SHARE

Monaco- (Mauro Giuffrè) C’era grande attesa per la Palermo-Montecarlo 2013, la classica dell’altura estiva organizzata dal Circolo della Vela Sicilia, prova decisiva per l’assegnazione del Campionato Italiano Offshore. Lo Swan 42 Mandolino di Martino Orombelli e il Comet 41s Prospettica di Giacomo Gonzi si giocavano il titolo lungo le complesse 437 miglia, con gate obbligatorio a Porto Cervo.

Lo Swan 45 Mandolino
Lo Swan 42 Mandolino. Foto Carloni

Secondo la classifica provvisoria, che difficilmente subirà variazioni, la vittoria sia in IRC sia in ORC è andata all’X-41 Extra 1 di Massimo Barranco, con a bordo Marco e Gabriele Bruni, barca con i colori del Lauria, a cui va quindi il premio Angelo Randazzo riservato allo yacht vincitore nella categoria più numerosa, quest’anno l’ORC. Ottima prova quella di Extra 1 con scelte tattiche nette in Tirreno che l’hanno portata subito avanti in tempo reale. Alle spalle di Extra 1 troviamo proprio lo Swan 42 Mandolino di Orombelli, terzo l’X-41 WBfive, con i colori del Circolo della Vela Sicilia, skipper Piero Majolino con a bordo Pietro D’Alì. Il Comet 41s Prospettica di Giacomo Gonzi ha chiuso quinto, dopo una prima parte di regata combattuta vicino al diretto avversario: lo Swan 42 ha allungato dopo le Bocche di Bonifacio, giungendo sul traguardo circa 8 ore prima di Prospettica.
Secondo i primi calcoli Mandolino si assesta in testa al Campionato Italiano Offshore con 146.26 punti, mentre Prospettica si ferma a 142.91. L’ultima regata in calendario dell’Italiano Offshore si correrà in Adriatico, Trieste – San Giovanni – Trieste, ma sembra molto difficile che una della due protagoniste decida di parteciparvi.
http://www.palermo-montecarlo.it/2013/ita/index.asp

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here