SHARE

Anzio- Onda di quasi tre metri e vento che sotto raffica sfiora i 28 nodi hanno costretto oggi il comitato di regata del Campionato Nazionale J24, in programma ad Anzio fino a domenica 26 maggio, a issare intelligenza su pennello numerico 4 e a differire le regate di quattro ore rispetto all’orario di partenza, previsto inizialmente alle ore 12.

In compenso ieri le condizioni meteomarine, impegnative con onda formata e vento fino ai 23 nodi da NW, hanno regalato due prove divertenti e molto combattute. Come era nei pronostici, la prima regata è stata vinta da La Superba (Marina Militare) timonata da Ignazio Bonanno, seguita da Djike (Fiamme Azzurre), il J24 della Polizia Penitenziaria timonato da Fabio Delicati e Jamaica dello skipper Pietro Diamanti.

La partenza della prima prova del Campionato Nazionale J24. A vincerla è stato l'equipaggio di La Superba di Ignazio Bonanno
La partenza della prima prova del Campionato Nazionale J24. A vincerla è stato l’equipaggio di La Superba di Ignazio Bonanno. Credits: Giancarlo Capobianco

Giusto il tempo di risistemare la linea di partenza e il comitato ha iniziato le procedure di partenza per la seconda prova. Dopo due partenze annullate, alla terza i J24 hanno preso il largo dirigendosi verso la boa di bolina ed è stata subito lotta, virata su virata, fra gli equipaggi più competitivi. Alla fine, a imporsi è stato Luigi Ravioli su Stoccafisso che, grazie ai due parziali (4,1) e complice la penalizzazione di La Superba per aver toccato la boa, guida al momento la classifica generale. Secondo a tagliare la linea di arrivo è stato l’americano Keith Whittemore su Furio seguito da Bonanno, che è stato poi penalizzato.

Di seguito la classifica generale per le prime sei posizioni dopo la prima giornata di regata:

1. Stoccafisso, Luigi Ravioli (4,1)
2. Furio, Keith Whittemore (5,2)
3. Djike, Fabio delicato (2,5)
4. La Superba, Ignazio Bonanno (1,3 – dopo penalizzazione 8)
5. Jamaica, Pietro Diamanti (3,7)
6. Botta a dritta, Mariolino di Fraia (5,5)

www.j24.it
www.anziomarevela.it

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here