SHARE

Formia- L’Europeo 470 di Formia disputa la sua terza giornata con sole e brezza termica tra 8 e 14 nodi. Sono state disputate due prove per ciascuna flotta maschile (Gold e Silver) e due per la flotta femminile. Tra gli uomini mantiene il comando l’equipaggio australiano Matthew Belcher e Will Ryan, anche se con due piazzamenti di controllo (7-5). Al secondo posto staccato di 5 punti gli inglesi Luke Patience e Jonathan Glanfield (11-4). Al terzo ancora i greci Mantis-Kagialis (campioni europei 2010) che precedono di un solo punto i croati Fantela-Marencic (campioni europei in carica). In questa fase la classifica riparte dal punteggio pari al piazzamento al termine delle qualificazione.

470 al lasco a Formia. Foto Di Fazio
470 al lasco a Formia. Foto Di Fazio

Indietro oggi gli italiani. Brusca discesa soprattutto per Simon Sivitz Kosuta e Jas Farneti, unici qualificati nella flotta Gold, che dal 16esimo posto di ieri passano al 31esimo di oggi dopo un brutto 33-27.
Gli altri equipaggi italiani, tutti nella flotta Silver: 37.Francesco Falcetelli e Enrico Clementi (secondi nel Silver con 6-2); 44.Matteo Capurro e Matteo Ramian; 47.Emanuele e Ezio Savoini; 50.Simone Spina e Matteo Bernard; 56.Niccolò Bertola e Massimiliano Berta; 61.Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò; 64.Francesco Asaro e Gianluca Barbaro; 68.Giorgio Trasimeni e Francesco Bologna; 69.Ernesto Angeletti e Alessandro Ciaccio.

Tra le donne in testa le inglesi Sophie Weguelin e Eilidh McIntyre, campionesse uscenti, sorpassando di un punto le francesi Camille Lecointre e Mathilde Geron, mentre sono terze le campionesse olimpiche neozelandesi Jo Aleh e Polly Powrie.
Così le italiane: 22.Roberta Caputo e Giulia Paolillo (oggi 15-30), 24.Francesca Komatar e Sveva Carraro (13-24); 25. Gaia Scotti e Norma Nardeschi (38-21); 30.Elena Berta e Alice Sinno (ocs-28).

Simon Sivitz Kosuta: “Nella prima prova siamo partiti fuori, abbiamo rigirato e quindi iniziato la regata da ultimi, abbiamo attaccato la flotta, ma più di un paio di barche era impossibile recuperare. Nella seconda non c’eravamo proprio con il passo, dopo la partenza abbiamo avuto problemi di velocità e per di più siamo finiti dalla parte sbagliata… Giornata storta. Credo che la stanchezza per i due giorni di vento forte si sia fatta sentire, e ce lo aspettavamo, sia io che Jas siamo stati male dopo il Garda, e da parecchi giorni non facciamo attività fisica in palestra, anche per questo l’Europeo non era un nostro obiettivo prioritario quest’anno. Ora cerchiamo di finire al meglio e poi iniziamo la preparazione in vista del Mondiale a La Rochelle, al quale puntiamo di più”.

Giovedi e venerdi ultimi giorni della fase finale, con le flotte maschili divise in Gold (che si contenderà i primi 8 posti per la Medal Race che può valere il titolo) e Silver. Anche la flotta femminile continua a regatare per definire i top 8 della Medal Race. Le Medal Race di finale sono previste sabato 15.

http://europeans.470.org/eventsites/results_470.asp?eventid=124147

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here