SHARE

Mersin, Turchia- Si conclude con due bronzi la spedizione della vela italiana ai Giochi del Mediterraneo, conclusosi oggi in Turchia. I due terzi posti sono stati conquistati da Francesca Komatar e Sveva Carraro (SV Aeronautica Militare) nel 470 femminile e da Francesco Falcetelli ed Enrico Clementi (CC Aniene) in quello maschile.

I risultati sono incoraggianti, anche se storicamente ai Giochi del Mediterraneo l’Italia aveva sempre ottenuto di più. Si tratta, comunque, di un buon segnale vista la poca esperienza inernazionale della squadra che ha regatato a Mersin.

Nel 470 femminile (8 barche), il bronzo di Komatar-Carraro è arrivato grazie a un quinto posto nella regata finale disputata oggi (1-5-5-2-7-6-2-1-2-5-5 i parziali). L’oro è andato alle francesi Lecointre/Geron (4-1-2-1-2-3-1-2-OCS-2-2), campionesse europee 470 in carica, l’argento alle croate Nincevic/Zupan, mentre le altre azzurre Roberta Caputo/Giulia Paolillo (CC Aniene) hanno concluso i Giochi al sesto posto (2-4-7-4-4-2-8-6-6-6-8).

Komatar-Carraro, bronzo ne 470F
Komatar-Carraro, bronzo ne 470F

Nel 470 maschile (10 barche), Francesco Falcetelli/Enrico Clementi (CC Aniene) sono stati capaci di vincere la regata finale tenendo dietro i francesi Bouvet/Mion, freschi del titolo Europeo conquistato a Formia. Un grande exploit per Falcetelli/Clementi (4-7-6-5-3-3-1-4-3-4-1), equipaggio giovanissimo ma assai interessante anche per le qualità caratteriali, che chiudono con un bronzo a un solo punto dall’oro, conquistato dai croati Fantela/Marenic (1-1-2-6-1-7-8-7-2-2-5), e dall’argento, vinto dai greci Mantis-Kagialis. Matteo Capurro/ Matteo Ramian (YC Italiano) chiudono i Giochi al nono posto (7-2-9-10-8-9-10-9-9-9-10).

Falcetelli-Clementi, bronzo nei 470M
Falcetelli-Clementi, bronzo nei 470M

Nel Laser Radial (13 barche), Laura Cosentino (CV Venezia) e Martha Faraguna (YC Adriaco) sono rispettivamente quinta (7-8-2-3-5-3-6-8-2-6-2 lo score della Cosentino) e settima (2-9-6-10-4-7-7-6-7-7-RET). L’oro va alla croata Tina Mihelic (3-2-1-4-2-5-1-1-3-4-1), l’argento alla spagnola Cebrian e il bronzo alla turca Donertas.

Nel Laser Standard (23 barche), Alessio Spadoni (CC Aniene) è quarto (3-14-5-4-5-11-7-6-11-4-6 lo score) e Giovanni Coccoluto (Fiamme Gialle) è ottavo (5-DNF-DNE-DNE-1-4-OCS-2-2-5-2). L’oro è per il croato Tonci Stipanovic (1-2-1-1-6-6-1-3-1-1-3), l’argento per il francese Bernaz e il bronzo per lo spagnolo Rogel Sanchez. Peccato per le quattro squalifiche di Coccoluto, che gli hanno impedito di lottare per il podio, risultato che poteva essere alla sua portata.

“Sono contento, molto contento”, ha dichiarato il Direttore Tecnico Michele Marchesini, “Prima di partire ci eravamo posti un obiettivo, e l’abbiamo raggiunto, ma a parte questo, la Squadra nel complesso si è comportata bene, ho visto lo spirito giusto, la voglia di lavorare, di fare sacrifici e di migliorarsi. Le medaglie, ovviamente, sono la ciliegina sulla torta, ma soprattutto sono il primo frutto del lavoro che abbiamo iniziato a inizio anno e mi è piaciuto molto come sono arrivate. Komatar/Carraro non hanno mai mollato, sono state regolari, costanti e nell’ultima regata hanno mantenuto il controllo sulle avversarie dirette, dando prova di maturità e forza mentale; Falcetelli/Clementi mi hanno lasciato a bocca aperta: dovevano vincere l’ultima regata e tenere dietro i francesi campioni europei in carica, hanno fatto tutto alla perfezione, non potevo chiedere di meglio. Nel complesso, in Turchia abbiamo portato una Squadra giovane per fare in modo che i ragazzi accumulassero esperienza e spirito di squadra, senza guardare troppo alle classifiche. Tornare a casa con due medaglie è una bella soddisfazione, sono contento soprattutto per i ragazzi, perché mi rendo conto che è una bella spinta per andare avanti, ma è solo una tappa della crescita di tutto il team”.

http://youtu.be/ZYYVDMSMwFc

www.federvela.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here