SHARE

Cannes, Francia- Si è conclusa ieri la XXXVI edizione del Festival de la Plaisance de Cannes, l’’evento che apre la grande stagione dei saloni nautici autunnali e che serve da termometro agli operatori del settore per capire lo stato di salute di tutto il comparto. Nei sei giorni del salone FareVela è stata presente e, nonostante la percezione nostra e degli espositori fosse di una manifestazione nautica che rispetto agli anni passati ha fatto registrare meno movimento intorno alle banchine e agli stand, il giudizio complessivo risulta comunque sempre positivo.

Mentre l’area dedicata alle imbarcazioni a motore ha sofferto maggiormente il calo delle presenze (accanto ai “bestioni” motorizzati si sentiva parlare soprattutto il russo e non è certamente un caso), la vela ha attirato le simpatie dei visitatori giunti a Cannes per salire a bordo delle novità 2013. Per molti cantieri Port Vieux ha rappresentato il palcoscenico ideale per presentare le novità che terranno banco nei prossimi mesi, come l’Azuree 46 di Sirena Marine o il Gunfleet 58 del giovane boatyard inglese.

Secondo le prime stime diffusa dagli organizzatori sono stati circa 50.000 i visitatori accorsi alla XXXVI edizione del Festival de la Plaisance de Cannes
Secondo le prime stime diffusa dagli organizzatori sono stati circa 50.000 i visitatori accorsi alla XXXVI edizione del Festival de la Plaisance de Cannes

Durante la nostra permanenza, ci siamo fermati a parlare con i diversi espositori che così ci hanno raccontato la loro esperienza d’Oltralpe.

Hanse Group: ” Il Festival di Cannes è andato molto bene per noi. Certo, non c’è stata la gente dell’anno scorso, ma siamo comunque soddisfatti. Abbiamo notato un grande interessamento delle persone venute alle nostre barche”.

Mylius Yachts: “Certo è presto per trarre un bilancio su come sia andato realmente per noi il salone nautico. Bisognerà aspettare Natale e solamente allora potremo trarre le nostre conclusioni. Per noi questo è il primo anno e di certo torneremo anche il prossimo visto che siamo rimasti soddisfatti dell’organizzazione. Molti i visitatori e gli operatori del settore che ci sono venuti a trovare. Un discreto movimento che si è concretizzato nell’organizzazione di numerose visite”.

Numerose sono state le visite sulle barche a vela, come sullo Sly 54 riprodotto in foto
Numerose sono state le visite sulle barche a vela, come sullo Sly 54 riprodotto in foto

Cantiere del Pardo: “Per la nostra attività la Francia rappresenta il secondo mercato dopo l’Italia. Siamo rimasti anche noi molto soddisfatti perché, a parte la conferma di un’organizzazione all’altezza delle aspettative, abbiamo piacevolmente constatato che intorno ai Grand Soleil c’è grande attenzione da parte sia dei clienti sia da persone esterne. E la conferma arriva dal rapporto positivo fra il numero di visite e di contratti stipulati che è sempre molto alto”.

Sirena Marine: “Non ci poteva essere appuntamento internazionale più prestigioso del Festival de la Plaisance per il debutto mondiale del nostro nuovo 46 piedi. Dobbiamo ammettere che l’organizzazione si è dimostrata all’altezza delle aspettative e durante la fase di allestimento dello stand ci hanno fornito tutto il supporto necessario. In questi giorni poi sia la stampa sia le persone si sono dimostrate sensibili verso i fast cruiser della linea Azuree”.

Tan: “Per noi Cannes rappresenta l’esordio assoluto del nostro cantiere nel mondo dei catamarani ad alte prestazioni. Riteniamo che sia la giusta vetrina internazionale per mostrare ai giornalisti e agli armatori le qualità dei nostri multiscafi, realizzati dal noto studio VPLP. In più qui sono esposti molti multiscafi, il ché ci conferma che anche gli altri competitor non vi possono rinunciare”.

Sunreef: “Come in altre occasioni abbiamo scelto il Festival de Cannes per presentare le nostre novità e consentire al pubblico di vivere il sogno firmato Sunreef. Impeccabile l’organizzazione come sempre”.

www.festival-cannes.fr

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here