SHARE

Si chiama “Domare” il nuovo progetto di Teorema Group, Gold Competency Partner della Microsoft, pensato per migliorare la qualità della vita in barca, semplificandone la gestione e il controllo.

Il progetto intende applicare la domotica all’ambiente della barca con l’obiettivo di realizzare un sistema avanzato in grado di integrare a bordo la gestione dei diversi apparati di media e wellness e agevolare le attività di Work&Office attraverso un’unica interfaccia user friendly. Domare è realizzato in collaborazione con Monte Carlo Yachts SpA, Area Science Park, Università degli Studi di Trieste e VDA Elettronica SpA e si rivolge ad amatori, produttori di imbarcazioni, cantieri nautici, grandi acquirenti di noleggio imbarcazioni e imprese di componentistica, oltre ad enti di ricerca e università interessati a fornire supporto con le proprie competenze distintive.

120257_Velavelaaerea3ridotta

 

Domare è stato pensato per imbarcazioni di lusso di medio-grandi dimensioni e ha lo scopo di migliorare la fruibilità del natante anche da personale non esperto, in ogni punto dell’imbarcazione con il proprio tablet, attraverso un sistema che ne permette il controllo con un semplice touch. Il progetto, evoluzione di Barcotica, centrato invece sul tema di migliorare la conduzione della barca, prevede l’installazione di Domare sugli yacht di nuova generazione, sui quali sarà possibile gestire, oltre alle operazioni legate alla navigazione, anche la climatizzazione degli ambienti, la regolazione dell’illuminazione interna attraverso la dimmerazione delle luci e la regolazione delle veneziane a scomparsa, gli strumenti per il lavoro a distanza, la musica e tutti gli ulteriori dispositivi pensati per l’intrattenimento.

“Domare si basa sul presupposto che la tecnologia, data la sua crescente pervasività, possa essere un supporto importante per l’esperienza quotidiana delle persone – sostiene Michele Balbi, Presidente di Teorema Group – e nasce dalle esigenze riscontrate sia dagli utenti sia dagli stessi costruttori. Le fasi di progetto e costruzione saranno più semplici, grazie alla possibilità di centralizzare e uniformare l’installazione dei diversi strumenti a bordo, che prima non erano interoperabili. Domare, inoltre, è completamente web-based, quindi compatibile con qualsiasi tecnologia e assolutamente flessibile e versatile. Possiamo definirlo l’anima della barca.”

Il progetto, finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia, è stato avviato a maggio 2011, si concluderà nel febbraio 2014 e prevede la prossima integrazione a bordo anche dei servizi di telemedicina/telesoccorso, per garantire confort e benessere a 360 gradi.

www.teorema.net

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here