SHARE

San Francisco, USA- Mentre si attende la semifinale tra Luna Rossa e Artemis, un nuovo caso che sta facendo discutere a San Francisco. Si tratta dello studio della telemetria ufficiale dei dati raccolti dagli allenamenti del defender e di quelli tratti dalle regate degli sfidanti. In proposito si segnala la decisione della Giuria che nega la diffusione della telemetria di Oracle fino alla Coppa, mentre come previsto dal Protocollo quella degli sfidanti è pubblica a partire dalla Louis Vuitton Cup. Quindi Oracle ha accesso ai dati dei challenger.

La cosa chiaramente porta a un vantaggio per Oracle, che potrò studiare i dati degli avversari potenziali. ETNZL non disputerà la semifinali ma sarà poi in regata nella finale di Louis Vuitton Cup. Che fare? Rallentare ad arte quando se ne presenterà l’occasione a risultato acquisito per uno dei due finalisti? Si noti anche che Orace disputerà delle regate di selezione interna/allenamento tra i suoi due AC72, timonati rispettivamente da James Spithill e Ben Ainslie, i cui dati non saranno però diffusi ai challenger.

Una buona analisi è su SailWorld: http://www.sail-world.com/NZ/Gladwells-Line:-Jury-backs-Defenders-over-Trials-and-Performance-Data/112813

La decisoone della Giuria: http://noticeboard.americascup.com/wp-content/uploads/2011/08/JN088.pdf

ETNZL in foiling
ETNZL in foiling

Le reali prestazioni degli AC72

In proposito interessante è l’analisi proposta da www.catsailingnews.com: una elaborazione grafica della tabella usata dagli Umpire per fare scontare le penalità: media anonima delle “best speed” rilevate dalla telemetria ACRM per le varie barche a quelle andature, e come tale viene/verrà aggiornata mano a mano. Di fatto, i puntini marcati “pre 30Jul” danno prestazioni in genere inferiori, come dire le barche più passa il tempo e più migliorano.

Ricordiamo il complesso meccanismo: quando viene assegnata una penalità, su LiveLine si crea una linea virtuale arretrata di due lunghezze rispetto alla barca, e che si muove verso la boa successiva inizialmente alla VMG teorica e, dopo 10″, al 90% della VMG. Per scontare la penalità, la barca deve rallentare fino a portarsi dietro alla linea. Soluzione che però, vista dal vivo, risulta di assai difficile comprensione per chi segue e che di fatto segna la fine di una regata per chi la subisce viste le veocità degli AC72. Vuoi mettere con il fascino e la suspance create dal fatto di avere una penalità che si può scontare prima della fine della regata, anche con la possibilità di restituirne una all’avversrio, come accade nel match race internazionale e accadeva fino alla 32th AC?

image

La tabella indica velocità barca e angolo vento reale rilevati ad oggi dalla telemetria, con vento reale pari a 5/12/16/20/26 nodi e alle andature di bolina (UW) / traverso1 (R1) / traverso2 (R2) / poppa (DW). Traducendola appunto in un grafico, si ottengono le polari tipiche di un AC72. Come si vede con vento sui 20 nodi si arriva ben oltre i 40 nodi al traverso-lasco arrivando a scendere fino a circa 150°.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here