SHARE

Londra, UK- Dopo l’annuncio dell’arrivo di Sir Ben Ainslie, le Extreme Sailing Series presentano il circuito 2014 con un altro grandissimo nome, Franck Cammas che sarà in regata con un Extreme 40 griffato Groupama. Anche per il francese un test in orbita America’s Cup, in attesa che venga definito il circuito 2015 con gli Ac45 sui foil. Confermata anche la presenza di Alinghi di Ernesto Bertarelli.

OC Sport, la società organizzatrice delle Extreme Sailing Series™, e Land Rover, uno dei due main partner del circuito, hanno confermato oggi nel corso di un’affollata conferenza stampa al London Boat Show, i dettagli della nuova stagione del tour mondiale. Il circuito, riconosciuto dall’ISAF come Special Event, festeggerà il suo ottavo anno di presenza nel calendario della vela internazionale, toccando otto città simbolo in tre diversi continenti, nell’arco di 11 mesi, con 9 team di alto profilo pronti a darsi battaglia per vincere il trofeo 2014 delle Extreme Sailing Series™. Si avrà l’ingresso di Sydney, con regate che si annunciano oltremodo spettacolari di fronte all’Opera House.

Extreme 40 a Sydney
Extreme 40 a Sydney

“Il 2014 è l’ottavo anno dell’originale format delle regate stile stadio e il quarto come tour mondiale” ha commentato il presidente della OC Sport Mark Turner “Abbiamo aggiunto due importanti mercati a livello commerciale per i nostri investitori e mantenuto sei delle location della stagione passata, cosi come tutti I team del 2013. Stiamo continuando a far crescere questo evento, che, oltre ad offrire uno spettacolo sportivo di alto livello, garantisce anche un forte ritorno commerciale per i nostri partner. Questa combinazione rimane la nostra priorità per questo evento.”

Un circuito articolato attraverso Asia, Medio Oriente e Europa
Per la prima volta Singapore aprirà il sipario del circuito, ospitando la prima tappa del 2014 dal 20 febbraio nel cuore della città, la rinomata Marina Bay.

Un mese dopo sarà la volta dell’Oman per la seconda tappa (19 al 22 marzo), prima che la flotta ritorni nella città della vela olimpica cinese, Qindao, a maggio.

San Pietroburgo in Russia sarà una delle due novità per il 2014. Considerata una delle città più suggestive al mondo, con la sua straordinaria storia, ha tutte le carte in regola per offrire un Act indimenticabile dal 26 al 29 giugno prossimi.

L’appuntamento nel Regno Unito, porterà, durante il week end del 22-25 agosto, la flotta dei catamarani nel cuore della capitale del Galles, Cardiff, uno degli “stadi” più piccoli del circuito.

Dall’11 settembre toccherà a Istanbul in Turchia ospitare l’Act numero 6, prima della penultima tappa della stagione, in una località ancora da confermare, che si svolgerà nel Mediterraneo agli inizi di ottobre.

L’atto conclusivo del 2014 sarà ospitato, agli inizi di dicembre, per la prima volta nell’emisfero sud del pianeta, in una delle città più rappresentative al mondo, Sydney in Australia.

Il Brasile, assente nel 2014, tornerà nel calendario delle Extreme Sailing Series nel 2015, sulla scia del successo della tappa conclusiva del 2013 a Florianopolis.

Nove team, sette nazioni, 45 velisti di alto livello
Il 2014 offrirà una delle flotte più competitive mai viste nel circuito, con vincitori dell’America’s Cup, eroi olimpici, campioni del mondo e velisti oceanici, che si sfideranno all’interno dei caratteristici campi di regata stile stadio, considerati i più impegnativi nel mondo della vela professionale inshore. Oltre a tutti i team del 2013, la nuova stagione vedrà alcuni nuovi volti, a conferma della tenuta del modello del circuito nel lungo periodo.

Uno dei nuovi skipper arruolati per il 2014 è la leggenda olimpica Ben Ainslie, che ha giocato un ruolo chiave nella vittoria di Oracle Team USA nella 34° America’s Cup. Ainslie, dopo aver partecipato a 3 tappe nel 2011 con Oman Air, torna nel circuito con il proprio team J.P. Morgan BAR. “Sono delle regate incredibili” ricorda Ben Ainslie “chiunque abbia visto o partecipato alle Series può confermare che la velocità delle barche, gli spazi ristretti e il numero dell barche rendono le regate ricche di azione e di difficoltà tecniche. Inoltre ci sono team molto forti che partecipano da tempo al circuito. Per esempio Leigh McMillan e il suo team sono stati il punto di riferimento delle due passate stagioni. Senza peraltro dimenticare Alinghi. Guardando al talento di questi team e alla loro storia nel tour, ci sentiamo un pò come se fossimo dei nuovi giovani esordienti sulla linea di partenza.”

Il campione in carica, Leigh McMillan, sarà ancora al timone di The Wave, Muscat per difendere il titolo. “Amo regatare in questo circuito. E’ intenso e sempre diverso. Per questo sono emozionato di partecipare di novo nel 2014. Conquistare il terzo titolo sarebbe qualcosa di cui sarei davvero orgoglioso” Ha commentato McMillan.

Oman Sail schiererà un secondo team, Oman Air, timonato dal britannico Rob Greenhalgh, grande esperto di Extreme 40 e vincitore del circuito inaugurale nel 2007.

Un altro ritorno di grido è quello di Franck Cammas, vincitore dell’ultima edizione della Volvo Ocean Race e attualmente in campagna olimpica per Rio 2016 con il Nacra 17. Cammas sarà al timone di Groupama Team France. La vittoria delle Extreme Sailing Series è un successo che il francese ancora non è riuscito ad inserire nel proprio palmares, nonostante due precedenti tentativi, nel 2009 e nel 2010, quando si classificò rispettivamente al quarto e al quinto posto.

Alinghi sarà nuovamente sulla linea di partenza con Ernesto Bertarelli al timone e lo stesso equipaggio del 2013, compreso Morgan Larson alla tattica. Bertarelli ha così commentato la scelta di essere di nuovo sulla linea di partenza: “L’aver concluso nel 2013 al secondo posto con lo stesso punteggio del vincitore è una motivazione molto importante per il team che è pronto a dare battaglia fino all’ultimo anche nel 2014! La formula delle Extreme Sailing Series, una combinazione tra barche monotipo, regate brevi e combattute insieme a un’ulteriore crescita delle location, offre a tutti – team e sponsor – la possibilità di vivere un’esperienza molto coinvolgente. Alinghi parteciperà per la quinta volta nel 2014 ed io non vedo l’ora di cominciare a regatare.”

Anche il secondo team svizzero, Realteam, sarà nuovamente in acqua per il suo secondo anno nel circuito.

Roman Hagara e Hans Peter Steinacher saranno i leader del team austriaco Red Bull Sailing Team per il quinto anno, mentre i danesi di SAP Extreme Sailing Team affronteranno il loro terzo anno consecutivo, determinati a centrare il podio, perso per un soffio nel 2013.

GAC Pindar schiererà un team completamente nuovo per il 2014, cosi gli sfidanti australiani per l’America’s Cup si preparano a debuttare nelle regate stile stadio guidati da Seve Jarvin, che con I suoi 27 anni di età sarà il più giovane skipper della flotta.

La tappa di apertura si terrà tra sole sei settimane a Singapore, con la barca locale Team Aberdeen Singapore che si aggiungerà ai nove team sulla griglia di partenza.

Tappe delle Extreme Sailing Series ™ 2014
Act 1: Singapore, 20-23 febbraio
Act 2: Muscat, 19-22 marzo
Act 3: Qingdao, 1-4 maggio
Act 4: San Pietroburgo, 26-29 giugno
Act 5: Cardiff, 22-25 agosto
Act 6: Istanbul, 11-14 settembre
Act 7: Mediterraneo 2-5 ottobre
Act 8: Sydney, 11-14 dicembre

Extreme Sailing Series™ 2014 squadre e skipper
Team / Skipper
Alinghi (SUI) – Ernesto Bertarelli (SUI)
GAC Pindar (AUS) – Seve Jarvin (AUS)
Groupama Team France (FRA) – Franck Cammas (FRA)
J.P. Morgan BAR (GBR) – Ben Ainslie (GBR)
Oman Air (OMA) – Rob Greenhalgh (GBR)
Realteam (SUI) – Jérome Clerc (SUI)
Red Bull Sailing Team (AUT) – Roman Hagara (AUT)
SAP Extreme Sailing Team (DEN) – Jes Gram-Hansen (DEN) / Rasmus Køstner (DEN)
The Wave, Muscat (OMA) – Leigh McMillan (GBR)

www.extremesailingseries.com

2 COMMENTS

  1. Scorrendo l’elenco dei partecipanti comprendo come mai Maserati sia così avanti . Non è possibile competere con cruiser anzi day cruisers.. con tutto il rispetto per il nostro grandissimo Giovanni Soldini

    • Ovviamente questo commento si riferisce alla news sull’incidente alla Cape2Rio. Preghiamo Maria Pia di ripubblicarlo nella sede opportuna, in fondo alla news citata. Noi non possiamo farlo. Un saluto e grazie

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here