SHARE

Rotterdam, Olanda- Si è concluso positivamente il 26 dicembre nel porto di Rotterdam il salvataggio di Bernard Stamm e Damien Guillou dopo il naufragio del loro Imoca 60 Cheminees Poujolat occorso il 24 dicembre durante il trasferimento dalle Azzorre alla Bretagna seguito alla Transat Jacques Vabre.

Cheminees Poujolat è affondato lentamente a causa di un cedimento strutturale causato da un’onda violenta in 40-45 nodi di vento in Biscaglia. Dopo vari tentativi Stamm e Guillou sono stati recuperati dal cargo norvegese Star Isfjord dopo non poche difficoltà, che si è poi diretto a Rotterdam, dove lo skipper svizzero ha tenuto a ringrazie l’equipaggio del cargo per la maestria dimostrata.

Cheninees Poujolat durante la Transat Jacques Vabre
Cheninees Poujolat durante la Transat Jacques Vabre

6 COMMENTS

    • Ciao Luca, dalle ricostruzioni e dichiarazioni di Stamm l’Imoca 60 ha sbattuto su un’onda particolarmente grande, pur navigando sottoinvelato opportunamente, riportando un gravissimo cedimento strutturale che ha di fatto “spaccato” la barca in due.

  1. Ma c’è un motivo particolare per cui questa notizia che risale ai giorni di Natale (ho letto dell’accaduto sui siti anglosassoni il 24 dicembre…) viene riportata solo oggi sia da voi e sia dal sito del Giornale della Vela?

    • Buonasera Roberto, Nessun motivo particolare, semplicemente ci era scappata nei giorni precedenti e l’abbiamo data appena ne siamo venuti a conoscenza. Buon anno a Lei.

  2. Un fatto del genere non dovrebbe mai accadere ad una barca d’alto mare, a meno che non vada contro gli scogli. Un fatto che denota sicuramente una cattiva costruzione o una disavventura precedente di quel tipo alla quale non era succeduta una adeguata riparazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here