SHARE

Victoria, Canada- È entrata nella storia della vela. Jeanne Socrates, alla veneranda età di 70 anni, ha vinto la sua sfida personale, dopo diversi tentativi falliti: circumnavigare il mondo in solitario, senza scalo e senza assistenza.

Salpata dalla piccola cittadina canadese di Victoria nell’ottobre del 2012, la velista di origini britanniche ha concluso il suo viaggio a bordo di Nereida, un Najad di 38 piedi, lunedì 8 luglio tra le 2 e le 3 di notte dopo 259 giorni di navigazione e oltre 25.000 miglia percorse. Come lei stessa ha raccontato e scritto nel suo blog, l’ultima tratta nell’Oceano Pacifico, dopo le Hawaii, è stata la più difficie e stressante a causa dei doldrum prima e del vento leggero poi.

Socrates festeggia il suo arrivo a Victoria, in Canada, dopo aver percorso oltre 25.000 miglia in solitario e senza scalo
Socrates festeggia il suo arrivo a Victoria, in Canada, dopo aver percorso oltre 25.000 miglia in solitario e senza scalo

La perseveranza e (sicuramente) una migliore preparazione ha permesso a Socrates di portare a termine la sua sfida, che era diventata per lei un tarlo. Risale infatti al 2008 la sua scelta di circumnavigare il mondo, in quell’occasione, però, con scalo. Purtroppo, complice una disattenzione, nelle ultime 60 miglia che la separavano dal Messico, tappa conclusiva del suo viaggio, finisce per insabbiarsi con il suo Nereida e non può riprendere la navigazione.

Passa poco più di un anno (siamo a novembre del 2009), e Socrates decide che è arrivato il momento per lei di ritentare la sua avventura, questa volta navigando senza scalo. Purtroppo, in questo caso, a tradirla è il motore che la costringe a una sosta a Città del Capo.

Nereida, un Najad di 38 piedi su cui Socrates ha compiuto il giro del mondo
Nereida, un Najad di 38 piedi su cui Socrates ha compiuto il giro del mondo

 

Ci riprova ancora nel 2010. A Capo Horn per le condizioni meteo proibitive rompe il boma e parte del rig ed è costretta a riparare a Ushuaia, nella Terra del Fuoco. Una volta rimessa in sesto la barca, invece di proseguire nella sua circumnavigazione, decide di tornare a Victoria e da lì riprovare da capo a navigare intorno al mondo senza scalo. I suoi sforzi e la sua buona volontà alla fine sono stati premiati, quando, ancora emozionata, ha attraccato al molo del marina di Victoria.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here