SHARE

Alicante, Spagna- Se l’America’s Cup si dovrà ridisegnare per garantire un numero sufficiente di iscritti alla prossima edizione, la Volvo Ocean Race sembra trarre i frutti dalla scelta di passare al One Design, con i Volvo Ocean 65. Il massimo evento per la vela oceanica in equipaggio, infatti, conta di avere sette, se non otto, team iscritti alla prossima edizione, in partenza nell’autunno 2014 da Alicante. Sono infatti sette i Volvo 65 One Design già prodotti o in fase di costruzione presso il consorzio di cantieri, Persico Marine in Italia, Multiplast in Francia, Green Marine in Inghilterra e Decision in Svizzera. Ricordiamo che nell’ultima edizione del giro del mondo a tappe per equipaggi professionisti erano in regata sei team.

Il primo Volvo 65 OD è stato consegnato come noto al team femminile Team SCA e già naviga in Inghilterra in attesa del trasferimento a Lanzarote. Il secondo è stato consegnato e il terzo viene stazzato in questa settimana. Il numero 4 è in allestimento finale da Green Marine, dove arriveranno in settimana anche lo scafo e la coperta del numero 5, costruiti rispettivamente da Persico Marine e da Multiplast. Proprio a Nembro, presso Bergamo, Persico sta costruendo gli scafi sei e sette, contemporaneamente a quello che Multiplast sta facendo per le coperte. Lo scafo numero otto potrebbe essere aggiunto all’elenco se arriverà la conferma da parte di un altro team che starebbe ultimando la raccolta del budget.

La prima uscita del Volvo Ocean 65 con Team SCA. Foto Tomlinson
La prima uscita del Volvo Ocean 65 con Team SCA. Foto Tomlinson

Ma a chi andranno questi Volvo Ocean 65? Dopo Team SCA e Abu Dhabi, i due team già confermati, ci sarà un forte gruppo olandese che farebbe capo a Team Heiner, Team New Zealand con Grant Dalton che dopo la delusione dell’America’s Cup dovrebbe poter contare di nuovo sull’apporto dello sponsor Camper, un team inglese, uno spagnolo gestito al solito da Pedro Campos e uno cinese con skipper europeo. Per maggiori dettagli, citiamo l’analisi della sempre ben informata VSail. Pare sfumata, invece, la possibilità di avere un team Alinghi. E la vela italiana? Purtroppo, nonostante i tentativi di Bonadeo e dello YC Costa Smeralda, sembra proprio che neanche questa volta ci saremo.

www.volvooceanrace.com

2 COMMENTS

  1. E’ un peccato che neppure questa volta ci sarà una barca italiana alla Volvo Ocean Race, che rappresenta il massimo della vera marineria internazionale. Sorge spontaneo il sospetto che il motivo possa essere l’esigua visibilità della regata se paragonata a quella dell’America’s Cup…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here