SHARE

Fiumicino- Buone notizie dalla Comar. Il cantiere di Fiumicino, di cui da un po’ di tempo avevamo perso le tracce “progettuali” e che alcune voci maligne davano per spacciato, risorge presentando la nuova linea di multiscafi Comet Cat.

Da sempre specializzati nella costruzione di monoscafi dalle indiscusse qualità (si vedano ad esempio i progetti dei Comet 52 Raised Salon, vincitore nel 2008 dell’European Yacht of the Year, o del Comet 41 s), Massimo e Flavia Guardigli hanno deciso di rispondere all’attuale momento di crisi generale aprendosi al mercato dei multiscafi.

La nuova linea di multiscafi Comet Cat della Comar. I progetti, che spaziano dal 37 all'84 piedi, sono stati disegnati da Marc Lombard
La nuova linea di multiscafi Comet Cat della Comar. I progetti, che spaziano dal 37 all’84 piedi, sono stati disegnati da Marc Lombard

Per ottenere i risultati prefissati, i proprietari del cantiere si sono affidati alla mano sapiente di Marc Lombard, apprezzato soprattutto in Francia per i progetti dei suoi multiscafi oceanici. L’architetto ha avuto il merito di disegnare catamarani fedeli al DNA dei Comet, ovvero grande abitabilità in forme sportive.

Così le loro tughe riprendono lo stile e l’eleganza della linea Raised Saloon, i volumi degli ambienti interni sono molto generosi e le linee sono filanti e sportive. Misure adottate per non tradire il family feeling della gamma e del cantiere.

Attualmente la linea Cat è composta da imbarcazioni di 84 piedi custom,  62 e  37 piedi. Quest’ultimo anche in versione natante. Le sorelle maggiori saranno realizzate interamente in carbonio e la forma delle derive sarà a sciabola per garantire una maggiore velocità. Sul 37 sarà possibile avere una doppia timoneria.

Gli ambienti interni sono molto luminosi e spaziosi, proprio come vuole la filosofia dei Comet Raised Saloon
Gli ambienti interni sono molto luminosi e spaziosi, proprio come vuole la filosofia dei Comet Raised Saloon

Questa nuova linea, innovativa per Comar, è la risposta all’attuale crisi che ha messo a dura prova il mercato. Quello dei catamarani sembra essere un comparto in evoluzione positiva anche nei nostri mari, oltre che avere un buon gradimento internazionale. Di fatto il multiscafo può essere anche una prima chiave di ingresso nel mondo della vela per gli armatori che tradizionalmente navigano a motore, per un fatto di stabilità e di facilità di gestione”, commenta Massimo Guardigli.

www.comaryachts.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here