SHARE

Aggiornamento ore 10:15- Giancarlo Pedote impressiona in questi primi tre giorni di Transat 650. Alle 8 di oggi, Prysmian aveva 45 miglia di vantaggio su Nicolas Boidevezi, che sta cercando con un bordo mure a dritta di recuperare molto ovest prima dell’ultima strambata per Lanzarote. Pedote, invece, sta continuando dalle 20 di ieri sera a navigare mure a sinistra a 200 miglia dal passaggio di Lanzarote, previsto a questo punto per domani mattina.

Aggiornamento ore 20:15- E poco prima delle 20 è arrivata la strambata di Pedote per guadagnare un po’ più di ovest, il vantaggio è aumentato fino a 45,8 miglia su Boidevezi. Accidenti quanto cammina il Prysmian, ottima gestione tattica e meteo di Pedote che ora appare ben posizionato, in controllo e in grado di ristrambare a breve per puntare su Lanzarote…

Lanzarote, Canarie- Vedere Giancarlo Pedote in fuga nella Transat 650 è motivo di grande soddisfazione per la vela italiana, che sta iniziando a seguire con attenzione quella che potrebbe essere un’impresa: un velista italiano in testa alla mitica Mini Transat, con una flotta di francesi all’inseguimento. E non certo un caso, visto che il marinaio fiorentino, tesserato per la LNI Follonica, ha preparato questo evento in modo professionale e capillare curando tutti i particolari, suoi e della barca. Vedremo come proseguirà, certo è che sin’ora Pedote e Prysmian non hanno sbagliato una mossa anche se la regata è lunghissima e dura, visto che mancano ancora 3.144 miglia all’arrivo in Guadalupa.

Prysmian in regata. Foto Vapillon
Prysmian in regata. Foto Vapillon

Al rilevamento delle 12:00 di oggi, Prysmian ha aumentato ancora il suo vantaggio ed è a +42,2 miglia sul secondo, il francese Nicolas Boidevezi. Terzo è ora Benoit Marie, a 43,9 miglia. Ottimo posizionamento nell’approccio a Lanzarote, che andrà lasciata a dritta, visto che il Mini dalla prua tonda si trova assai vicino all’ortodromica e ha velocità medie impressionanti per un Mini (ieri record personale sulle 24 ore con 273,89 miglia a 11,4 nodi di media, davvero niente male). Tra 24-36 ore, Prysmian dovrà affrontare un relativo calo dell’Aliseo e alcune rotazioni da interpretare al meglio con eventuali strambate. Da segnalare come gli inseguitori immediati si trovino un po’ più a ovest, il che apre tatticamente scenari variabili anche se Pedote sembrerebbe in grado di gestire bene la situazione.

Da segnalare l’abbandono di uno dei favoriti tra i proto, Gwenole Gahinet, per problemi alla chiglia basculante.

Tra i Serie Alberto Bona è 12esimo, a 84 miglia dal leader Belloir. Tra i Proto buon 16esimo posto di Michele Zambelli su Fontanot, a 148 miglia da pedote.

http://www.minitransat.fr/cartographie?lang=en

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here