SHARE

Pirano, Slovenia- Conclusa a Pirano la II edizione dell’Istra Challenge, interessante e tecnico Campionato IRC dell’Alto Adriatico. Il Millenium 40 Duferco Energia conquista il trofeo in vetro di Murano, davanti a La Dolce Vita e al campione uscente Joe Fly. Premiazione nella Sala del Consiglio del comune di Pirano.

Grande soddisfazione da parte di tutti i concorrenti per la seconda edizione di Istra Challenge: le nove prove previste dal bando di regata sono state tutte regolarmente svolte nell’arco dei due week end della manifestazione istriana. “Abbiamo avuto ogni condizione di vento”, ha affermato l’olimpico Lorenzo Bodini, timoniere di Duferco Energia, “a dimostrazione della validità di questo evento e della location scelta dagli organizzatori. Qui venivamo da ragazzi ad allenarci con le derive nel periodo invernale, perché Pirano gode di un microclima particolare: in caso di bonaccia si genera sempre un po’ d’aria, mentre la configurazione orografica rende la baia ridossata dai venti forti e dall’onda”.

Oggi si sono svolte le ultime due prove a bastone bolina-poppa, con vento da sud tra i 10 e 15 nodi e sole. Nella prima, Magia3 Illyteca ha messo a segno la quinta vittoria parziale consecutiva, seguita dal First 40.7 La Dolce Vita, protagonista di un magnifico campionato. Alla partenza della prova finale solo un punto e mezzo la distanziava dal leader Duferco Energia.

In regata a Pirano. Foto Carloni
In regata a Pirano. Foto Carloni

La nona e ultima prova ha visto Duferco tirar fuori una grande grinta che gli è valsa la vittoria parziale e di campionato, con un gran recupero nel bordeggio sul campione uscente Joe Fly, giunto terzo. Al secondo posto parziale Magia3  che termina il suo grande recupero ai piedi del podio, aggiudicandosi la vittoria IRC tra le barche più piccole, seguita dall’Xp33 Marrakech Express, al suo debutto agonistico a Istra Challenge.

Tra i volti noti della vela presenti a Istra Challenge, il mitico Dani de Grassi, piranese di nascita che ha iniziato su un Dinghy in queste acque e il gardesano Oscar Tonoli, al timone di Rocket 1 Itas: “Sono a Pirano per la prima volta e spero di ritornare perché l’evento merita davvero. La nostra barca è grande e fatica un po’ a pagarsi il compenso con regate così brevi e tirate, ma fa parte del gioco, va bene così. Inoltre, questa località è splendida, mi ricorda tanto i più bei borghi del Garda, come Sirmione o Salò”.

Bilancio positivo della seconda edizione di Istra Challenge nelle parole del promoter, Alvise Calioni Bembo: “I sorrisi soddisfatti dei concorrenti non richiedono ulteriori commenti da parte mia, sono lieto di averli portati a Pirano, una località che molti definiscono la Saint Tropez dell’Adriatico. Regatare qui è piacevole non solo in mare, ma anche per il contesto a terra e per i momenti sociali. Stiamo già lavorando alla prossima edizione con la municipalità e l’Hotel Pirano, quartier generale dell’organizzazione affacciato direttamente sul porto che ospita la flotta. Quanto alla formula IRC, ancora poco conosciuta in Adriatico, sono convinto che sia destinata a riscuotere un sempre maggior successo, come hanno dimostrato i concorrenti, cresciuti in termini sia numerici che agonistici rispetto allo scorso anno”.

www.istrachallenge.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here