SHARE

Parigi, Francia- È esposto in questi giorni al Salon Nautique International de Paris, in programma a Porte de Versailles fino al 15 dicembre, il leggendario Pen Duick II, a bordo del quale il francese Eric Tabarly vinse la Ostar nel 1964, intaccando la supremazia degli inglesi per una regata che loro sentivano di casa.

Il disegno del Pen Duick II con il quale Tabarly vinse nel 1964 la mitica Ostar
Il disegno del Pen Duick II con il quale Tabarly vinse nel 1964 la mitica Ostar

Il restauro di Pen Duick II, progettato dallo stesso Tabarly con la collaborazione di Gilles Costantini, era iniziato nel 2003 grazie al finanziamento erogato da Banque Populaire a favore dell’associazione Eric Tabarly. E la fiera nautica parigina è il palcoscenico ideale per entrambi perché, se da una parte si celebrano i quarant’anni dalle celebre vittoria del velista francese, dall’altra la banca festeggia i 25 anni da quando ha dato il via a sponsorizzazioni nel mondo della vela.

Oggi Pen Duick II è di proprietà dell’École Nationale de Voile, sita a Quiberon. A parte un breve periodo invernale (da febbraio a marzo), il ketch è in navigazione tutto l’anno. E’ utilizzato come barca scuola per i giovani velisti del Brevet d’État desiderosi di diventare istruttori federali e allo stesso tempo è a disposizione di quel pubblico di velisti amatori che sognano di sentirsi un po’ Eric Tabarly e veleggiare a  bordo del  leggendario Pen Duick II.

www.salonnautiqueparis.com

3 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here