SHARE

San Francisco, USA- La miglior Luna Rossa della Louis Vuitton Cup supera ancora Artemis per 1’18” portandosi sul 3-0 nella semifinale, ovvero a una vittoria dalla finale contro Emirates Team New Zealand (a partire dal 17 agosto). Race 4 è in programma domani sera alle 22:15. Luna Rossa ha mostrato i miglioramenti di cui parlava lo skipepr Max Sirena sin dalla partenza, vinta finalmente da Chris Draper, che ha stoppato da sottovento Nathan Outteridge riuscendo a scegliere il timing perfetto per lanciare il suo AC72. Luna Rossa ha raggiunto la boa 1 del traverso con 11″ di vantaggio andando poi a strambare perfettamente in foiling, manovra che per la prima volta in regata è riuscita anche ad Artemis che ha limitato lo svantaggio alla boa di poppa a 26″.

Luna Rossa saluta all'arrivo. Foto Borlenghi
Luna Rossa saluta all’arrivo. Foto Borlenghi

Artemis ha mostrato importanti miglioramenti, dovuti probabilmente a un diverso angolo dei foil, e ha proseguito poi con una buona bolina restando a relativo contatto con Luna Rossa, che ha però eseguito una marcatura magistrale senza lasciare alcuna chance agli avversari. Risultato scontato, con Prada che alla boa 3 sale a 52″.

Di lì in poi Artemis mostra segni di cedimento, “ricadendo” spesso dal volo sui foil mentre Luna Rossa mostra sicurezza, velocità e stabilità andando a incrementale il delta fino ai 78 secondi finali. Curiosamente il margine più ridotto tra le tre regate disputate, ma anche la regata migliore di Luna Rossa. Artemis si è difeso bene, ma la distanza dal team italiano è sembrata anche oggi notevole. Se migliora Artemis, anche la Luna è sempre più crescente. Anche il boathandling e l’autorevolezza del timoniere sono sembrati in deciso aumento. Tutto starà a quanto sarà nel frattempo migliorato il già velocissimo ETNZL.

Il momento decisivo della partenza, quando LR chiude da sottovento Artemis. Foto Borlenghi
Il momento decisivo della partenza, quando LR chiude da sottovento Artemis. Foto Borlenghi

Per il resto (leggi vicenda Oracle fuori stazza con i suoi AC45) la Coppa prova a rifugiarsi in qualche vera regata, possibilmente senza trucchi nè inganni, visto che di quelli la comunità velica internazionale ne ha già abbastanza. Così come ne ha abbastanza Grant Dalton, leader di ETNZL che ha così commentato: “Trovo che sia difficile credere che ciò che abbiamo appreso la notte scorsa sia davvero accaduto al massimo livello del nostro sport”. La Giuria Internazionale dell’AC ha aperto un procedimento secondo la Regola 69 del Regolamento di Regata, ovvero di grossa e grave condotta che possa portare a un discredito dello sport. L’investigazione sta continuando.

Max Sirena, skipper di Luna Rossa, ha risposto alle nostre domande chiarendo come anche Luna Rossa condivida il sentimento di offesa provato dal mondo velico in seguito al comportamento di Oracle. “Si tratta della fiducia di molte persone, dei tifosi, degli appassionati, degli altri team tradita dal comportamento di quel team. E’ in corso un procedimento e attendiamo la sua conclusione per fare le nostre valutazioni e commenti definitivi”.

Sulla regata, Sirena ha detto che i miglioramenti in poppa e nel foiling iniziano a essere soddisfacenti, mentre in bolina “c’è ancora un po’ da lavorare”. Sulla partenza di Draper, Sirena ha detto che “Chris è stato molto bravo ed è riuscito a chiudere l’avversario e a lanciare la barca al momento giusto, un’ottimo risultato dopo che aveva ricevuto alcune critiche per le prine due partenze”.

La gallery di Carlo Borlenghi

Luna Rossa-Artemis 3-0

Race performance data
Course: Seven legs
Course length: 15.53 nautical miles
Elapsed time: LR – 47:36; ART – 48:54
Delta: Luna Rossa +1:18
Total distance sailed: LR – 19.6 NM; ART – 19.5 NM
Average speed: LR – 24.7 knots (28 mph); ART – 24.0 knots (27 mph)
Top speed: LR – 39.71 knots (46 mph); ART – 37.25 knots (43 mph)
Wind speed: average 15.2 knots; peak gust 17.6 knots

San Francisco- Guarda qui la diretta streaming della terza regata della semifinale della Louis Vuitton Cup tra Luna Rossa e Artemis. Luna Rossa conduce per 2 a 0 nella serie al meglio delle quattro vittorie. Partenza alle ore 22:15 italiane, diretta dalle ore 22.

Luna Rossa attesa a una partenza più incisiva e a ulteriori miglioramenti in bolina, mentre Artemis sarà chiamato a migliorare la sua velocità e stabilità in poppa, visto che quella attuale compromette ogni chance di successo.

LOG

Ore 23:05 Luna Rossa vince con un delta finale di 1’18” e si porta a 3-0. Ottima regata per Luna Rossa

Ore 22:56 1’12” il vantaggio si LR all’ultima bolina. Ottimo foiling per LR, che scende solo a 28 nodi nella ptima strambata del lato. Artemis sembra sollevare molto più spray nel suo foiling.

Ore 22:52 ottimo il lavoro come wing trimmer di Xabi Fernandez, oro e argento in 49er con Iker Martinez e veterano di tre Volvo Ocean Race, gran elemento in Luna Rossa. LR bordeggia bene ed è veloce anche in bolina oggi.

Ore 22:42 Il vantaggio aumenta alla boa 4 a 1’09”. ottima prova oggi di Luna Rossa, che pare sicura e veloce in ogni situazione, mentre rtemis dopo un inizio discreto sta cedendo tornando ai problemi di foiling in poppa.

Ore 22:36 52″ di vantaggio per LR. Ottima la velocità in poppa di Prada, che mostra oggi anche una notevole stabilità nel foiling

Ore 22:32 Luna Rossa in controllo marca Artemis riuscendo anche a restare bene nella pressione. Artemis mostra miglioramenti, ma anche Luna Rossa è nella sua curva di apprendimento.

Ore 22:22 26″ di vanaggio alla boa 2 di poppa, Luna Rossa molto stabile e veloce in poppa, sicuramente ancora migliorata, vediamo ora in bolina. Artemis certamente meglio delle prime due regate.

Ore 22:16 Finalmene Luna Rossa vince la partenza, Draper stoppa Outteridge e poi lancia la barca per primo, 11″ di vataggio alla boa 1 ma Artemis dimostra di riuscire a fare foiling in modo migliore e riesce a fare la prima foimng jibe. probabile un cambio all’angolo dei foil.

Ore 22:02 Vento 16-17 nodi WSW al momento

L’equipaggio di Luna Rossa:

Max Sirena (4-skipper and pitman)
Francesco Bruni (9-tactician), David Carr (23-pitman/grinder), Pierluigi de Felice (10-trimmer), Chris Draper (11-helmsman), Xabi Fernandez (14-wing trimmer), Nick Hutton (2-bowman), Lele Marino (13-wing grinder), Marco Montis (51-freestyler), Wade Morgan (88-primary grinder), and Giles Scott (41-strategist/grinder)
Un momento di regata 2. Foto Borlenghi
Un momento di regata 2. Foto Borlenghi

Abbiamo rivolto alcune domande allo skipper di Luna Rossa Max Sirena:

FV Un commento sul fatto di Oracle e gli AC45 fuoristazza?

MS La questione è sub iudice. Siamo appena all’inizio della vicenda, aspettiamo la decisione della Giuria prima di rilasciare commenti in merito. Non si risponde in genere a una domanda con una domanda, ma questa volta FareVela lo chiedo a voi da giornalisti: cosa pensereste una volta appresa una notizia di questo tipo?

FV Cosa pensa della velocità di bolina di Luna Rosa, è migliorabile?

MS Stiamo migliorando le performance della barca ogni giorno. Una maggiore velocità in bolina è fra i nostri obiettivi e complessivamente stiamo registrando dei netti passi in avanti in questo senso.

FV C’e’ la possibilita’ di vedere Bruni in alcune partenze?

MS Al momento non è nei nostri programmi. In queste regate è importante la velocità della barca, è quello a fare la differenza.

 

Lo strano ritiro di Oracle, che regatava con gli AC45 truccati

La notizia del giurno è il “curioso” autoritiro di Oracle Racing dalle AC World Series, a quasi quattro mesi dalla conclusione delle regate con gli AC45. Oracle ha dichiarato che i suoi AC45 erano stati modificati senza autorizzazione dei dirigenti, e senza che questi ne sapessero qualcosa, per quella serie di regate. Ricordiamo che gli AC45 sono dei monotipi assoluti. Tutto è nato da una protesta del Race Director Iain Murray contro Oracle e Bean Ainslie Racing, dopo che la commissione di stazza ha trovato che gli AC45 usato dal team americano nell’ultimo anno delle AC Wotld Series erano fuori stazza per un problema di ballast. Ricordiamo che gli AC45 saranno usati per la prossima Red Bull Youth America’s Cup ed è ipotizzabile che durante i controlli per quell’evento ci si sia resi conto delle irregolarità. Il ritiro a posteriori di Oracle, oltre a un’evidente ammissione di colpa, è anche un modo per evitare guai in sede di America’s Cup vera e propria.

Durissimo il commento postato da Dean Barker nel suo blog:

“Well yet another bizarre twist today when Oracle withdrew from four AC45 events over the lat 12 months because they had been caught cheating. I do not know the exact details but supposedly lead ballast was discovered in the king posts of both the Oracle boats and also the BAR boat which was also prepared by the Oracle Team.
It is incredibly disappointing to say the least to find out your competitors have been straight out cheating. It is an insult to the other competitors, particularly in an event that they have been running.
The AC45 is a strict one design class and this was one of the great appeals of this type of racing. To deliberately break the class rules is hard to understand”.

Qui l’ordine della Giuria:

http://noticeboard.americascup.com/wp-content/uploads/2011/08/JN096.pdf

Stazzatori3-500x719

La relazione completa degli stazzatori è su:

http://ventoevele.gazzetta.it/2013/08/09/la-relazione-degli-stazzatori-sul-caso-ac45/#.UgU0HGtvifc.facebook

Cosa pensiamo, per rispondere a Max Sirena?… Ma che succede a Oracle Team USA? Come si può pensare che uno shore team modifichi delle barche senza che il team ne sia a conoscenza. Quindi, Oracle si ritira dalle AC45 World Series dopo averle vinte (a parte il fatto che non contavano nulla, se non per far vedere quanto sarebbe bella una Coppa disputata in Italia) dichiarando che le sue barche erano taroccate a “insaputa” dei dirigenti. Cos’è la barzelletta del giorno o l’ennesima riprova che Oracle Racing sta rischiando di far perdere ogni credibilità a quello che era l’evento trainante della vela mondiale per oltre 150 anni? Ora più che mai, sempre più forza kiwi e Luna Rossa.

Nel dettaglio hanno nascosto 2.5 kg di piombo nel puntone davanti (quello sotto il punto di mura del fiocco nella martingala del bompresso) e presumibilmente tolto peso altrove.
I commenti dell’ambiente vanno dal fatto che così non erano più degli AC45, e quindi sarebbero diventati surrogate yacht (allora Oracle non potrebbe più regatare con barca 2… o avere altre panalità), il che spiegherebbe l’istantaneo ritiro annunciato da Coutts e la scusa irricevibile che il management del team non ne sapeva nulla) ai 35,000$ che Luna Rossa deve pagare per non aver mandato un AC45 alla parata…

7 COMMENTS

    • Ciao Guido, se schierata significa andare contro la prepotenza di un defender che ha vinto la Coppa solo grazie a soldi e avvocati e che ha compiuto questo disastro, sì, siamo un pochino schierati.

  1. CApisco che al momento (e prob anche in futuro) Luna Rossa non sia all’altezza dei kiwi, ma per essere un giornale italiano potreste tifare un po’ di più per il team di casa! O almeno evitare di scrivere “Forza Kiwi” negli articoli!! E se LR vincesse? e se portassimo la coppa in Italia…insomma, è ancora lecito sognare, quando poi le finali saranno ETNZ vs OR allora tutti a dire “FORZA KIWI”!!!!

    • Ciao Fulvio, che FareVela tifi LunaRossa non è certo una novità. Basta rileggere lo storico dei nostri articoli. Dobbiamo però anche essere obiettivi e al momento chi ha più chance di portare via la Coppa a Oracle, facendola tornare a essere un evento serio e seguito, e proprio Emirates Team New Zealand. Poi, come ha detto Max Sirena, ci auguriamo tutti che sia Luna Rossa a portargliela via. Ci speriamo ma siamo anche realisti. In questa situazione, comunque, la priorità è che Oracle perda la Coppa, se per merito di LR tanto meglio. Altrimenti forza kiwi.

  2. In alcuni forum internazionali si vocifera che forse OR sa che perderà la coppa per un progetto sbagliato e allora, per non perdere anche e ulteriormente la faccia, fa saltare fuori questa irregolarità. C’è la concreta possibilità che gli equipaggi dei catamarani illegali vengano puniti con una squalifica, magari anche solo per pochi mesi. Beh, a questo punto OR non avrebbe più un equipaggio di prima scelta ma dovrebbe ricorrere ai rimpiazzi..che se anche perdessero la coppa, non sarebbe una grande sorpresa…Secondo voi c’è troppa dietrologia in qs affermazioni o c’è qcosa di vero?

    • Mah Fulvio, forse un po’ troppo dietrologico, ETNZL va forte ma anche Oracle non scherza. La sensazione è che sono stati beccati con la mano nella marmellata per una serie di regate che non contavano di fatto nulla e che ora temono conseguenze o penalizzazioni per la finale di settembre. Una vergogna ciò che hanno fatto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here