de Medici) al 55°, Emanuele Savoini – Enzio Savoini (LNI Genova) al 55° e Simone Spina – Matteo Bernard (CC Aniene) al 64° posto.

Splendida immagine per Falcetelli-Clementi a Palma. Foto
Splendida immagine per Falcetelli-Clementi a Palma. Foto Touw

470 F
Disputate due prove anche nel 470 femminile. Guidano la classifica provvisoria le britanniche Weguelin-McIntire; seconde le polacche Skrzypulec-Wojcik e terze le croate Nincevic-Zupan. Migliori tra le azzurre Francesca Komatar – Sveva Carraro (CS Aeronautica Militare) al 18° posto. Seguono Elena Berta – Alice Sinno (CC Aniene) al 26° e Roberta Caputo – Giulia Paolillo (CC Aniene) al 28°.

49er e 49er FX
Come detto i 49er FX non sono scesi in acqua per le condizioni meteo avverse e anche la flotta blu dei 49er non ho disputato alcuna prova.

Questi gli equipaggi azzurri iscritti.
49er: Andrea Savio (Triestina della Vela) – Alessandro Savio (CV Marina Militare); Jacopo Plazzi – Umberto Molineris (FV Riva); Luca Dubbini (CV Marina Militare) – Roberto Dubbini (SC Garda Salò); Giuseppe Angilella (CC Roggero di Lauria) – Pietro Zucchetti (GS Guardia di Finanza); Federico Gaspari – David Bondì (CC Aniene); Stefano Cherin (YC Porto San Rocco) – Andrea Tesei (YC Adriaco).

49er FX: Giulia Conti (CC Aniene) – Francesca Clapcich (CS Aeronautica Militare); Lavinia Tezza – Paola Bergamaschi (SC Garda Salò).

Finn
Dopo due prove guida la classifica il francese Jonathan Lobert, bronzo a Weymouth, seguito da Giles Scott (GBR) e al terzo posto da Jan Pieter Postma (NED). Migliore tra gli azzurri Giorgio Poggi (GS Guardia di Finanza) all’11° posto con 17-8, seguito da Michele Paoletti (YC Torri) al 13° con 13-10 e da Enrico Voltolini (GS Guardia di Finanza) al 41° posto con 33-36.

Laser Standard
Primo dopo due prove il tedesco Buhl. A pari punti Burton (AUS) e al terzo posto Bernaz (FRA)
Molti gli azzurri in regata nella classe standard: 23. Enrico Strazzera (YC Cagliari, 26-9); 29. Alessio Spadoni (CC Aniene, 19-12); 37. Francesco Marrai (GS Guardia di Finanza, 14-28); 49. Marco Gallo (GS Guardia di Finanza, dnc-20); 54. Giovanni Meloni (YC Cagliari, 29-22); 63. Giovanni Coccoluto (GS Guardia di Finanza, 32-26).

Laser Radial
Dopo due prove prima la danese Rindom, a pari punti la britannica Young e terza la danese Gunni.
Così le azzurre: molto bene Silvia Zennaro (Compagnia della Vela Venezia) all’11° posto con 12-5. Seguono 36. Joyce Floridia (FV Riva); 40. Laura Cosentino (Compagnia della Vela Venezia); 48. Maelle Frascari (Planet Sail Bracciano); 52. Claretta Tempesti (CN Livorno); 54. Bianca Caruso (Planet Sail Bracciano).

Nacra 17
Come scritto precedentemente i Nacra 17 non hanno disputato prove.
Questi gli equipaggi azzurri in regata: Vittorio Bissaro (FV Malcesine) – Silvia Sicouri (Compagnia della Vela Grosseto); Vincenzo Sorrentino (CC Napoli) – Laura Pennati (CN Rimini); Francesco Porro – Caterina Marianna Banti (CC Aniene); Ferdinando Trambaiolo – Carlotta Gianni (CC Aniene); Elia Mazzucchi (Aval CV Alto Lario) – Giorgia Catarci (Ali6 Club).

RS:X M
Dopo due prove conduce il tedesco Wihelm, secondo il francese Bontemps e terzo il brasiliano Santos.
Così gli azzurri: 11. Federico Esposito (GS Polizia di Stato); 16. Daniele Benedetti (LNI Civitavecchia); 25. Mattia Camboni (LNI Civitavecchia); 28. Manolo Pochiero (LNI Civitavecchia).

RS:X F
Ottima prova di Flavia Tartaglini (GS Guardia di Finanza) al 2° posto in classifica provvisoria con i parziali (1-2). Conduce l’israeliana Davidovich. Terza De Geus (NED). Veronica Fanciulli (LNI Civitavecchia) è 14°.

Le novità
La prima è che la serie di qualificazione viene conteggiata come una delle regate della fase di finale. La seconda è la disputa di due Medal Race, entrambe a punteggio doppio, non scartabile e riservata ai dieci migliori atleti di classe. La doppia Medal Race vale per tutte le classi con l’eccezione di 49er e 49er FX che disputeranno quattro prove formato Stadium riservate ai migliori 8 equipaggi e a punteggio singolo, non scartabile.

Tali risultati d’ora in avanti si chiameranno Final Day e si aggiungeranno ai risultati della serie Finale che già includono la serie di qualifica come una regata, e determineranno la classifica finale ed il podio.

Per i monotipi entrambe la serie di qualificazione e quella finale consisteranno in sei prove della durata di 50 minuti (nella serie finale una delle sei prove menzionate è quella derivante dalla serie di qualificazione) mentre i 49er, 49er FX e Nacra disputeranno regate da 30 minuti ciascuna: nove nella serie di qualificazione e in quella finale sei (più quella derivante dalla qualificazione).

Un altro grande cambiamento concerne il sistema di punteggio. Ogni vittoria vale 0 (zero) punti anziché 1 punto. Al secondo classificato vengono assegnati 2 punti, al terzo 3 punti e così via. Tale regola rende la vittoria della singola prova ancora più importante. Non è tuttavia ancora certo che tale sistema di punteggio verrà applicato anche alle Olimpiadi di Rio.

ISAF valuterà il formato di regata al Trofeo Princesa Sofia Mapfre e grazie al feedback dei velisti apporterà le modifiche necessarie prima della tappa di Hyères in Francia.

Domani previsti 15 nodi da nord ovest.

La manifestazione riservata alle classi olimpiche è prima europea tappa dell’ ISAF Sailing World Cup.

www.trofeoprincesasofia-mapfre.org

www.federvela.it

Palma di Maiorca, Spagna- Il circuito della vela olimpica celebra tra pochi giorni il primo grande appuntamento del nuovo quadriennio verso Rio 2016, il Trofeo Princesa Sofia Mapfre di Palma, prima tappa europea dell’ISAF World Cup e vero banco di prova per chi sogna la partecipazione alla prossima Olimpiade. Ci sarà molto da sudare, sia per chi ci riuscirà sia per chi non ce la farà, come sempre nelle classi olimpiche. In molti paesi la preparazione è già iniziata a ritmi intensi e con programmi ben definiti. Per la vela azzurra, invece, il Sofia sarà il primo test che gli italiani affronteranno a titolo individuale in attesa di ricevere le prime convocazioni che il nuovo DT della Federvela Michele Marchesini farà per la tappa successiva di Hyeres. Vedremo chi si distinguerà nelle regate di El Arenal e della Baia di Palma, con una concorrenza di altissimo livello in tutte le classi. Le regate iniziano il primo aprile e si concluderanno il 6.

49er a Palma. Foto Martinez
49er a Palma. Foto Martinez

Alla 44esima edizione del Trofeo Sofia Mapfre sono iscritti ben 850 atleti da 53 nazioni, un numero altissimo che testimonia come la febbre olimpica sia già scattata in tutto il mondo velico. Grande attesa anche per le nuove classi Nacra 17 (cat misto) e 49er FX (skiff femminile), che a Palma disputeranno la prima vera grande regata.L’evento sperimenterà anche i nuovi formati e punteggi in studio dall’ISAF in vista di Rio 2016.

Vediamo, quindi, la situazione nelle varie classi, con il dettaglio degli italiani iscritti alla regatano di Maiorca, al solito perfettamente organizzata (quest’anno dai circoli Club Nàutic S’Arenal e Club Marítimo San Antonio de la Playa).

Finn (72 iscritti)

Il dopo Ben Ainslie nella più muscolare delle classi olimpiche inizia con lo squadrone inglese che fa capo ora a Giles Scott (membro di Luna Rossa in Coppa America) e Andrew Mills. Il bronzo di Weymouth, il francese Jonathan Lobert, è tra i favoriti insieme all’alfiere della Dinghy Academy valenciana di Luca Devoti, lo sloveno Vasilij Zbogar, due volte medaglia olimpica nei Laser. L’olandese Potsma, quarto a Weymouth, e il russo Skornyakov sono tra gli altri favoriti. da segnalare la presenza del brasiliano Bruno Prada e dello svedese Max Salminen, rispettivamente prodieri del bronzo Scheidt e dell’oro Loof in Star a Weymouth.

La vela italiana presenta a Palma le Fiamme Gialle Giorgio Poggi ed Enrico Voltolini, a cui si aggiunge il gradito ritorno di Michele Paoletti del Fantastica Sailing Team, alle prese con una prima verifica per una prossima campagna olimpica.

Laser (117 iscritti)

Assente Robert Scheidt, tornato al laser dopo cinque medaglie tra Laser stesso e Star, in attesa di sapere se la Star sarà recuperata o meno come undicesima medaglia a Rio. I favoriti sembrano il croato Tonci Stipanovic, l’inglese Nick Thompson.

Nutrita la squadra italiana con i giovani Francesco Marrai e Giovanni Coccoluto a far da contraltare all’altra Fiamma Gialla Marco Gallo. Da seguire anche Alessio Spadoni, Marco e Mario Benini, Enrico Strazzera e Luca Antognoli.

Laser Radial (66 iscritti)

Assente il podio di Weymouth, la favorita pare la bielorussa Tatiana Drozdovskaya

Le italiane sono Laura Cosentino, Silvia Zennaro, Joyce Floridia, Maelle Frascari, Bianca Caruso e Claretta Tempesti.

Nacra 17 (34 iscritti)

Molta curiosità per il nuovo cat olimpico misto. Iker Martinez, oro e argento in 49er nonché skipper di Telefonica all’ultima Volvo Ocean Race, esordirà a sorpresa con Tara Pacheco. In regata ovviamente il tedesco Roland Gaebler con la moglie Nahid. Curiose le varie combinazioni uomo/donna o donna/uomo tra timone e prua, con inserimenti di atleti provenienti da molte altre classi, dal Laser al windsurf olimpico.

L’Italia presenta quattro equipaggi: Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri (Compagnia della Vela Grosseto), Vincenzo Sorrentino e Lara Penati, Francesco Porro e Caterina Marianna Banti, Ferdinando Trambaiolo e Carlotta Gianni, tutti del gruppo della Compagnia della Vela Roma coordinato da Matteo Nicolucci.

Iker Martinez con Tara Pacheco. Foto Renedo
Iker Martinez con Tara Pacheco. Foto Renedo

49er FX (35 iscritte)

Lo skiff doppio femminile vede come favorite le brasiliane Grael Soffiati-Kunze. Curioso il passaggio della spagnola Tamara Echegoyen dall’oro in match race allo skiff, in coppia con Berta Betanzos.

L’Italia presenta Giulia Conti e Francesca Clapcich, che avevano già esordito bene a Miami, e le giovani Lavinia Tezza e Paola Bergamaschi.
Giulia Conti, alla vigilia della manifestazione ha dichiarato al sito della Federvela: “A Miami c’erano solo otto equipaggi, Vedremo cosa accade a Palma con 40 imbarcazioni sulla linea di partenza. Le giornate sono molto lunghe in quanto dobbiamo prima di tutto lavorare sulla barca, poi andare in mare ad allenarci per poi tornare a terra e continuare a lavorare sull’imbarcazione”.

49er (76 iscritti)

Bene gli spagnoli Carlos e Anton Paz e i brasiliani Fonseca-Andrade e Marco Grael (figio di Torben)-Portilho. Da seguire gli squadroni danesi e inglesi.

L’Italia si presenta con ben sei equipaggi: Giuseppe Angilella, tornato dopo la buona prova di Weymouth con Gianfranco Sibello (candidato al ruolo di coach FIV per l’FX), in coppia con Pietro Zucchetti. Ci sono poi i Dubbini, Plazzi-Molineris, i Savio, Cherin-Tesi e Gaspari-Bondì.

470M (68 iscritti)

Favoriti gli argentini Calabrese-De la Fuente, bronzo a Weymouth, e gli inglesi Patience-Glanfield.

L’Italia si presenta, assenti Gabrio Zandonà ancora indeciso tra 470 o Nacra 17 e Sivitz Kosuta-Farneti, con sette equipaggi: Bertola-Alcidi, Falcetelli-Clementi, Rebaudi-Ramian, Savoini-Savoini, Capurro-Puppo, Spina-Bernard, Tudisco-Provinciali.

470 F (43 iscritte)

Favori per le brasiliane Oliveira-Barbachan. Tre le italiane presenti: Komatar-Carraro, Caputo-Paolillo e Berta-Sinno.

RS:X M (35 iscritti)

Favoriti il brasiliano Santos, il francese Bontemps, lo spagnolo Pastor. Gli italiani iscritti sono Federico Esposito, Mattia Camboni, Daniele Benedetti e Manolo Pochiero.

RS:X F (27 iscritti)

Favori per la spagnola Blanca Manchon e l’inglese Shaw. Per l’Italia regatano Flava Tartaglini e Veronica Fanciulli.

http://www.trofeoprincesasofia-mapfre.org

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here