SHARE

Roma- Molti lettori armatori ci hanno scritto per sapere se era cambiato qualcosa nella tassa di possesso per il 2013-2014. La risposta è che la tassa è  in vigore e che c’è tempo fino al 31 maggio per pagarla. A fare un punto dell’imposta arriva il contributo di Cini e Webster con questo importante promemoria, utile iniziativa nei riguardi dei loro clienti e dei nostri lettori che possiedono una barca.

Tassa-di-stazionamento-sulle-barche

Tassa annuale sulle imbarcazioni
Ricordiamo a tutti gli armatori che il 31 maggio prossimo scade il pagamento della tassa valida dal 1 maggio 2013 al 30 aprile 2014.

soggetti all’obbligo  : cliccare qui; ricordiamo che la tassa non è dovuta per il primo anno dalla prima immatricolazione ed è invece dovuta dai cittadini italiani la cui imbarcazione batte bandiera estera

importi :  cliccare qui

Lunghezza scafoTassa annuale
da 10,01 a 12 metri800 euro
da 12,01 a 14 metri1.160 euro
da 14,01 a 17 metri1.740 euro
da 17,01 a 20 metri2.600 euro
da 20,01 a 24 metri4.400 euro
da 24,01 a 34 metri7.800 euro
da 34,01 a 44 metri12.500 euro
da 44,01 a 54 metri16.000 euro
da 54,01 a 64 metri21.500 euro
superiore a 64 metri25.000 euro

riduzione barche a vela : 50%

riduzione per vetustà

  • 15% dopo 5 anni dalla data di costruzione dell’unità da diporto
  • 30% dopo 10 anni dalla data di costruzione
  • 45% dopo 15 anni
  • Tali periodi decorrono dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello di costruzione.

metodi di  pagamento:

  • modello “F24 con elementi identificativi” -codice tributo 3370 (risoluzione n.39 – pdf)
  • Nell’impossibilità di uso del modello F24 : bonifico in “EURO” a favore del Bilancio dello Stato al Capo 8 – Capitolo1222, indicando:
  1. codice BIC: BITAITRRENT;
  2. causale del bonifico: generalità del soggetto tenuto al versamento della tassa annuale, identificativo (sigla di iscrizione) dell’unità da diporto, codice tributo e periodo di riferimento (così come indicati nella risoluzione di cui al punto 1.2);
  3. IBAN – IT15Y0100003245348008122200, pubblicato sul sito internet della Ragioneria Generale dello Stato – Ministero dell’Economia e delle finanze www.rgs.mef.gov.it.

Controlli fiscali imbarcazioni in navigazione
Abbiamo ricevuto e vorremmo condividere con voi diretti interessati alcune informazioni riguardo i controlli fiscali delle imbarcazioni in navigazione.
Sono state apportate alcune misure che regolamentano e razionalizzano i controlli sulle unità da diporto durante la stagione estiva.
Con le nuove disposizioni, è previsto per il diportista risultato in regola al primo controllo, il rilascio di un attestato di verifica costituito da un bollino adesivo da applicare in maniera ben visibile sull’imbarcazione e di colore diverso per ciascun mese della stagione estiva.
La definizione delle direttive di controllo sarà , introdotto dal Codice della Nautica 2012 e ora regolamentato con una normativa che consente di accedere a un sistema fiscale forfettario.gestita a livello provinciale ed è prevista l’emanazione di un dpr che regolamenterà l’istituzione e la gestione di un Sistema Telematico Centrale della Nautica, un sistema molto simile al registro automobilistico.
Novità in vista anche per il noleggio occasionale.

www.ciniwebster.it

Maggiori dettagli in questo PDF con la circolare UCINA:

circolare ucina

4 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here