SHARE

Genova- Il Salone di Genova è stato il teatro, sabato pomeriggio, delle premiazioni degli armatori dell’anno e del Campionato Italiano Offshore della Federazione Italiana Vela e dall’Unione Vela d’Altura Italiana. L’Armatore dell’Anno-Trofeo Sergio Masserotti, una classifica che coinvolge tutti gli armatori italiani impegnati nelle regate a rating, ha visto la vittoria per la terza volta del napoletano Enzo De Blasio, armatore dell’NM 38 Scugnizza e vincitore, nel 2013, anche del titolo Mondiale d’altura ORC.

Gli armatori dell'anno premiati al Salone di Genova
Gli armatori dell’anno premiati al Salone di Genova. Foto Taccola

Oltre al premio assoluto, consegnato dal Presidente dell’UVAI Francesco Siculiana, De Blasio ha vinto il titolo anche in Classe 3, mentre gli altri vincitori di classe sono risultati Marco Serafini di Hurakan (Classe A), Sergio Quirino Valente di Duvetica White Goose (Classe 1), Nicola De Gemmis di Morgan IV (Classe 2), Salvatore Casolaro di Vlag (Classe 4-5) e Raimondo Cappa di Garopera (Minialtura).

L’ambita classifica del Campionato Italiano Offshore 2013, il circuito che riunisce le principali regate d’altura organizzate lungo la penisola, ha visto la vittoria dello Swan 42 Mandolino del ligure Martino Orobelli, che ha prevalso dopo una lunga e appassionante lotta (decisivo il risultato della Palermo-Montecarlo) sul Comet 41 Prospettica del toscano Giacomo Gonzi, secondo a meno di un punto. Al terzo posto,
il Sun Fast 3200 Scheggia di Nino Merola. Presente alla premiazione il Presidente dell’ISAF e della FIV Carlo Croce. protagonista di una bellissima stagione. I titoli Italiani offshore di classe sono stati infine assegnati ai già citati Mandolino (Classe 1), Prospettica (Classe 2) e Scheggia (Classe 4), nonché al Cookson 50 Cippa Lippa 8 di Guido Paolo Gamucci (Classe 0) e al First 36.7 Tpol di Marco Franzetti (Classe 3).

La premiazione del Campionato Italiano Offshore. Foto Taccola
La premiazione del Campionato Italiano Offshore. Foto Taccola

www.federvela.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here