SHARE

Trieste- La seconda domenica di ottobre Trieste si colora delle duemila barche della Coppa d’Autunno. Ma la Barcolana ormai è ben più della semplice regata finale, è un evento unico al mondo che per un’intera settimana trasforma Trieste e il suo Golfo nel centro del mondo velico. E nel 2013, l’evento della Società Velica Barcola e Grignano propone un deciso rinnovamento. Appuntamento alle 10 del 13 ottobre.

Il manifesto della Barcolana 2013
Il manifesto della Barcolana 2013

LO SPIRITO – Una regata nel segno dell’ospitalità marinara, a terra e in mare, grazie a una forte e rinnovata visione social, dentro e fuori internet. C’è un messaggio, quest’anno, per gli armatori: ospita in barca un appassionato di vela, promuovi la tua città, rendi leggendaria la tua presenza alla regata, condividila e vinci. Vinci in mare, con il risultato sportivo, e a terra, grazie ai bellissimi premi in palio per chi vive la sua regata su Facebook, a partire da una barca, un Elan 210. MyBarcolana – sviluppato assieme a CrowdM, “digital skipper” della regata – è una applicazione Facebook che permette di cercare e offrire imbarco in maniera sicura, divertente e social.

A TERRA – Storico accordo e patrocinio UCINA per la Barcolana. Atteso da quarant’anni, è stato siglato un accordo di collaborazione con la Confindustria Nautica (UCINA), coorganizzatore del Salone di Genova. L’Ucina riconosce un ruolo importante, per il diporto, della Barcolana, eleggendo la Società Velica di Barcola e Grignano come proprio partner nell’organizzazione di eventi nautici a Trieste e in Adriatico.

IN MARE – Barcolana 45, tante novità: cancelli “antibonaccia”, un nuovo presidente del Comitato di Regata, la nuova classe “Crociera”. Sono queste le principali novità “in mare” della 45.a edizione della Regata. In attesa della validazione della Capitaneria di Porto anche il nuovo percorso: stessa lunghezza e stessa partenza, ma diverso orientamento delle boe per maggior sicurezza e spettacolarità.

Presentato il manifesto, ritrae l’essenza della regata. Disegnato da Giampaolo Amstici – artista triestino che ha ritratto mare, onde, nuvole e vele in tutto il mondo, a partire dalle grandi navi pensate a Trieste da Fincantieri – è la Barcolana che tutti abbiamo nel cuore: è la personale immagine del Golfo che ogni velista cattura mentre naviga verso la prima boa, tenendo a distanza gli avversari. È l’immagine della forza unica di questa regata, l’incedere teso di 25mila velisti verso la prima boa.

IL CALENDARIO, 5-13 OTTOBRE – Barcolana Fun e Record to Malta, organizzato in collaborazione con il Royal Yacht Club di Malta, sono gli eventi che aprono (il 4 ottobre) e chiudono (il 14 ottobre) la 45.a edizione dell’evento. In mezzo, in un unico Golfo, le imprese di migliaia di velisti di ogni età: Barcolina, Barcolana Classic, King of the Wind, Jotun Cup – Barcolana di Notte, oltre, ovviamente, alla Barcolana del 13 ottobre. Barche di ogni tipo, velisti di tutti i mari. Il calendario è confermato e ogni evento è potenziato rispetto allo scorso anno. La Regata vera e propria, in programma il 13.10.13 alle 10, propone tante novità: l’introduzione della categoria Crociera e i relativi premi, nuove regole “anti bonaccia”, Giuria e Comitato di Regata rinnovati.

ECONOMY – Dimensione Sponsor. Accanto ad Assicurazioni Generali, storico main sponsor della regata, naviga con Barcolana un nuovo partner: North Sails firma il merchandising dell’evento e, dopo la Coppa America, sceglie la Barcolana portando in dote grande qualità dei prodotti e tutta la tradizione di un marchio che è storia della vela.

PRIMA E DOPO LA REGATA – la promozione internazionale, realizzata in sinergia con il marchio Elan. Da oltre un anno l’evento si promuove in Europa con l’obiettivo di aumentare l’audience della regata e di portare a Trieste nuovi regatanti. A settembre in programma un roadshow di presentazione nell’ambito dei principali saloni nautici, in Austria, Francia, Gran Bretagna e Olanda. Elan è partner della Barcolana mettendo in palio, per tutti coloro che interagiranno con la nuova dimensione social dell’evento, un bellissimo Elan 210.

LA PARTNERSHIP CON LA REGIONE FVG – Ospitalità e condivisione sono le parole chiave di questa edizione dell’evento, condivise con il nuovo presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, che ha ospitato l’avvio della promozione 2013 della manifestazione. Promuovere la regata per contribuire a promuovere il territorio, l’economia locale e le relazioni internazionali è l’impegno che la Società Velica di Barcola e Grignano si assume, organizzando la manifestazione in sinergia con le Istituzioni locali, a partire dall’amministrazione regionale.

La flotta della Barcolana 2012
La flotta della Barcolana 2012

Con l’obiettivo di dare un valore sempre maggiore al brand Barcolana, la Società Velica di Barcola e Grignano ha aperto a una innovativa forma di “comarketing 2.0” coinvolgendo nella promozione dell’evento CrowdM, azienda triestina di eccellenza, che si fregia del titolo di Facebook Preferred Marketing Developer, riconosciuta da Facebook tra le cinque società italiane più forti nella creazione di engagement, ovvero di coinvolgimento nel mondo social. In occasione della Barcolana, CrowdM ha ideato una nuova dimensione social, diventando il “digital skipper” dell’evento.

SITO WEB – Grazie a CrowdM, alla partnership con la Regione Fvg e – attraverso questa – di Insiel, la Barcolana vive quest’anno la sua rivoluzione digitale, proponendo una serie di grandi novità. Si parte da un sito internet dal concept completamente rinnovato e pensato per essere visto in particolare da tablet e smartphone: www.barcolana.it è tutto nuovo, con oltre 500 immagini divise in slides show in 16:9 e una gallery di video tutti da condividere.

MYBARCOLANA – La Barcolana si pone anche l’obiettivo di potenziare in maniera esponenziale i fan della propria pagina Facebook: CrowdM ha ideato una serie di contest pensati per condividere lo spirito della regata. Gli utenti Facebook si confronteranno per conquistarsi un posto a Trieste per vedere l’evento e, dopo la regata, per raccontarla con la più bella immagine. Interagire con MyBarcolana – questo il nome del progetto di engagement – sarà divertente e permetterà di aggiudicarsi tanti premi, compreso un Elan 210, la bellissima barca che da due anni è strettamente legata alla manifestazione, grazie alla partnership con il cantiere sloveno Elan.

BOATSHARING – La grande novità riguarda il “Boatsharing”, reinventato da CrowdM per trasformare uno dei principali limiti legati alla regata in un’opportunità di promozione e sviluppo turistico. Vista da fuori Trieste, infatti, la Barcolana è quella regata alla quale tutti vorrebbero partecipare, ma non è mai facile trovare un imbarco. Il “Boatsharing” permette di mettere in contatto chi aspira a trovare un posto in regata (gratis o a pagamento) con gli armatori che offrono posti barca, sviluppando l’ospitalità marinara a fini turistici e promozionali. E proprio su questo aspetto, sull’offerta di posti barca, la Società Velica di Barcola e Grignano lancia la sfida: “Abbiamo un obiettivo ambizioso – spiega il responsabile marketing della Barcolana, Federico Prandi (Prandicom – Trieste) – vogliamo costruire per il futuro una Barcolana nella quale gli armatori e gli equipaggi siano protagonisti non solo partecipando alla regata, ma anche ospitando velisti-turisti da tutto il mondo. Vorremmo che gli appassionati che arrivano a Trieste senza barca trovassero qui la città marinara più ospitale, dove una volta l’anno c’è sempre un posto libero in pozzetto per condividere la regata, le storie di mare e i diversi modi di navigare”.

Il primo armatore che ha accettato di “fare Boatsharing” è Giorgio Martin, armatore di TP52 Aniene, lo scafo giunto secondo poche settimane fa al mondiale Orc, timonato lo scorso anno in Barcolana da Vasco Vascotto.

Dal primo agosto, gli appassionati di vela di tutto il mondo (l’applicazione sarà rilasciata in italiano il primo agosto e a seguire in inglese, per raggiungere il mercato estero) potranno “competere” attraverso una applicazione nella pagina Facebook della Barcolana per assicurarsi un posto in barca gratuito su questo bellissimo scafo. Ma tutti gli armatori possono partecipare: i triestini, per promuovere in prima persona la loro città, e quanti invece partono da altri porti con la propria barca, condividendo anche – e trovando così un valido aiuto – il trasferimento, con l’obiettivo di trovare a Trieste un trattamento di riguardo, che comprende anche la possibilità di ormeggio.

“Poter contribuire con la nostra esperienza alla crescita di Barcolana è, per noi di CrowdM, un’occasione unica per sfruttare la potenza dei Social Media per promuovere questa manifestazione straordinaria – ha dichiarato il CEO di CrowdM, Silvio Stafuzza – Abbiamo interpretato in chiave digitale le logiche che hanno reso celebre la Barcolana nel mondo, applicando una strategia social volta a stimolare il passaparola e la condivisione delle esperienze dei partecipanti”.

CHI È CrowdM – CrowdM (www.crowdm.com) è un’agenzia digital, specializzata nello sviluppo di progetti di Social Marketing e di comunicazione su web, mobile e social media, una tra le cinque realtà italiane che si è guadagnata il titolo di Facebook Preferred Marketing Developer, un programma che riunisce i migliori sviluppatori di app ufficiali Facebook. CrowdM, con sede a Trieste e a Milano e una rete internazionale che passa da Londra e Lisbona, è composta da un team altamente specializzato, che si occupa di consulenza strategica, creatività, sviluppo tecnologico e di project management. Insignita di vari riconoscimenti, ha vinto di recente l’NC Digital Award come Agenzia digitale dell’anno 2012 “premio Davide contro Golia” e per la seconda volta il premio Interactive Key Award nella categoria “Best Engagement” per il progetto Citroën Sensation, legato all’evento spettacolo Sensation – Source of Light per il lancio della nuova DS3 Cabrio.

INSIEL – Insiel Spa è partner tecnologico della Regione ed in tale funzione mette a disposizione per il tredicesimo anno consecutivo il proprio know-how per supportare un’iniziativa che promuove il territorio, nella convinzione che la valorizzazione del territorio passi anche attraverso la capacità del sistema locale di gestire al meglio i grandi eventi.

IL PACCHETTO TURISTICO PER I TOP SPENDER – MyBarcolana sarà anche un modo diverso di vivere la regata, pensato per i turisti “top spender” e per il mercato russo in particolare, che sempre più si sta avvicinando al mondo della vela, grazie anche alle vittorie di Esimit Europa 2 e del suo sponsor Gazprom. Dopo ferragosto verrà lanciato il pacchetto turistico al quale gli organizzatori della Barcolana stanno lavorando in collaborazione con PromoTrieste e un team di professionisti locali del settore turistico, composto da Francesco Comotti e Silvio Rebula (Evolution Tourist Marketing). In sinergia con Roberto Cabrini (Nautilus Italia) – che avrà un ruolo centrale anche nella gestione operativa del Boatsharing – la proposta ad alto valore aggiunto comprenderà un programma esclusivo di ospitalità e la possibilità di noleggiare luxury yachts.

La Barcolana propone quest’anno un’importante svolta sul fronte della classificazione delle barche: accanto alla classifica generale, che tiene conto dell’ordine di arrivo e di categoria sulla base della lunghezza fuori tutto, da quest’anno si compilerà una classifica tutta dedicata agli scafi “Crociera”, ovvero quelli pensati per pura vocazione diportistica: queste imbarcazioni, tecnicamente meno performanti degli altri scafi, raramente ottengono l’onore del podio, ma – in Barcolana – sono la maggioranza.

“Tengo molto a questa novità – spiega il presidente Vincenzo Spina – l’obiettivo che mi sono posto, sin da quando sono diventato presidente della Svbg, era trovare un modo per dare valore ai tanti velisti che con scafi non da regata partecipano alla Barcolana e sono il cuore di questo evento. Con una classifica dedicata a loro, porteremo alla luce le tante sfide, ormai quarantennali, tra i tanti equipaggi che sono composti da esperti marinai, che curano la propria barca con tanta dedizione e vedono nella Barcolana la vera sfida popolare”.

Definire la classe Crociera non è stato semplice: un comitato tecnico – composto dall’ex presidente della Svbg ed esperto velaio Mauro Parladori, dall’architetto navale Maurizio Cossutti, coordinati dal direttore sportivo Davide Favretto – ha lavorato nel corso dell’inverno per definire la classe Crociera, partendo dal regolamento di regata internazionale. Per far parte di questa categoria, al momento dell’iscrizione alla regata, si dovrà segnalare barrando la apposita casella sul modulo di iscrizione: la certificazione “crociera” verrà automaticamente vagliata dal database delle iscrizioni, che ha già raggruppato gli scafi iscritti alle precedenti edizioni alla regata evidenziando quelli inseribili in questa nuova classe. Per i nuovi iscritti, e per dirimere eventuali situazioni dubbie, una commissione tecnica sarà a disposizione durante il periodo delle iscrizioni.

MISURE “ANTI BONACCIA” – La bonaccia che ha caratterizzato la scorsa edizione della Barcolana, decimando la flotta all’arrivo, ha permesso agli organizzatori di predisporre alcuni accorgimenti per evitare che si riproponga una classifica cortissima, come avvenuto nel 2012. Sarà possibile accorciare la regata all’altezza della BOA 2 (e non più solo alla BOA 3), e la Giuria della Barcolana sarà integrata, con giudici presenti a tutte le boe, pronti – in caso di riduzione – a prendere i passaggi a ogni boa. Ciò garantirà anche un maggior controllo. Si tratta di uno sforzo organizzativo in più, per garantire ai concorrenti la possibilità di arrivare. “Stiamo studiando ulteriori dettagli – ha spiegato ancora il presidente Spina – per predisporre anche arrivi selettivi per classe, come avviene in alcune regate lunghe: le barche più piccole potranno avere un percorso più corto rispetto a quelle più grandi in caso di condizioni meteo avverse, sia nel senso del brutto tempo, sia della bonaccia estrema”.

GIURIA INTERNAZIONALE E COMITATO DI REGATA – Quest’anno, tra le tante novità, anche il rinnovo ai vertici del Comitato di Regata; il ricambio segue anche l’avvicendamento nella Direzione sportiva della Società Velica di Barcola e Grignano, guidata da questa edizione da Davide Favretto. A presiedere il Comitato di Regata è stato chiamato il veneziano Adolfo “Dodi” Villani, giudice di regata internazionale e presidente della FIV del Veneto. David Brunskill (GBR) presiede la Giuria Internazionale.

IL NUOVO PERCORSO – La Società Velica di Barcola e Grignano ha presentato alla Capitaneria di Porto di Trieste, e all’omologo sloveno, una proposta di cambiamento del percorso della Barcolana. “Attendiamo la risposta delle istituzioni – ha dichiarato il presidente Spina – si tratta di una proposta meditata, ma spetta alle autorità valutarla”. Nella nuova proposta, resta invariata la partenza unica – elemento che contraddistingue a livello internazionale la Barcolana – e la lunghezza totale, ma si spostano le tre boe di percorso con l’obiettivo di rendere la regata più sicura alla prima boa e più spettacolare nell’ultimo lato.

BARCOLINA + BARCOLANA A FUN – Il primo fine settimana di ottobre (5-6) aprirà formalmente l’evento, con spazio a terra e in mare dedicato ai più giovani della classe Optimist di Barcolina, che manterrà la sua base operativa a Barcola, e il mondo di Barcolana Fun, ovvero la vela vissuta alla ricerca della velocità a bordo di windsurf e kitesurf, nell’eccezionale “spot” di Piazza dell’Unità d’Italia e delle Rive. Kitesurf e windsurf saranno protagonisti anche durante la settimana pre-Barcolana, in particolare fino a giovedì 10 ottobre: dopo il grande successo dell’edizione sperimentale del 2012, quest’anno kiter e windsurfer attenderanno il “semaforo verde” della Bora, all’alba, per sfidarsi in una gara di velocità lungo la diga del Porto Vecchio (38 nodi la velocità raggiunta lo scorso anno), e per il miglior salto con il kite a due passi da piazza dell’Unità, davanti al Molo Audace: uno spettacolo dedicato a tutti gli appassionati di questi sport emergenti e a tutti i curiosi, pronti ad ammirare le evoluzioni, con salti di più di due metri d’altezza sull’acqua, effettuati dai freestyler capoverdiani.

VILLAGGIO BARCOLANA – Il Villaggio Barcolana, lungo le Rive di Trieste, aprirà come da tradizione, mercoledì 9 ottobre: “L’obiettivo di quest’anno – ha spiegato Federico Prandi (Prandicom – Trieste), responsabile marketing della Barcolana – è quello di potenziare la vocazione nautica del Villaggio Barcolana: un buon numero di cantieri ha già aderito e prenotato spazi; vogliamo integrare la parte di ospitalità ed enogastronomia con la promozione del territorio e con una maggiore esposizione di prodotti e servizi dedicati alla nautica, mantenendo ovviamente gratuito l’ingresso al Villaggio Barcolana. L’appassionato di vela e di mare troverà, accanto alla consolidata vivacità del Villaggio, agli hospitality degli sponsor e all’enogastronomia tipica del Friuli Venezia Giulia, anche un settore dedicato alle imbarcazioni e agli accessori”. Il Villaggio resterà aperto e vivo fino a domenica 13 ottobre, ben dopo la fine della regata, e ruoterà attorno ai suoi punti focali: l’Infopoint gestito dalla Società Velica di Barcola e Grignano e l’Arena Barcolana, dedicata agli spettacoli, agli eventi collegati a terra e alle premiazioni delle numerose regate in programma.

KING OF THE WIND – Da giovedì 10 a domenica 13 ottobre gli Elan 210 saranno protagonisti – con dieci equipaggi provenienti da fuori regione e grazie alla collaborazione dell’armatore Duvetica e della Compagnia della Vela di Venezia – di King of the Wind, la seconda edizione della regata dedicata a velisti e circoli amici della Barcolana extra Fvg, che si sono candidati a partecipare a questa particolare sfida, che comprende regate sulle boe, prove in notturna nel Bacino San Giusto e la Barcolana stessa. “Questo evento – spiega il presidente della Società Velica di Barcola e Grignano, Vincenzo Spina – ci dà modo di invitare alla Barcolana circoli velici che nel corso di tutto l’anno costruiscono relazioni con noi, si fanno ambasciatori della Barcolana, ed essendo molto distanti da Trieste non hanno modo di partecipare con una loro imbarcazione, che sarebbe difficoltoso trasferire: trasferiamo invece lo spirito della Barcolana, in nome di una sana e leale amicizia marinara, che si traduce in promozione nazionale e internazionale”.
Alla King of the Wind sono già confermati alcuni equipaggi siciliani, dal Montenegro e dall’isola di Malta; alcune imbarcazioni saranno assegnate ai circoli che armeranno un equipaggio e si candideranno a partecipare alla regata, sfidando l’equipaggio della Società Velica di Barcola e Grignano e della Compagnia della Vela di Venezia. Per il pubblico, King of the Wind sarà l’occasione per assistere a una serie di spettacolari regate, vedendo da vicino equipaggi di appassionati cimentarsi in prove sulle boe, regate notturne e vivere un vero e proprio campionato di quattro giorni inside Barcolana.

BARCOLANA CLASSIC, IL PROSECCO SPONSOR DELL’EVENTO – Torna la partnership con lo Yacht Club Adriaco, con il marchio del Prosecco, e torna la Barcolana Classic: percorso e format consolidati, con maggiore attenzione per gli ormeggi e l’ospitalità dei regatanti, proprio grazie alla consolidata collaborazione con l’Adriaco. “Negli anni – ha commentato il presidente Spina – Barcolana Classic ha saputo crearsi un proprio spazio: le barche d’epoca sono l’omaggio che offriamo alla tradizione, la nostra volontà a ricordare e recuperare costantemente e con affetto il più profondo concetto di marineria. Tornare a collaborare con l’Adriaco significa valorizzare ancora di più questo evento”. Gli appuntamenti con Barcolana Classic – regata e sfilata delle barche nel Bacino San Giusto – sono in programma sabato 12 ottobre a partire dalla tarda mattinata: le barche sfileranno lungo il Molo Audace prima di partire per la loro gara. La premiazione si svolgerà in serata. A terra, nei giorni dell’evento, ci sarà la possibilità di passeggiare lungo le banchine dello Yacht Club Adriaco, aperte al pubblico per l’occasione, e ammirare in un museo della marineria a cielo aperto le più antiche barche dell’Adriatico, sapientemente restaurate.

JOTUN CUP + BARCOLANA DI NOTTE – La sera di Barcolana è sempre più Jotun Cup, la grande sfida tra monotipi Ufo 28, preceduta dalle regate per Elan 210, e della classe Meteor. L’attesa è tutta per loro: una decina di agguerritissimi equipaggi della classe Ufo 28 scendono in mare per la sfida delle sfide, che continua ormai da 15 anni. Ormai consolidato il percorso e il regolamento: con partenza alle 19, gli equipaggi della classe Ufo si sfideranno tra il Molo Audace e le Rive su un percorso a circuito della durata di 30 o 45 minuti, a seconda del vento. Vince il team che nel tempo stabilito riesce a compiere più giri attorno alle boe. Una competizione che comincia all’ormeggio, con il lavoro degli armatori pronti a costruire degli equipaggi sempre più performanti in vista della sfida all’ultimo bordo: i noti professionisti della vela, a Trieste per la Barcolana, scelgono l’imbarco all’ultimo momento e affiancano gli equipaggi che per tutta la stagione hanno regatato l’uno contro l’altro, in prove monotipo.

TROFEO MEDOT: RECORD TRIESTE TO MALTA – A chiusura degli eventi Barcolana si svolgerà – con partenza tra la sera del 13 ottobre e l’alba del 14 ottobre, la seconda edizione del Record di percorrenza tra Trieste e Malta (La Valletta), che interesserà gli scafi pronti a partecipare, dopo la Barcolana, alla Rolex Middle Sea Race. Le due regate, infatti, hanno avviato una partnership che prevede la presentazione della Rolex Middle Sea Race alla Barcolana (e viceversa), e la presenza di un team maltese alla regata triestina.
“La regata – ha spiegato il presidente della Svbg Vincenzo Spina – è nato grazie all’iniziativa, alla visione e all’intraprendenza dell’armatore di Esimit Europa 2 Igor Simcic, che lo scorso anno ha voluto inaugurare la rotta e fissare il tempo di base per la definizione del record, mettendo anche in palio il Trofeo Medot. I due circoli velici hanno gestito la parte organizzativa, la partenza e l’arrivo, e la registrazione formale del tempo. Quest’anno è nostra intenzione, della Società velica di Barcola e Grignano e dello Royal Yacht Club di Malta, potenziare la regata, aprendolo a più categorie e diverse barche, con l’obiettivo di collegare strettamente la Barcolana alla Rolex Middle Sea Race”.

Il record di percorrenza prenderà il via in una “finestra” temporale compresa tra la sera di domenica 13 ottobre e la giornata del 14 ottobre, sulla base del meteo: gli equipaggi che punteranno a partecipare – trasferendo così la propria barca a Malta in vista della Rolex Middle Sea Race – potranno scegliere la propria rotta lungo l’Adriatico, fino all’arrivo posto a La Valletta, dove verrà certificato il tempo di percorrenza, dopo circa 700 miglia di navigazione.

www.barcolana.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here