SHARE

San Francisco, USA- ETNZL vince regata 4 e 5 portandosi sul 4 a 1. Draper si lascia sfuggire l’occasione di una buona partenza in race 4 e sembra avere timore di puggiare addosso ai kiwi nel traverso dopo una partenza pari. La velocità media comunque sembra buona per Luna Rossa, che però pare essere portata non all’altezza di quanto facciano Barker e compagni.

Max Sirena, skipper di Luna Rossa, ha dichiarato: “La prima regata è stata condizionata dalla partenza: eravamo in vantaggio e avevamo quasi chiuso i neozelandesi, ma purtroppo eravamo anche in leggero anticipo e questo ci è costato caro. La seconda prova, invece, è stata forse la miglior regata che abbiamo fatto fin’ora da un punto di vista sportivo e delle performance: bella partenza, ottima tattica, abbiamo portato bene la barca e non abbiamo fatto errori di manovra. Ottima anche la velocità soprattutto in poppa. Ci avviciniamo ogni giorno di più ai nostri avversari e questo dimostra che quello che ci sta maggiormente penalizzando è il fattore tempo.”

Regate 6 e 7 sono in programma venerdì 23 agosto, dalle 22:10 italiane

Questo il player per seguire la diretta delle regate:

LOG

23:37 ETNZL vince ancora per 1’28” e si porta sul 4-1. Da notare come nella seconda poppa i kiwi non abbiamo sbagliato nulla. Su Luna Rossa sembrano ancora subire un po’ troppo il mezzo.

23:30 Ma alla fine della bolina NZL allunga e gira con 1’06” di vantaggio

23:20 Finalmente un bel match race, con bruni che alla fine della poppa gira la boa di sinistra dopo che i kiwi avevano girato quella di destra, buon guadagno di LR che attacca nella bolina  e NZL che si difenze coprendo.

23:15 partenza pari sulla linea ma poi Draper non “asfalta” puggiando su ETNZL nel traverso quando ne ha l’opportunità, permettendo ai kiwi di girare boa 1 con 4″ di vantaggio

23:05 Vento salito a 18 nodi per race 5

22:39 2’18” il delta finale tra ETNZL e LR. I kwi si portano sul 3 a 1. Regata 5 alle 23.10. Sarà indispensabile che Draper riesca a partire con più convinzione. Non è ammissibile che in Coppa America si senta dire ciò che ha detto Draper alla fine della regata: “avevo il mio orologio quattro secondi in ritardo”.

22:31 1’55” per NZL alla fine della bolina. La conduzione oggi da parte di Draper non sembra pulita. Da segnalare le splendide virate con rollio dei kiwi in bolina

22:25 NZL copre LR, che si prende anche una penalità per essere uscito dal boundary di sinistra. Draper non sembra ispirato oggi.

22:18 33″ per NZL su LR a boa 2. Peccato per la partenza di Draper, un’occasione persa, perchè in poppa LR ha mostrato buoni miglioramenti in velocità e stabilità.

22:14 Draper era in controllo fino a 10 sec dallo start ma  poi lascia la porta aperta a Barker con NZL che gira a boa 1 con 12 secondi d vantaggio.

La gallery di Carlo Borlenghi:

Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 5 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 4 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 4 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 4 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 4 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 4 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 4 Luna Rossa Challenge 2013 Louis Vuitton Cup Final - Race 4

Dopo che nelle prime tre regate disputate ci sono state tre avarie maggiori e un quasi-ingavonamento, c’è curiosità per vedere cosa riserverà la giornata e se, finalmente, si riusciranno a disputare le due prove previste. I limiti di vento a 19 nodi, che con il calcolo della corrente sono a volte anche leggermente minori, hanno sin’ora smpre portato a rimandare la seconda regata del giorno. Cosa decisamente irrispettosa delle promesse di Russell Coutts, che davano gli AC72 in grado di regatare da 3 a 30 nodi… Un limite di vento a 19 nodi, pienamente giustificato peraltro vista la pericolosità degli AC72, esiste solo per i sempre splendidi Dinghy 12 piedi, esponenti primari di quella generazione flinstones che in passato ha dato vita alla leggenda dell’America’s Cup e che i facebook couttsiani stanno riuscendo a distruggere con scelte scellerate, coperte dall’enorme potenza economica e mediatica di Oracle Team USA.

Resta, quindi, da vedere cosa riuscirà a fare Luna Rossa. Se i nuovi daggerboard saranno affidabili oltre che veloci. Se il timoniere Chris Draper riuscirà finalmente a essere meno timoroso in partenza come in parte è riuscito a fare in regata 3. Se i kiwi riusciranno a tenere insieme il loro AC72 ai limiti di vento possibili, visto cge, man mano che trascorrono le giornate, i picchi massimi dei nodi  registrati dai log non fanno che aumentare.

L’equipaggio di oggi: Max Sirena (4-skipper and pitman), Francesco Bruni (9-tactician), David Carr (23-pitman/grinder), Pierluigi de Felice (10-trimmer), Simone De Mari (8-primary grinder), Chris Draper (11-helmsman), Xabi Fernandez (14-wing trimmer), Nick Hutton (2-bowman), Lele Marino (13-wing grinder), Marco Montis (51-freestyler) and Giles Scott (41-strategist/grinder)

Foto Borlenghi
LR vs ETNZL, questa sera race 4 e 5. Foto Borlenghi

 

Il Caso Oracle davanti alla Giuria nei prossimi giorni

Per quanto riguarda il procedimento della Giuria sul caso Oracle AC45, é stata convocata un’udienza in cui saranno discusse le prove contro esponenti di Oracle Team USA, relative alla regola 69 delle RRS e dell’articolo 60 del protocollo AC. La Giuria ha chiarito che l’udienza sarà segreta ma che le cobnclusioni saranno rese pubbliche. Dai rumor sembra anche che lo skipper James Spithill possa essere tra le persone sotto esame.

Foto Grenier
Foto Grenier

La Giuria ha emesso un ordine di confidenzialità:

http://noticeboard.americascup.com/wp-content/uploads/2011/08/JN101.pdf

Dopo aver specificato che, da rapporti e proprie investigazioni, persone associate con Oracle Team USA, possono aver commesso una grave comportamento come descritto dalle RRS America’s Cup Edition (regola 69). Il caso quindi è aperto, con le conseguenze che possono arrivare alla squalifica per un periodo certo non breve. Ricordiamo che se fosse provata la presenza di Spithill tra le persone passibili di regola 69, il defender perderebbe il suo timonere titolare per l’AC di settembre, che sarebbe eventualmente sostituito da Ben Ainslie.

Questo il testo usato dalla Giuria: The Jury for the 34th America’s Cup has information from reports and from its own investigation that persons associated with a Competitor, Oracle Team USA (OTUSA), may have committed Gross Misconduct as described in Racing Rules of Sailing America’s Cup Edition (RRSAC) rule 69
Per l’articolo 60, invece, l’udienza è stata fissata per il 26 agosto, alle ore 10 locali. Tale udienza sarà quindi seguente a quella per la regola 69, che sarà quindi tenuta tra oggi 21 agosto e il 25 agosto. La Giuria ha specificato di aver interrogato 16 membri di Oracle Team USA e 5 impiegati di ACRM.

Oracle, da parte sua, ha cercato di portarte davanti alla Giuria ETNZL e Luna Rossa con l’accusa di “trespassing”, ovvero di essere entrati nella base di Oracle per verificare gli AC45. Tale accusa è stata definita “risibile” da ETNZL ed è stata poi giudicata non ricevibile dalla Giuria che ha invitato Oracle Tram USA a ritirare la protesta.

L’articolo 60 del Protocollo AC:

Article 60 of the Protocol for the 34th America’s Cup
60. PROTECTING THE REPUTATION OF THE AMERICA’S CUP

60.1. The favorable reputation of the America’s Cup, its regattas, events, selected venues, Officials, sponsors, commercial partners and its Competitors is a valuable asset and creates financial and other tangible and intangible benefits for all. Accordingly, each Competitor shall not (and shall use its best efforts to ensure that any team member, owner, officer, employee, contractor, affiliate, agent or representative of the Competitor shall not) and each Official shall not make or cause to be made, or authorize or endorse, any public statement, or engage in any other act or conduct or any activity, in each case, on or off the water, that is prejudicial or detrimental to or against the welfare or the best interests of the America’s Cup, or the sport of sailing, or that may impair public confidence in the honest and orderly conduct of the America’s Cup, any Event, or in the integrity and good character of any Competitor, Official, selected venue, sponsor or other commercial partner of the America’s Cup. Conduct contrary to the welfare or the best interests of the America’s Cup includes, but is not limited to, public statements that unreasonably attack or disparage a regatta related to the America’s Cup, an Event, a selected venue, a funder, a sponsor, a commercial partner of the Event or a Competitor, another Competitor, an Official, or the commercial viability or integrity of the America’s Cup or any of its regattas or events, but responsible expressions of legitimate disagreement are not prohibited.

60.2 The Jury is authorized to discipline or otherwise penalize any Competitor (including any team member, owner, officer, employee, contractor, affiliate, agent or representative of the Competitor) or Official found by the Jury to have breached or violated Article 60.1 of this Protocol. The Jury may initiate its own enquiry into any breach or violation ofArticle 60.1, or may act upon receiving a report or complaint by or on behalf of any Competitor or an Official. The Jury may impose such penalties or orders as it believes to be just and equitable in accordance with this Protocol, including but not limited to those penalties set forth in Article 15.4(d). Any fines imposed by the Jury for breach of Article 60.1 shall be paid as may be directed by the Jury as it determines to be just and equitable.

60.3 All defined terms used in this Article 60 shall have the meanings given to them in this Protocol, with the addition, for the purposes of this Article 60 only, of the following:
(a) the definition of “Competitor” in Article 1.1(p) includes the yacht club holding the America’s Cup; and
(b) the definition of “Officials” in Article 1.1(mm) includes the Event Authority and ACRM and their respective officers, employees, contractors, representatives and agents.

La dichiarazione di ETNZL: “Allegations by Oracle that Emirates Team New Zealand had trespassed to gather information has been dismissed by the team as laughable.

Oracle alleged in a protest to the Jury that members of Emirates Team New Zealand and Luna Rossa had trespassed on an Oracle AC45 in an attempt to gain the information.

Emirates Team New Zealand refutes the allegation. A Yachting New Zealand crew which is competing in the Youth America’s Cup is using the Emirates Team New Zealand’s AC45. ETNZ has provided support, including helping to prepare the yacht for competition. The YNZ AC45 was parked alongside an Oracle yacht on common ground at Pier 30/32.

The team says Oracle is trying to confuse issues ahead of the Jury hearing on allegations of gross misconduct by Oracle team members under rule 69 of the Racing Rules of Sailing and a further hearing under Article 60 of the Protocol to determine whether Oracle had engaged in conduct detrimental to the America’s Cup.

The Jury hearings stem from the discovery of lead in AC45 yachts maintained by Oracle and raced in America’s Cup World Series regattas. Oracle admitted on August 8 that the one-design yachts had been modified without the permission of the measurement committee.

The Oracle protest alleges Emirates Team New Zealand and Luna Rossa crewmen had broken Protocol Article 37 which covers reconnaissance”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here